Utente
Salve. A seguito di una resezione intestinale degli ultimi 30 cm. dell'ileo terminale (causata da un' angiodisplasia del tenue), ho iniziato ad accusare dolori addominali con scariche di diarrea più volte al giorno. Dopo aver fatto tutti gli esami possibili i medici che mi hanno operato hanno escluso qualsiasi malattia intestinale. Il chirurgo ritiene che questi sintomi siano dovuti al malassorbimento dei sali biliari dovuto alla resezione che irritano il colon. Su consiglio del medico ho iniziato ad assumere il Questran, mezza bustina al giorno e i sintomi sono scomparsi. Sono ormai trascorsi diversi anni dall'intervento e questa colestiramina ha risolto tutti i miei problemi; mi sentivo benissimo fino a quando di recente hanno tolto il questran dal mercato. Dopo anni sono ritornati i classici sintomi da malassorbimento (diarrea grassa, dolori addominali subito dopo i pasti). La mia domanda è la seguente: possibile non ci sia un farmaco alternativo chelante dei sali biliari in italia? Voi specialisti in gastroenterologia potreste fare qualcosa per spingere l'azienda a riportare il farmaco sul mercato? Noi pazienti non possiamo essere abbandonati in questo modo ed è assurdo che non ci sia un farmaco alternativo. Francamente sono disperato e voi medici siete la nostra unica speranza per cercare di smuovere le acque. Altri pazienti sono nella mia stessa condizione.
Grazie per l'eventuale risposta.

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Ecco quanto sono riuscito a sapere:
"E' introvabile da agosto il Questran (colestiramina), un vecchio farmaco, poco costoso ma efficace e insostituibile per chi soffre di malattie dell'intestino, come il morbo di Crohn, seppure indicato contro l'ipercolesterolemia e per ridurre il prurito associato al blocco parziale delle vie biliari e non direttamente per le patologie intestinali. L'Aifa - come riferito all'Adnkronos Salute - indica che sarà mancante "fino al 28 febbraio 2019", secondo la data comunicata dall'azienda, per problemi alla linea di produzione. Non ci sono farmaci equivalenti. Per questo l'Agenzia del farmaco ha autorizzato le strutture sanitarie all'importazione dall'estero."
Spero le sia utile.
Cordialmente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente
Grazie per la risposta. Il problema è che il farmaco sta finendo anche all'estero in quanto all'azienda produttrice non arriva più il principio attivo dalla ditta fornitrice, cosa francamente incredibile. Aggiungiamo poi il fatto che non esiste sul mercato un sostituto. Il problema è serissimo, ci ritroviamo con una quantità infinita di integratori spesso inutili e non c'è un sostituto per un farmaco che è indispensabile per avere una accettabile qualità della vita.
Il mio è un accorato appello ai medici che ogni giorno cercano di migliorare la vita dei pazienti. Fate qualcosa, contattate il ministero della sanità e l'azienda produttrice per cercare di sbloccare la situazione. Sarebbe un piccolo gesto ma per noi pazienti di enorme significato.
Spero che qualcuno possa aiutare i tanti che si trovano nella mia condizione.
Vi ringrazio per l'attenzione.

[#3]  
Dr. Irene Tosetti

20% attività
8% attualità
4% socialità
SVIZZERA (CH)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2012
Ho chiesto per un altro paziente poco più di un mese fa alla farmacia comunale di Aosta e da loro il Questran (colestiramina) era ancora disponibile; provi a telefonare per una spedizione +39 0165-40626 . In alternativa può' rivolgersi al servizio spedizioni della farmacia del vaticano, caro ma efficace, o ad altre farmacie estere della Unione Europea che potranno inviarle il farmaco dietro presentazione della ricetta di un medico italiano. Per esempio c'è The Social Medwork in Olanda (parlano italiano) https://thesocialmedwork.com/contact-us

in bocca al lupo per la Sua ricerca! Forza, vedrà che lo trova e ricomincerà a vivere tranquillo.
Dr.ssa Irene Tosetti
Specialista in Anestesista e Rianimazione
Ospedale Universitario di Ginevra, Svizzera