Utente 410XXX
buongiorno,
ho 37 anni e vorrei chiedervi un consulto riguardo un fastidio che ho da qualche tempo.
da circa 2-3 mesi, sporadicamente, diciamo 2/3 volte al mese soffro di diarrea e crampi al basso addome, avviene soprattutto di sera, dopo circa 2/3 ore dai pasti. subito dopo l'evacuazione i crampi spariscono.
un mese fa, mentre pranzavo, ho avvertito un dolore persistente all'alto addome destro, immediatamente sotto l'ultima costola. il dolore è durato circa una giornata per poi passare da solo. il mio medico di base mi ha prescritto delle analisi del sangue ed un'ecografia epatica. nel frattempo, in attesa delle analisi e dell'ecografia, mi sono preoccupata non poco vivendo giorni in stato di ansia con la paura che potesse essere qualcosa di brutto. proprio in quei giorni mi è tornato il dolore al fianco, questa volta molto meno intenso, sembrava venissi pizzicata da spilli, non era un fastidio continuo... lo avvertivo 4/5 volte al giorno, il fastidio oscillava dall'addome, al fianco, a volte fin dietro la schiena. le analisi sono nella norma e l'ecografia, estesa tra fegato, pancreas, cistifellea e rene non ha evidenziato nulla. il mio medico ha pensato potesse trattarsi di colite, mi ha prescritto valpinax per 15 gg. e fermenti lattici. sono passati 10 gg. dall'inizio della cura ma, anche se davvero molto lievi, accuso ancora dei piccoli fastidi durante il giorno, non più sull'addome ma solo sul fianco e sulla schiena. sono molto lievi, ma ancora ci sono.
la preoccupazione ha preso di nuovo il sopravvento, pensate sia necessaria una colonscopia per scongiurare qualsiasi altra malattia? potrebbe trattarsi di problemi relativi al polmone dato il fastidio alla schiena?
da quando ho iniziato la cura non ho più problemi di diarrea.
grazie per il vostro consulto.

[#1] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Solo intestino irritabile.
Segua la terapia e stia più serena senza pensare a diagnosi catastrofiche.
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 410XXX

gentile dr. bacosi la ringrazio per la sua risposta. nonostante la fine della terapia il fastidi al fianco persiste, a giorni più forte a giorni più lieve.
è possibile che l'intestino irritabile continui a manifestare fastidi del genere per così tanto tempo? ad oggi sono circa 3 settimane.
la ringrazio ancora

[#3] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
L'intestino irritabile dura tutta la vita.
Si può tenere sotto controllo.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia