Utente
Buongiorno, innanzitutto Vi ringrazio anticipatamente per il tempo che mi dedicherete rispondendo alla mia domanda.
Ho 22 anni e, da un anno a questa parte mi è stato diagnosticato il morbo di crohn, al momento sono in cura con salazopirina e deltacortene (per fare sparire gli eritemi nodosi), ma da giugno, inizierò la terapia biologica.
Vi scrivo perché da circa una settimana, presento un forte dolore nella zona anale, dolore che, da qualche giorno, ho notato si placa leggermente da seduta, e totalmente durante la notte. Questo dolore mi spinge involontariamente ad inarcare la schiena, creandomi dolore anche qui, soprattutto nella zona lombare e, mi da la sensazione di sentire tirare i muscoli delle gambe, come se fosse stato intaccato un nervo principale, a cui tutto è collegato. Le mie feci durante la pre-comparsa di questo dolore erano forse, le più normali che io avessi mai fatto dalla diagnosi del crohn, perciò, non trattandosi di stipsi o di diarrea, non riesco a trovare una motivazioni a quelle che sembrano delle comuni emorroidi (che hanno riscontrato in entrambe le colonscopie che ho effettuato).
Ho contattato il mio ge, provando a descrivergli più o meno l'anatomia del problema, presentandolo come: un cordicino o una vena sottocutanea ingrossata, posizionata tra l'ano e la vagina o meglio, sembra proprio che dall'uno entri nell'altro. Lui ha risposto che avrei dovuto farmi controllare in quanto sia impossibile che le emorroidi si attacchino alla vagina.
La ginecologa, l'ha invece ritenuto "qualcosa nella norma per tutte le donne, l semplicemente è infiammato".
Nessuno mi ha però, ancora detto di cosa possa trattarsi e come farlo sparire!! Voi sapreste dirmi di cosa sto parlando e, cosa mi sta impedendo di deambulare normalmente da giorni?

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Deve farsi visitare quanto prima.
Nella malattia di Crohn possono verificarsi accessi e Fiesole perianali!!!!
Occorre una visita diretta per escludere tale complicazione!
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia