Utente 511XXX
Buongiorno stiamo facendo la cura io e il mio compagno di Ciproxin e daflon poiché ho contratto l escheria coli volevo sapere se possiamo avere rapporti ma soprattutto se e un batterio che debellero' o una volta contratto non va più via grazie attendo con ansia una risposta

[#1]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Contrarre l’Escherichia Coli non è un’espressione corretta, poichè di questo batterio ve ne sono sempre almeno molti miliardi nel grosso intestino anche in condizioni normali. Come e perchè questi batteri sostanzialmente innocui, ed addirittura utili per lil funzionamento intestinale, ad un certo diventino aggressivi e migrino versomle vie urinarie creando problemi a questo livello non è semplice da dimostrare ed evitare. L’approccio non è mai solo urologico, assai importante è anche (e talora soprattutto) considerare la situazione dal punto di vista gastro-enterologico e nutrizionale. La vescica rischia di essere solo la vittima innocente di cause che traggono la loro origine altrove.
Le infezioni urinarie da batteri comuni intestinali si trasmettono raramente per via sessuale e comunque praticamente solo dalla femmina al maschio. Se l’infezione è dimostrata in entrambi i partner mediante gli opportuni accertamenti colturali, sarà ovviamente corretto praticare la stessa terapia antibiotica. Fino a quando le colture non si saranno negativizzate i rapporti sono consentiti, a patto che siano protetti dal preservativo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 511XXX

Ho fatto solo io l esame delle urine e il medico curante ha ipotizzato che il mio compagno possa essere portatore sano quindi secondo lei a quale specialista dobbiamo rivolgerci per venire a capo

[#3]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
All’urologo, ovviamente, e prima di iniziare qualsiasi terapia di tipo empirico.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 511XXX

Grazie grazie

[#5] dopo  
Utente 511XXX

Quindi mi scusi il disturbo devo rivolgermi ad un gastroenterologo?

[#6]  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
In particolare se la funzione intestinale non è buona, per affrontare il problema alla radice ed evitare le frequenti possibili recidive.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#7] dopo  
Utente 511XXX

E molto frequente credo a causa del ferro in quanto mi e stata riscontrata l anemia