Utente 549XXX
Salve,sono un ragazzo di 25 anni, che fa una vita sedentaria per via dell'università, che mangia poca frutta e verdura, quasi 0.
Mangio molto raramente dolci, fritti e schifezze varie e cerco di consumare quasi sempre carne bianca. Comunque in generale non al definirei una buona dieta, ma almeno cerco di mantenermi su queste cose.
Non bevo alcol, fumo una sigaretta ogni tanto dato che ho smesso 1 anno fa , ma faccio uso di sigaretta elettronica quotidianamente.
Ho un problema che mi affligge da quasi2 mesi che mi tiene in uno stato di angoscia.
Le mie feci non hanno più la forma di prima, ma sono molto sottili, abbastanza molli, e poco formate, nastriformi. Da quasi 2 mesi non vedo più la forma normale di prima.
La regolarità è la stessa, vado in bagno di mattina, sempre, anche se la differenza rispetto a qualche mese fa è che mentre prima mi bastava andarci una volta sola, ora mi capita anche di andarci 2 o 3 volte sempre in mattinata.
L'emissione è sempre senza sforzo e indolore, e non si vede sangue.
Il mio è uno stato di angoscia che mi porta a stare sempre vigile sulla forma delle feci, che puntualmente si presenta alterata, e che mi butta in un vortice di ansia, dato che ho letto che questa forma delle feci è associata a cancro del colon e retto.
Non presento altri particolari sintomi, ma credo vi sia utile sapere che:
-ho una steatosi epatica moderata, di cui si occupa il mio epatologo, al quale ho anche detto della forma delle feci, e mi ha consigliato di non darci peso, perché spariranno da sole. Per la steatosi invece mi dice di stare tranquillo, perché gli esami sono tutti in regola, tranne i trigliceridi che comunque stanno nel range, ma al limite.

-un mese fa andai dal medico dj base per vari dolori in zona anale e genitale, per cui ho seguito 5 giorni di cura a base di antibiotico e antinfiammatorio perché il medico disse si trattava di una prostatite.
Le cure fecero effetto per i dolori, ma non fecero sparire le feci nastriformi, di cui comunque non parlai al medico di base, perché pensavo fossero collegate a quei dolori, e che quindj sarebbero sparite insieme.

Altre cose che dovreste sapere è che ho notato una aumentata frequenza urinaria, soprattutto di mattina, momento della giornata dove però bevo anche più di 1L di acqua, mentre studio. Solo di mattina arrivo ad andarci 5/6 volte. Durante il resto della giornata ci vado al massimo poi un'altra volta o 2 volte.
Ho spesso dolori addominali, soprattutto fianco destro, che ricordano delle fitte, ma con le quali si può convivere.
Ultimamente poi, ma raramente comunque, mi capita di sentire dolore allo stomaco, o in quella zona là comunque, soprattutto mentre mangio, e più in generale una acidità di stomaco non eccessiva comunque.

Vorrei sapere da voi, gentili dottori, se è il caso che io faccia qualche accertamento relativamente a questa forma delle feci, che mi spaventa molto, per le malattie a cui è associata. Grazie per le eventuali risposte.

[#1]  
Dr. Roberto Mangiarotti

28% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2004
Gentile Utente, la forma delle feci, in assenza di altri sintomi o segni di per se non deve destare preoccupazione. Mi sembra evidente invece che c’ è uno stato ansioso che merita di essere trattato. Cordiali saluti
Dott. Roberto Mangiarotti