Utente 472XXX
Per curare una forte infezione ad un dente, ho intrapreso una lunga terapia antibiotica (della durata di due settimane, prima Clavulin poi iniezioni di Rocefin, accompagnati comunque da opportuna protezione stomaco-intestinale). A circa 6 giorni ormai dall'interruzione della terapia, sto avvertendo oggi forte debolezza e svenimento che mi costringe a coricarmi sul letto, nonchè diarrea da ieri sera con ripetute scariche che non si sono attenuate neppure dopo l'assunzione di 4 pasticche di Imodium. Fino a ieri avevo anche febbre a 38, 5, ora 37, 5. Volevo sapere se tali sintomi possono essere messi in relazione con la terapia antibiotica intrapresa la scorsa settimana. Non ho voglia di mangiare e non mangio da ieri mattina e ogni volta che provo a farlo, devo recarmi in bagno, con successiva scarica di diarrea e svenimento. Attualmente, cosa posso fare?
Grazie per le cortesi risposte.

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Probabilmente c'è relazione.
Faccia SUBITO una coprocoltura ed una ricerca nelle feci per tossina A e B del Clostridium Difficile.
Si faccia visitare immediatamente per instaurare una terapia di supporto.
Lasci stare la loperamide.
Cordialmente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 472XXX

Grazie dottore per la risposta. Ieri sera sono stato costretto a chiamare prima il 118 poi la guardia medica. La terapia di supporto l'ho iniziata questa mattina (mi sono state prescritte bustine di Dicodral, Pegaso AxiBuolardi e Pegaso Stress). Sono in una situazione di totale debolezza e non riesco ad alzarmi dal letto. Seguendo la terapia, in quanto tempo ritiene che possa risolvere il problema?
Un'ultima informazione: questi sintomi che ho attualmente, sono contagiosi? si possono trasmettere ad altri membri della famiglia?
Grazie ancora per la risposta

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Il contagio è possibile.
Faccia quanto le ho detto.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente 472XXX

D'accordo dottore, ma prelevare le feci è impossibile: evacuo solo acqua. E le scariche continuano, in modo anche molto copioso..

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Anche se liquide, DEVE analizzare le feci (si possono raccogliere! ).
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia