Utente 418XXX
buona sera, ho fatto phmetria e impendenziometria ed manometria, tutto nella norma, mi e stata diagnosticata un esofago sensibile, a parte la terapia con lucen ho letto che i farmaci antidepressivi sono farmaci migliori per curare il vero problema di questa situazione.

siccome io ho pure una gastrite atrofica lieve vorrei sapere se con il lucen posso peggiorare la situazione della mia gastrite?

vorrei avere delle idee piu chiare x quando riguarda questa malattia dell esofago sensibile.

grazie

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
L'esofago ipersensibile
identifica una sintomatologia esofagea spiccata
seppur in assenza di danni (=esofagite),
spesso con incompleta risposta alla terapia antireflusso.

Naturalmente il suo gastroenterologo dovrà valutare se ed in quale dosaggio utilizzare i PPI che riducendo la secrezione gastrica agiscono in parallelo con la sua "lieve atrofia".


Cordialità

Dr. F. Quatraro - Acquaviva (BARI)
Gastroenterologo - Endoscopista digestivo
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente 418XXX

Gentile dottore grazie x la risposta,
Il medico mi ha dato omeprazolo a dosi basse,ho letto che x l esofago sensibile sono molti indicati i farmaci antidepressivi x ridurre i sintomi ma funzionano davvero?
E poi quali sono le cause di questa patologia che vedo davvero come una malattia devastante.
Grazie

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Si tratta di fattori costituzionali legati ad una maggiore sensibilità centrale agli stimoli reflussori, come anche ad una maggiore sensibilità recettoriale in esofago.
La risposta alla terapia (incluse le benzodiazepine) può essere non completamente soddisfacente.

Cordialità

Dr. F. Quatraro - Acquaviva (BARI)
Gastroenterologo - Endoscopista digestivo
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente 418XXX

Quindi dottore vuol dire che non ce una cura x questa malattia?
Ma come è possibile?
E come si vive così?
Ma sono davvero scoraggiata.