Dolore addominale da diversi mesi senza una diagnosi precisa

Partecipa al sondaggio
Buongiorno a tutti, sono un ragazzo di 22 anni, vi scrivo in quanto da mesi provo dolori addominali e gonfiori anomali senza capire cosa mi sta succedendo...
Verso la fine di agosto 2019 ho iniziato a sentire pesantezza addominale (priva di gonfiore) ma solamente a seguito di sforzi fisici ed in particolare a seguito di rapporti sessuali con la mia partner.
Dopo qualche minuto/ora questo fastidio' si attenuava fino a sparire completamente.
Nel giro di un mese pero' la situazione si e' aggravata velocemente: il fastidio addominale non era piu' occasionale ma continuo, anche quando non facevo alcun tipo di sforzo, e giorno dopo giorno il mio addome inferiore diventava sempre piu' gonfio e duro.
Nelle settimane sucessive a tali sintomi si sono aggiunte fitte occasionali e difficolta' nello svuotamento della vescica (facevo fatica ad urinare probabilmente a causa del forte gonfiore che mi comprimeva l'addome).
Sebbene tutti questi sintomi fossero presenti continuamente, tendevano comunque ad aumentare in alcune situazioni: in particolare provavo dolore durante e a seguito di rapporti sessuali o dopo aver compiuto sforzi fisici seppur di leggera intensita' (come gia' detto in precedenza), ma iniziavo a provare fastidio e sopratutto un aumento del gonfiore anche dopo aver mangiato.
A livello clinico abbiamo eseguito diversi esami: attraverso varie visite specialistiche, fatte anche in conseguenza di un esito anomalo nella prova relativa all'uroflussometria, abbiamo escluso che la problematica sia legata all'aparato uro-genitale (abbiamo eseguito una risonanza con mezzo di contrasto per analizzare al meglio l'apparato uro-genitale ed abbiamo fatto anche l'esame urodinamico invasivo, e l'esito di entrambi e' stato negativo).
Abbiamo fatto diversi esami che hanno escluso la presenza di batteri/parassiti nelle feci sperma ed urine.
Gli esami allergologici non hanno riscontrato alcuna intolleranza.
Abbiamo infine eseguito un ecografia addominale e scrotale che hanno escluso problemi organici.
In tutti questi mesi la situazione sintomatica non e' cambiata, continuo a percepire dolore e ad avere un gonfiore davvero notevole che non mi permette una qualita' di vita normale.
Consultando il mio medico di base si pensava potessere essere una forma di collon irritabile, pero' non presento ne stipsi, ne diarrea o meteorismo, insomma sono abbastanza regolare a livello intestinale.
Tuttavia recentemente mi ha visitato uno specialista (internista) ed ha analizzato il mio caso clinico nel complesso.
Secondo il suo parere medico la mia situazione e' dovuta ugualmente a qualche problematica riscontrabile a livello intestinale e mi ha suggerito di eseguire una colonscopia con biopsia o eventualmente mi parlava di valutare l'entero risonanza.
In questo periodo a causa dell'emergenza sanitaria non ho la possibilita' di eseguire visite e mi ritrovo solo in casa con continui dolori senza sapere cosa ho e cosa fare.
Cosa mi suggerite di fare?
sono molto preoccupato.
[#1]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 29.6k 1.1k 12
Potrebbe trattarsi di una disbiosi.
Inizi con fermenti lattici per 3 o 4 settimane.
Ci aggiorni se le fa piacere.
Cordialmente.

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2]
Utente
Utente
La ringrazio per la risposta
Come mi ha suggerito ho provato con i fermenti ma le cose non sono cambiate, adesso ho la colonscopia fissata per la prossima settimana. Mi scusi il disturbo ma se posso avrei un'ultima questione per chiarire al meglio la mia situazione : nel caso in cui, una volta fatta la colonscopia non venissero trovate anomalie, questo significa che non ho problematiche intestinali e che probabilmente ho una forma di colite o invece devo fare altri accertamenti/visite per avere un quadro più completo. In altre parole ci sono patologie intestinali che la colonscopia potrebbe non vedere e che vengono diagnosticate con altri strumenti come l'entero rm?
La ringrazio nuovamente
[#3]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 29.6k 1.1k 12
Sarebbe un semplice intestino irritabile.
[#4]
Utente
Utente
Gentile Dottore, ho effettuato la coloscopia come le dicevo. Per fortuna non sono state rilevate anomalie (sebbene stia ancora aspettando l'esito relativo alla biopsia). Sembrebbe dunque che io soffra di colon irritabile. A tal proposito avrei un'ultima domanda per chiudere definitivamente la questione. E' possibile che io abbia il colon irritabile senza avere alcun problema relativo alla regolarita' intestinale come stipsi o diarrea? E infine: il fatto che appena faccio un po' di esercizio (bastano poche flessioni) mi si gonfia la pancia e ho la sensazione come di avere qualcosa che mi stringe tutto il basso addome puo' essere sempre una causa di tale patologia? Perche' pur leggendo alcuni articoli in merito non ho trovato un collegamento tra colon irritabile e tali sensazioni. La ringrazio nuovamente per le risposte date. Cordiali Saluti
Colon irritabile

Il colon irritabile (o sindrome dell'intestino irritabile) è un disturbo funzionale che provoca dolore addominale, stipsi, diarrea, meteorismo: cause, cure e rimedi.

Leggi tutto