Utente
Gentili dottori,
Sono un ragazzo di 28 anni che soffre ormai da 10 anni di gastrite e reflusso.

Negli anni ho fatto 2 gastroscopie (l'ultima nel 2018) che mi hanno diagnosticato una gastrite cronica/lieve ed un leggero scivolamento del cardias.
Helycobacter assente.
A seguito di ecografia è emerso un esofago dilatato, lume aperto e molta aria nella pancia e stomaco.

Ad oggi pur se ciclicamente seguo la cura con: inibitore di pompa al mattino + levopride a pranzo e a cena + mylicon gas a pranzo e cena + bustine anti-reflusso dopo i pasti e prima di coricarmi la situazione non è migliorata.

Soffro di stanchezza perenne, il reflusso è ancora presente anche se eseguo la terapia, non mangio cibi che possono farmi male e mi sdraio non prima di 2/3 ore da quando ho consumato i pasti.

Oltre all'acidità soffro di questi sintomi:
forte stanchezza, senso di nodo alla gola (come un rigonfiamento, sensazione di corpo estraneo), sensazione di accaloramento che misurando la temperatura arriva fino a 37/37.2 prima di tornare a 36.6 senza che prenda nulla sopratutto alla sera.

Purtroppo anche se ho fatto presente questa condizione allo specialista non riesco a trovare una soluzione, cosa potrei fare per capire le cause di questi sintomi?
sono riferibili tutti alla gastrite?
Potrei fare ulteriori accertamenti oltre alla gastroscopia?

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Sì, quando è evidente che i disturbi sono correlati a reflusso , ma la terapia - pur perfetta come la sua - non è efficace, consigliamo di completare gli accertamenti con un ultimo esame, che si chiama pH-impedenzometria, leggermente fastidioso, ma non doloroso. La metta in programma, poi ci risentiremo.
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente
Gentile Professore, la ringrazio per la risposta.
Provvederò ad effettuare l'accertamento consigliatomi e la aggiornerò non appena avrò i risultati.