Utente
Buonasera,
scrivo per chiedere un Vostro gentile parere in merito ad un episodio di recente insorgenza che riguarda mio papà, di 61 anni.


Da circa una settimana alterna giorni con 3/4 episodi di diarrea preceduti da dolori addominali a giorni di normalità (feci formate).

Inizialmente pensavamo il problema potesse derivare dall'alimentazione, tuttavia non siamo riusciti ad individuare alcuna correlazione con gli alimenti assunti (anche perchè, dall'inizio degli episodi, l'alimentazione è piuttosto curata... pasta/riso in bianco, cracker, prosciutto cotto, carni bianche).


Da circa 2 settimane prima dell'inizio degli episodi di diarrea, mio papà ha manifestato i primi sintomi di reflusso/esofagite di cui soffre da tempo e curati, come da prescrizione medica, con pantoprazolo 40 mg al mattino e faringel/gaviscon/malox all'occorrenza dopo i pasti.


Per la diarrea sta assumendo fermenti lattici e diosmectal (3 bustine al giorno).

Pensando la causa potesse essere il pantoprazolo, questo è stato sospeso per un paio di giorni ma l'episodio di diarrea si è manifestato comunque.

Al di fuori degli episodi di diarrea descritti (circa 3/4 scariche al massimo nelle 24 ore accompagnati da gorgoglii intestinali, senza muco o sangue visibile), mio papà ha appetito, sta bene e non riferisce particolari sintomi.


Preciso che mio papà non ha mai sofferto di episodi simili ed è sempre regolare nell'evacuazione, a parte le classifiche "influenze intestinali" talvolta capitate.


Inutile negare che il mio pensiero va alle patologie più serie, quale un tumore al colon...
Chiedo gentilmente un Vostro riscontro in merito, pur comprendendo i limiti di una consultazione online, dato che, al momento, è piuttosto difficile riuscire a rivolgersi al medico curante causa emergenza sanitaria in corso.


Ringraziando per il Vostro interessamento e rimanendo a disposizione per eventuali chiarimenti, saluto cordialmente
FC

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Da quello che lei descrive, non penso a patologie importanti, ma una persona che ha disturbi intestinali, di qualunque tipo, dell ' età di suo padre, deve fare una colonscopia, per poi stare tutti più tranquilli.
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente
Egregio Prof. Tittobello,
Grazie per il riscontro.
Gli episodi descritti si riferivano a circa 15 giorni fa e si erano risolti. Nessuna scarica né dolore e ritorno ad un'evacuazione normale.
Mio papà sta proseguendo la terapia per il reflusso e, dopo averli sospesi in occasione degli episodi diarroici, è tornato ad assumere i classici antiacidi.
Da un paio di giorni ha avuto nuovi episodi di diarrea (pressoché liquida) ed è tornato ad assumere fermenti lattici e imodium/diosmectal. Riferisce molta aria, gorgoglii e leggero dolore anale dopo le scariche.
Questi episodi di diarrea potrebbero essere correlati al reflusso e soprattutto ai farmaci assunti?
Grazie.
FC

[#3]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Correlati al reflusso, no, ma tutto può succedere con i farmaci, anche effetti collaterali non previsti. Mi sembra che nel caso di suo padre ci sia un rapporto preciso tra l' assunzione di quell ' IPP e la comparsa di diarrea. Quindi va sostituito.
Prof. alberto tittobello

[#4] dopo  
Utente
Buongiorno prof. Tittobello,
grazie per la Sua risposta.
Nonostante mio papà abbia sospeso gli antiacidi e IPP da venerdì, ad oggi ha ancora episodi di diarrea che si manifestano essenzialmente di notte. Sabato notte ha avuto scariche frequenti (6/7) precedute da gorgoglii e aria. Durante la giornata di domenica ha assunto liquidi e mangiato leggero (seppur con appetito) senza scariche fino alle 23 circa. Durante la notte di domenica ha avuto 3/4 scariche di minore intensità ma sempre precedute da gorgoglii e aria. Sta continuando ad assumere fermenti lattici e 3 bustine di diosmectal al giorno.
Non riferisce altri sintomi e anche il reflusso, nonostante l'interruzione dei farmaci, non è particolamente intenso. Nessun calo ponderale negli ultimi mesi nè stanchezza o altro. Io, per natura pessimista, penso sempre al peggio...
Attendo un Suo riscontro e la ringrazio molto.
FC

[#5]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
No, non pensi al peggio. Aggiunga un leggero antispastico.
Prof. alberto tittobello