Utente 122XXX
Salve l'ultimo che ho visto è un omeopata, in DUE ore non sono riuscito a parlare quindi sarò telegrafico. Sono ansioso, da 15 anni in cura ansiolitici antidepressivi fino luglio 2008. dal 2007 mal di stomaco random, inziamo col Vagostabil a giugno 2008, quindi niente antidepressivi, sto bene come disturbi nervosi ma sempre dolori stomaco più spesso. faccio prima volta gastroscopia, ho 41 anni,HP, esofagite terzo distale, cardias beante. Dopo cura HP non digerisco più niente. Ecografia, colecisti piena di fango e infiammata, resisto 2 mesi, novembre intervento. Mal di stomaco sempre presente. Dicembre dolori colon dx e sx, colonscopia, tutto ok. Da settembre a Natale ho perso 18kg ma ero sovrappeso, 85kg. Anemia, 3.700.000 contro i soliti 5.200.000 . Da dicembre 2008 a febbraio 2009 difficoltà enormi a digerire,pesantezza costante bocca dello stomaco e lati sotto costole dx e sx. A febbraio Florilac la mattina, omeprazolo 20 (prima pantorc 40), colazione orzo, ore 10 spuntino fette biscottate, prima di pranzo Digerent, riso con brodo vegetale (DUE volte la sett. pasta), carne ai ferri, pera bollita, Debrum. Da mezzogiorno alle 14 i dolori calmano, poi ricominciano, alle 16 merenda e alle 19 cena, cioè
o fagiolino bollito o finocchi bolliti o indivia cruda, + prosciutto crudo. dopo
il Debrum. La sera però non sto bene come a mezzogiorno. Forte stitichezza (4gg)
aprile lo passo anche con parecchi dolori alle spalle, schiena, dappertutto, soprattutto a sx. Merluzzo, Pesche, Lenticchie, Spinaci e tutte le verdure bollite mi fanno diarrea, se non c'è diarrea c'è forte dolore. Quando vado normalmente di corpo mi resta il mal di stomaco per tutta la giornata. Questo fino a metà giugno,poi succede che la pesantezza di stomaco si trasforma in dolore, e la mattina e la sera ho spesso bruciore, il maalox è come lo zucchero. Test tiroide negativo, celiachia pure, Transglutaminasi Ig-G - 2,1 - Ig-A - 1,8 - anticorpi Ig-A assenti. Ormai mangio e il dolore calma per pochissimo tempo, ma soprattutto sto bene dalle 12 alle 14 max.
Non mi hanno fatto il test per l' HP perchè "non c'è più". Non mi fanno fare nessun esame perchè dicono che sono solo nervoso e basta. Credetemi avrei da raccontarvi l'inferno, non mi bastano 3000caratteri. L'unica cosa certa è che per calmare un po' devo mangiare, però poi devo digerirlo! ma se per caso mi deve venire fra un'ora un mal di pancia, allora lo stomaco impazzisce. Tutti i disturbi che ho al colon si ripercuotono allo stomaco.Levosulpiride, Motilium, Peridon, Gaviscon, Geffer, Spasmomen, Librax, Lexil, Buscopan pastiglie, Valpinax, neo digestopan, Gyngerol, o non mi fano niente o mi fanno male soprattutto il coln impazzisce tra rimescolamenti e dolori, e lo stomaco
ci va dietro.Dimenticavo che quando iniziarono le prime coliche avevo già lasciato pure il vagostabil e stavo bene, poi ci fu un ricovero d'urgenza e lasciai pure lo xanax per 20gg circa. Dopo l'intervento l'ho ripreso per poter dormire.Ho paura...tanta...troppa!

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile signore,
alla dettagliata esposizione dell'insieme dei suoi disagi non segue una richiesta particolare per la consulenza.
Suppongo che desideri un parere su cosa sia opportuno fare per recuperare la condizione di benessere.
Da quanto espone la priorità sembra di ordine psicologico, gli aspetti gastroenterologici contribuiscono a incrementare il disagio, ma sembrano a loro volta sostenuti dalla condizione ansiosa.
Nonostante la lunga durata di trattamento psicofarmacologico, le consiglio di rivolgersi ad uno specialista psichiatra che possa inquadrare correttamente la diagnosi e seguirla nel tempo con la terapia appropriata.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#2] dopo  
Utente 122XXX

Gent.mo Dott, la ringrazio per la fulminea risposta, non ho potuto scrivere altro perchè ho terminato i 3000 caratteri!
Io vorrei sapere cosa ho, ho tutti i disturbi della celiachia, della gastrite e del colon irritabile, e coi farmaci che ho preso e prendo non risolvo, o meglio fino a giugno sembrava tutto sotto controllo, mi ero abituato alla ciclicità dei disturbi durante il giorno, ora sto sempre o male, o peggio. Perchè? Il mio neuropsichiatra quando vide il risultato della gastroscopia mi disse che per lui potevo staccare tutto, perchè il problema era organico e non neurologico, e mi seguiva da 8 anni, mi conosce bene, mi disse che soffro di ansia somatizzata ed ero ipocondriaco. Dovrei metterlo alle strette e farmi dare l'ennesimo antidepressivo...ma quale? nell'ultimo anno ne provò parecchi, ottenemmo qualcosa ad agosto, col Mutabon Mite, ma mi faceva una stitichezza terribile, se la aggiungo a quella che ho ora....!! Vorrei fare bene presente che io sono nervoso (non tanto rispetto agli anni passati) perchè sto male, e NON VICEVERSA! Possibile che non riesco a spiagarlo a nessuno? mi dicono di uscire, fare qualcosa, ma non ce la faccio, il fastidio allo stomaco lo senti ad ogni respiro, impossibile "dimenticarlo", io faccio tutto se sto bene, ma se sto male mi fermo, e mi creda, dall'età di 24 anni ho sofferto parecchio, e non è che sono stato fermo, ma ora non ne posso più. Andare da uno specialista neuropsiciatra ora vuol dire farsi 200km e spendere non so quanto, sono disoccupato da anni e viviamo con la pensione, mia madre ha l'Alzheimer, e il nuovo medico epr ora non mi conosce,, dobbiamo riprendere tutto da capo? Già solo quest'idea mi mette a terra....
La ringrazio per quanto potrà ancora suggerirmi!
Saluti.

[#3] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile signore,
comprendo il disagio che lei manifesta e sono solidale con la sua richiesta di cura; le ribadisco però che, da quel che ci segnala, non è al momento importante stabilire la priorità dele sue cause di malessere, bensì affrontarle dal punto di vista corretto.
Nei limiti della consulenza online - da confermare o meno nella visita medica - mi appare più urgente affrontare attualmente le condizioni psicologiche.
Non ho esperienza diretta della situazione sanitaria della regione da cui ci scrive, ma la visita specialistica psichiatrica è nelle competenze delle unità del sistema sanitario nazionale distribuite sul territorio e, dal punto di vista economico, possibile in esenzione di contributo per gli aventi diritto.
Io le consiglio di cominciare da qui.
Se desidera, per completezza, il parere online degli specialisti psichiatri del sito, invii in quest'area il suo post.
Molti auguri.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#4] dopo  
Utente 122XXX

Gent.mo, ho compreso perfettamente ciò che ha spiegato, sono stato io ad esprimermi male. Il neuropsichiatra che mi ha seguito è il primario del reparto all'ospedale di RG, tutto rigorosamente con la mutua. Ma se lui dice che non c'è bisogno, allora devo andare minimo a CT e sono 200km + la visita, e bisogna ricominciare da capo, questo intendevo!

Farò come mi ha cosigliato escriverò ad uno psichiatra.
La ringrazio infinitamente per la pazienza, che con me ce ne vuole tanta, e le auguro di fare (presto) delle meritate e rilassanti ferie!!
Salutoni dalla Sicilia!

[#5] dopo  
Utente 122XXX

Salve Dottore, ritorno nuovamente da lei perchè si è ripresentato un problema strano che non ho potuto discutere prima, la sospetta celiachia.
Come già dissi, da settembre ad ora ho mangiato due volte la settimana la pasta, il pane casereccio tutti i girni, e notavo una certa ciclicità nell'intensificarsi dei disturbi. Un mesetto fa, mangio un piatto di pasta (con salsa semplicissima fatta da me, pomodori pelati frullati, pezzettio di aglio olio e zucchero), ed ho una forte scarica di diarrea, con feci non liquide e poco-poco giallastre, l'indomani c'era il riso, mangio un pezzo di pane, altra scarica, l'indomani ancora da un amico magio una merendina kinder, una brioss, e di nuovo diarrea.
Mi metto già a biscotti/grissini senza glutine e/o riso, dopo 4 giorni faccio le analisi, che ha visto sono negative. Nel mezzo c'è anche una ecografia addome completo, che è perfettamente normale in ogni cosa. Ora, da circa 3 giorni ho terminato le riserve di biscotti senza glutine e al riso, ed ho preso a mangiare dei crackers senza sale, ed i dolori sono aumentati, l'intestino è in completa agitazione, ieri dopo un mese ho mangiato un piatto di pasta, i dolori sono aumentati ed oggi ho avuto un'altra forte scarica.
Se non è celiachia, è intolleranza a cosa? o è sempre ansia somatizzata e colon irritabile? consideri che io sono stitico, e prima di 4 giorni non se parla...
La saluto e la ringrazio ancora.

[#6] dopo  
Utente 122XXX

Salve, torno di nuovo a disturbarla (sperando in una risposta) perchè i medici fanno a scaricabarile. il neuropsichiatra mi ha dato solo il vagostabil, gli altri vorrebbero un antidepressivo, io ho passato agosto a pezzi, in 4 giorni ho perso 3 kg e tutti dicono che è perchè faccio una dieta irregolare, non mangio praticamente niente... però se mi nutro così da 9 mesi, perchè perdo peso in 4 giorni e non gradualmente? in 9 mesi non ho perso mezzo chilo. dopo ferragosto ho rifatto la gastro, niente HP. da allora mi hanno tolto pure la trimebutina, sono solo con omeprazen e riopan, i dolori sono aumentati, non riesco più a stare alzato e sdraiato nella sedia. mangio la sera alle 19.30 un piattino di indivia cruda con 4 crackers di riso, digerisco dopo 5 - 6 ore, s'immagini il succulento pranzo quanto ci vuole (riso con brodo vegetale + carne ai ferri + indivia). Sono due giorni che faccio un esperimento (assurdo direte voi...) , ebbene, dopo quasi un anno, finalmente riesco a digerire completamente prima di mangiare di nuovo, riesco addirittura ad avere fame, e per questo ad avere anche il dolore della fame. diciamo che in 5 ore sicure posso mangiare di nuovo senza avere il mal di stomaco che ho sempre avuto per non aspettare ancora. allora vuol dire che è risolto? macchè!! pensi che per fare questo, mangio a mezzogiorno, mi butto subito a letto, con le spalle al muro, non sdraiato altrimenti sono bruciori, (che prima non avevo mai...) e sto a letto almeno per 3 ore e mezza! sento la pancia che "canta" in continuazione, difatti dopo 5 ore ho davvero fame, e la sera già alle 23 potrei mangiare qualche crackers. se mi alzo e mi siedo, i gorgoglii cessano totalmente, e se son passate almeno 2 ore e mezza dopo mangiato, arriva il mal di stomaco assieme a qualche disturbo nervoso. alzato è come se avessi una corda legata allo stomaco che strine e tira sempre di più. altri solori sono vicino la bocca dello stomaco sotto le costole, proprio nelle curve scendendo dallo sterno, soprattutto a sx, mentre a dx è un pungiglione ( e ridono perchè "io credo" che mi è ricresciuta la colecisti... io pungiglione lì non ne avevo nemmeno prima di operarmi!), e poi ancora due dita sopra l'ombelico e a dx. ho stitichezza (4 giorni) da febbraio. Ora, per me, tutto ciò è un comportamento strano, anche se io da sempre quando avevo problemi di digestione dovevo andare a letto la sera e l'indomani era tutto passato, ma sinceramente che la pancia canta a letto e digerisco più velocemente e alzato o seduto è ferma, non me lo speigo...mica devo passare la mia vita a letto. Lei cosa mi risponde? (non dica per favore (escludendo patologie...ecc...ecc... a me esami non ne fanno fare...lo psichiatra mi ha fatto fare la gastro, perchè stanco dei miei lamenti, non lo dimentichi per favore, IO NON HO IL DIRITTO DI STARE MALE).
Grazie!

[#7] dopo  
Dr. Alessandro Scuotto

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
8% attualità
20% socialità
COMO (CO)
SARONNO (VA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Gentile signore,
mi spiace non poterle fornire maggior conforto, ma la consulenza online ha dei limiti molto più evidenti di una visita medica. Posso ribadirle la opportunità di riferire tutte le variazioni sintomatiche che ha riportato alo psichiatra che la segue e che potrà orientarla al meglio.
Cordiali saluti.
Alessandro Scuotto, MD, PhD.

[#8] dopo  
Utente 122XXX

La ringrazio per la veloce risposta.
Con questo vuole dire che è sempre problema neurologigo/psichiatrico?
Cioè a letto "mi calmo" e l'intestino si mette in moto, ed alzato o seduto no? eppure sapesse quanti disturbi nervosi ho quando sono a letto!
Certo che la medicina è strana...
Stamattina ho riferito tutto al medico di famiglia che mi ha detto che se fossi un paziente che non conosce, poterbbe pensare a qualcosa, tipo calcoli o peggio, ma siccome tutti gli accertamenti (gastro e colonscopia ed ecografia) dicono che non c'è nulla, allora non è niente, e non 'cè motivo di fare 250 radiografie, cioè 1 Tac. E lo metterebbe pure per iscritto. Poi dicono che io cerco un medico che mi dica quello che voglio io....

Il mio è uno sfogo non di certo contro lei che non sa nemmeno che faccia ho, ma ormai quei 5-6 medici che vedo sempre (compresi quelli dela guardia medica) non mettono nemmeno un dito nella pancia per sentire qualcosa, (perchè tanto non cè niente) ed addirittura c'è chi non viene per niente, dicendo che non può venire per consolarmi... se avessi i soldi partirebbero denunce a raffica... ma si rende conto? questa è una cosa che tutti devono sapere, è una vergogna, siccome sono nervoso, al telefono sanno che non ho niente, eppure la gente muore.

mi dica almeno questo, che non può dirlo un neurologo..
il tenue non c'è bisogno di vederlo perchè lì non c'è niente, il tumore nel tenue è una novità mia di stamattina. non ho voglia di fare ricerche che ci sono dei siti che dovrebbero chiudere per le panzane che scrivono e voi medici dovreste fare qualcosa. su wikipedia si trova di tutto e la gente certe volte finisce col crederci. medici che dicono che l'HP deve assolutamente essere tolto, altri che dicono che non fa male a nessuno, certi che dicono che la colecisti si deve togliere anche col fango, altri che dicono che bisogna resistere perchè poi non si digerisce niente (ma và?).
eppure mio zio la tolse 30 anni fa e mangia uovo fritto + salame + olive verdi piccanti + prosciutto crudo assieme, e non ha nemmeno dolori, ed io con due dita di acqua se non faccio il ruttino in mezzora sono dolori...

mi scusi dottore, le faccio perdere tempo, e purtroppo la faccio convincere sempre più che sono solo nervoso e basta, ma voglio vedere il neurologo cosa mi dice, io non ci sto proprio...non può essere nervoso che a letto calma, anche alla luce di quello che ha inizialmente detto il mio medico...potrebbe avere dubbbi su un paziente che non conosce, ma su di me no, perchè abbiamo fatto TUTTI gli accertamenti...

saluti!