Utente 138XXX
Egregio Dottore,
Ho 82 anni. Da circa 1 anno ho problemi alle ginocchia. Non e'dolore, ma le ginocchia mi si sono irrigidite. Per spiegarmi meglio: quando sto in piedi sembra che le ginocchia mi si pieghino all'indietro...Per cercare di equilibrare questa sensazione io devo piegarmi leggermente in avanti sulle gambe... ma resisto solo per poco. Non riesco a spiegare meglio la sensazione.
Quando cammino sono molto instabile e se esco ho bisogno di appoggiarmi a qualcuno. I piedi li sento molto pesanti, specialmente quando mi sveglio al mattino(come due zoccoli di legno). Per le anche, non ho problemi, al momento.
Questo disturbo sta lievemente peggiorando giorno dopo giorno.
Vorrei sapere cosa posso fare..
E' una cosa che potrebbe partire dalla testa? (Anche girando gli occhi perdo un po' l'equilibrio: sono stata dall'oculista, ma non ha trovato niente di anomalo).
Per informazione, soffro da anni di polimialgia reumatica, sto prendendo 4 mg di Cortisone a giorni alterni, la pressione e' sotto controllo. Mi e' stata riscontrata vasculopatia cerebrale che cerco di contrastare tenendo allenato il mio cervello con letture varie. Soffro di acufeni che spesso sono molto accentuati fino a farmi rimbombare terribilmente la testa.
Questo e' il quadro della mia situazione.
Vorrei andare da un fisiatra per le gambe... potrebbe servire oppure cosa potrei fare?
grazie mille
Leda

[#1] dopo  
Dr. Oreste Pascucci

28% attività
0% attualità
16% socialità
MARATEA (PZ)
LAURIA (PZ)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gentile Leda, c'è sempre qualcosa da fare. Innanzi tutto, si dovrebbe sottoporre ad un esame (es MOC)per una eventuale osteoporosi e rischio di fratture sia vertebrali che dell'anca (con un rx per anche,rachide lombare e ginocchia).Dovrebbe eseguire un ecocolordoppler dei tronchi sovraortici ( carotidi e vertebrali). Sicuramente sarebbe utile, valutando bene dopo queste indagini( o altre), una attività fisica consigliata dal fisiatra. Le consiglio comunque un buon esame clinico da un geriatra che saprà valutarla complessivamente.Codiali saluti.
Dr. Oreste Pascucci
orestepascucci@virgilio.it