Utente 414XXX
Gentili medici,
a mio, padre di 85 anni, il medico ha consigliato di assumere una medicina contenente le vitamine del gruppo B, senza tener conto del fatto che assume Madopar. Infatti, sul foglietto della medicina con vitamina B è scritto che “Particolare cautela si richiede nei soggetti parkinsoniani trattati con levodopa, perché la Vitamina B6 ad alte dosi può antagonizzare gli effetti terapeutici”. Mio padre assume il Madopar perché è affetto da parkinsonismo vascolare; prende metà compressa al mattino, un quarto al pomeriggio e metà alla sera. Cinque giorni fa, dietro assistenza medica, ha incominciato una lenta e graduale riduzione di questo farmaco rivelatosi inefficace. Infatti, per la cronaca, è passato da metà al mattino, metà al pomeriggio e metà alla sera a metà, un quarto e metà come prima scritto. Vorrei gentilmente sapere se l’assunzione di Madopar con vitamina B6 possa causargli, dal momento che la vitamina B6 riduce l’effetto della levodopa, la sindrome neurolettica maligna.
Aspettando una loro gradita risposta, ringrazio anticipatamente.
Un cordiale saluto.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
12% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
Intanto la tranquillizzo riguardo alla sindrome maligna da neurolettici, perchè suo padre non assume, appunto,neurolettici.

La vitamina B6, alle dosi comunemente presenti nei preparati polivitaminici, non interferisce con il Madopar.

D'altro canto il farmaco è in graduale sospensione perchè , lei scrive, è risultato inefficace, come quasi sempre avviene nel parkinsonismo vascolare.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-