Rischio gravidanza tra ultra 40enni

Buongiorno, e grazie come sempre per il Vs servizio.


Sono un uomo di 42 anni, che solitamente, nei rapporti sessuali, ha sempre utilizzato il preservativo come contraccettivo, in quanto tra le mie ex, quasi nessuna voleva prendere la pillola...seppur col preservativo stesso abbia sempre avuto un rapporto conflittuale, in quanto, a volte mi è capitato che mi facesse perdere l'erezione.
Lì per lì davo la colpa al preservativo in quanto tale, provando diverse marche e modelli ma poi mi son reso conto che non era il condom in sè, quanto l'interrompere l'atto per scartarlo e indossarlo che mi faceva perdere la concentrazione.


Ma, di fatto, la mia situazione economica e lavorativa precaria, a dispetto della mia età, che dovrebbe corrispondere a una certa stabilità (Che invece non ho mai avuto) non mi permette di prendere in considerazione l'idea di poter avere un bambino

ORa, da qualche settimana, mi sto frequentando con una donna di qualche anno piu grande di me, di 47 anni, con cui finora c'è solo stato qualche approccio un po' piu in là del bacio ma senza rapporto completo.
Lei è una di quelle che, col suo ex, da cui si è lasciata da un anno, dopo una lunga relazione, prendeva la pillola, perche, parole sue, "il preservativo non lo sopporta".
Mi ha lasciato intendere che se la nostra relazione dovesse proseguire, tornerebbe a usarla anche con me.
Lei ha ancora un ciclo abbastanza regolare, di 28 giorni, qualche volta le anticipa a 26/27, raramente invece le ritarda.

Le domande che vorrei porre sono le seguenti:

1) dopo quanto tempo dall'assunzione della pillola si possono avere rapporti completi con eiaculazione intra-vaginale senza correre rischio di gravidanze?


2) se, in attesa che cominci a prendere la pillola, i nostri primi approcci sessuali completi dovessero essere senza preservativo (anche se farò di tutto per convincerla ad usarlo, per le ragioni spiegate in precedenza), , col "coito interrotto", di cui, specifico, mi sono sempre fidato molto poco e che ho usato molto raramente, dato che io stesso sono stato padrino di Battesimo di un bellissimo bimbo di una coppia di amici, nato con questo "metodo": -) , le possibilità di gravidanze indesiderate, sarebbero significative, come ci è stato insegnato fin da adolescenti, o trascurabili e prossime allo 0, data l'età mia e della mia partner?


Grazie, e buon lavoro.
[#1]
Dr.ssa Lucia Vecoli Ginecologo 1.3k 59 79
Gent. Sig., le rispondo volentieri, in quanto ha sollevato dei quesiti che mi vengono spesso posti nella mia pratica ambulatoriale.
1- Se presa correttamente dal primo giorno del ciclo mestruale, la sicurezza contraccettiva della pillola inizia subito dal primo giorno di assunzione.
L'associazione col profilattico è tuttavia consigliabile, per la prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse, che sono molto diffuse ad ogni età. Particolarmente pericolosa al giorno d'oggi è la Gonorrea, perchè esistono ceppi resistenti agli antibiotici.
2- Anche se indubbiamente l'età riduce il rischio di una gravidanza indesiderata, la fertilità nelle donne cessa dopo circa un anno dall'ultima mestruazione. Nella mia pratica ostetrico- ginecologica ho assistito in gravidanza anche donne molto mature, rimaste incinte per le vie naturali. In pratica, la contraccezione deve essere utilizzata sempre, a prescindere dall'età. Il ginecologo di fiducia della donna le saprà consigliare il contraccettivo più adatto, caso per caso.
Cordiali saluti.

Dr. Lucia Vecoli

Gravidanza

Gravidanza: test, esami, calcolo delle settimane, disturbi, rischi, alimentazione, cambiamenti del corpo. Tutto quello che bisogna sapere sui mesi di gestazione.

Leggi tutto