Utente
Gentili Dottori,
ho 33 anni ed ho già fatto molti esami per capire perchè non rimango incinta. Lo spermiogramma di mio marito è buono e dai miei esami non risulta nulla che non vada tranne due polipi endometriali di 15,7 e 7,8 mm. Non ho ancora fatto nessun esame sulla pervietà tubarica ed il ginecologo mi ha detto che devo prima togliere i polipi con isteroscopia operativa e successivamente fare un' isterosalpingografia. Ma io mi chiedo se, nel mi caso, non sarebbe meglio una fertiloscopia che, suppogo, mi permetterebbe di fare entrambe le cose insieme:
togliere i polipi ed indagare sullo stato delle tube.
Premetto che il mio ginecolo non mi ha proposto una fertiloscopia perchè qui in Puglia nessun ospedale la fa e lui stesso non sapeva cosa fosse, ma io sono disposta a spostarmi qualora una fertiloscopia fosse più indicata nel mio caso.
Potreste dirmi se le mie supposizioni sono fondate? Ovvero se posso, con la fertilo, togliere i due polipi e valutare pervietà e funzionalità delle tube?
grazie di cuore!

[#1]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
16% socialità
SOLOFRA (AV)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
L'asportazione di due polipi, di cui uno di dimensioni abbastanza importanti (da verificare sempre per via isteroscopica), di fatto rende difficile l'esecuzione, nello stesso momento di una salpingoscopia per-isteroscopica (quella che Lei chiama fertiloscopia). Del resto la salpingoscopia per-isteroscopica prevede l'utilizzo di cannule estremamente sottili e deformabili per visualizzare la cavità tubarica, cannule che, assolutamente non possono essere utilizzate per l'asportazione dei polipi.
Concordo, perciò, col Suo Ginecologo nell'asportare tranquillamente i due polipi con metodica usuale ed eseguire, in un secondo tempo, l'ISG.
Del resto l'utilità pratica della salpingoscopia per-isteroscopica è stata ampiamente criticata e, secondo il mio modestissimo parere, a ragione.
Cordialmente.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#2]  
Dr. Alessandro Casa

24% attività
0% attualità
8% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2000
Solo ora ho visto questa richiesta di consulto.
Da una parte mi dispiace perchè ritengo sia ormai tardi, dall'altra mi dà una speranza, per la signora che lo richiede, che abbia già risolto brillantemente il suo problema.
Sono d'accordo con il collega Ivanoe Santoro sulla salpingoscopia per-isteroscopica che è (anzi, è stata) una tecnica giustamente criticata ed ormai abbandonata.
Vorrei precisare, per completezza di informazione, che per FERTILOSCOPIA si intende un insieme di procedure endoscopiche che permette di studiare in modo affidabile e completo l'utero, le tube e le ovaie:
- 1) IDROLAPAROSCOPIA TRANSVAGINALE (THL): lo dice la parola: si esegue una laparoscopia per via vaginale (culdoscopia) introducendo nel fornice vaginale posteriore un'ottica, dopo aver iniettato nello scavo pelvico della soluzione fisiologica allo scopo di "fare spazio" tra le varie strutture pelviche (parete posteriore dell'utero, tube ed ovaie, e poterle così osservare con estrema accuratezza.
- 2) in corso della THL si può così eseguire tutta una serie di ulteriori procedure endoscopiche per studiare le tube (o salpingi) che vado ad elencare in modo sintetico: a) SALPINGOCROMOSCOPIA (prova della pervietà tubarica), b) SALPINGOSCOPIA e DAY TEST (osservazione e studio del lume tubarico a livello ampollare ed del suo epitelio per avere informazioni preziose sulla loro funzionalità), c) BIOPSIE tubariche, ovariche e peritoneali, qualora si rendessero necessarie, d) alcuni piccoli interventi, come OVARIAN DRILLING (in casi di microplicistosi ovarica anovulare), LISI DI LILITATE ADERENZE e VAPORIZZAZIONE BIPOLARE di piccoli impianti di endometriosi.
- 3) ISTEROSCOPIA, per studiare il canale cervicale e la cavità uterina. Se necessario, si possono eseguire anche biopsie ed interventi con asportazione di polipi endocervicali, endometriali, intraostiali, setti ed aderenze (ISTEROSCOPIA OPERATIVA - RESETTOSCOPIA).
Il tutto si esegue in anestesia locale o generale, di regola in regime di Day Surgery, con ricovero di poche ore.
E' bene chiarire che, pur essendo una procedura miniinvasiva, comporta la possibilità di inconvenienti, difficoltà o complicanze legate all'anestesia ed alla tecnica stessa, COME IN QUALSIASI ATTO MEDICO O CHIRURGICO, anche se tali complicazioni sono MOLTO RARE, in mani esperte e con giusta indicazione.
Per maggiori dettagli è possibile consultare il mio sito www.fetiloscopia.it ed alcuni miei filmati su YouTube.
cordialmente
Alessandro Casa
Alessandro Casa

[#3]  
Dr. Alessandro Casa

24% attività
0% attualità
8% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2000
ERRATA CORRIGE:
nel punto 2 devo fare due piccole correzioni che vado ad aggiungere virgolettate ed in maiuscolo (vogliate scusarmi), per cui il testo di deve leggere nel modo seguente:

- 2 in corso della THL si può così eseguire tutta una serie di ulteriori procedure endoscopiche per studiare le tube (o salpingi) "E LE OVAIE" che vado ad elencare in modo sintetico: a) SALPINGOCROMOSCOPIA (prova della pervietà tubarica), b) SALPINGOSCOPIA e DAY TEST (osservazione e studio del lume tubarico a livello ampollare ed del suo epitelio per avere informazioni preziose sulla loro funzionalità), c) BIOPSIE tubariche, ovariche e peritoneali, qualora si rendessero necessarie, d) alcuni piccoli interventi, come OVARIAN DRILLING (in casi di microplicistosi ovarica anovulare), LISI DI "LIMITATE" ADERENZE e VAPORIZZAZIONE BIPOLARE di piccoli impianti di endometriosi.
Alessandro Casa