Utente 499XXX
Più di un mese fa sono caduta in casa e ho sbattuto il seno destro contro lo spigolo del divano.
Il dolore è stato fortissimo ma ho immediatamente fatto impacchi con acqua fredda per fermare il trauma.
Dopo qualche giorno ( non avevo dolori forti) mi sono accorta che nella parte sotto il seno e partendo dal capezzolo ero tutta nera e quindi ho cominciato ad applicare crema Essaven (consigliato anche dal medico curante)

Ho smesso dopo qualche giorno pensando passasse invece da una settimana il seno mi fa male, il capezzolo è sensibile e al tocco si sentono due palline che fanno male .
Ho ricominciato a darci della crema a base di arnica escina e bromelina massaggiando 3/4 volte al giorno ma il seno mi fa male anche solo a sfiorarlo nonostante le contusioni (mi sembra) si siano un pò ridotte.
Dovrei andare da un senologo ma , ammetto, ho un pò paura e quindi prima vorrei un vostro consiglio.
Per favore aiutatemi, grazie

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

intanto stia tranquilla perchè non c'è alcuna relazione tra evento traumatico e insorgenza di tumore al seno.

Con tutta tranquillità si impone comunque un riscontro clinico ed eventualmente strumentale (visita + ecografia+ eventuale mammografia quando sarà possibile), in considerazione soprattutto della Sua età ( a quando risale l'ultima mammografia ?)

La diagnosi clinico-strumentale della patologia traumatica della mammella è strettamente dipendente dal tempo intercorso dall'evento traumatico.

Data la notevole ricchezza di tessuto adiposo (grasso) nella ghiandola mammaria possono seguire fenomeni di necrosi del grasso
(definiti liponecrosi, citosteatonecrosi, granuloma lipofagico)
e processi caratterizzati "dall'AUTODIGESTIONE" del grasso.

L'ecchimosi, l'ematoma e la liponecrosi possono presentarsi simultaneamente con differente predominanza e con notevole variabilità di aspetti clinici e strumentali.

Non si spaventi se nella sede del trauma nella fase di guarigione potranno osservarsi quadri clinici e strumentali che possono essere scambiati per un tumore maligno.

Riferisca SEMPRE l'evento traumatico quando farà la visita e gli eventuali esami strumentali.

La visita,almeno quella, è indifferibile : non può andare avanti con le terapie "fai da te" o cercando rassicurazioni sulla rete.

Cordiali saluti
Salvo Catania
www.senosalvo.com
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Per visita intendevo quella specialistica ovviamente !
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#3] dopo  
Utente 499XXX

Grazie per avermi tranquillizzata Dottor Salvo, mi sono decisa a prendere un'appuntamento dal senologo come consigliato da lei. Le mammografie le faccio piuttosto regolarmente perchè mi è stato consigliato avendo un seno fibromatoso .
Grazie ancora a lei e a tutti gli specialisti che ci rassicurano e consigliano .

[#4] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Grazie per gli apprezzamenti e ci aggiorni se lo desidera dopo la visita senologica.
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com