Utente 187XXX
Salve, sono una ragazza di 19 anni e sono veramente preoccupata...Vi espongo la mia situazione: A 12 anni ho avuto la prima mestruazione e dopo anni di sofferenze a causa di cicli irregolari (in media 50 giorni)e dolorosissimi,ad aprile dell'anno scorso dopo aver consultato il medico di famiglia ho iniziato ad assumere Minulet. Durante questo anno non ho effettuato alcuna interruzione e tutto è andato per il meglio, la durata delle mestruazioni è diminuita da 9 a 5 giorni, il flusso è divenuto decisamente meno abbondante, quel poco di acne comparsa durante la pubertà è scomparsa e anche se a volte ho dimenticato di assumere la pillola, ho seguito le istruzioni e continuato ad avere serenamente rapporti intimi col mio ragazzo. Il 18 maggio ho assunto l'ultima pillola del blister e poi ho deciso di fare una pausa di qualche mese perchè la pillola mi ha causato ritenzione idrica e sbalzi d'umore incredibili..così il 23 ho avuto le mestruazioni tranquillamente, nuovamente dolenti, ma regolari. Ieri mentre facevo pipì ho avuto come un "crampo alle ovaie, e anche se stranamente in anticipo(24°giorno) credevo fossero arrivate le mestruzioni, ma per tutto il giorno ho trovato sull'assorbente solo minuscole macchie nere,quasi inodori. Sulla carta dopo che mi sono asciugata c'era un acquitrino rosa, ma fino tutt'ora non ho altro che queste perdite indolori e inodori, dense e semi-asciutte. Durante questo mese ho avuto pochissimi rapporti rispetto al solito (2-3) quasi tutti superficiali, anche se non protetti. Ho pensato che forse si tratti di un pò di sangue ristagnante dovuto al fatto che in 12 mesi non ho mai interrotto se non per la settimana tra i 2 blister, ma ho letto che queste perdite spesso si verificano nelle prime settimane di gravidanza ...Premettendo che sono ansiogena e forse somatizzo un pò le mie paure( sono arrivata a pensare a un aborto spontaneo), secondo Lei cosa può essere? Io peraltro non ho mai effettuato nessun tipo di visita ginecologica che mi sono ravveduta di prenotare, ma nel frattempo cosa dovrei fare? La prego, mi aiuti! Attendo presto una Sua risposta! Grazie..

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Il tutto può essere riportato alla ripresa della ovulazione con muco chiaro e trasparente a volte striato di sangue ,accompagnata da una normale stimolazione sull'endometrio (utero)che porta a volte ad un flusso mestruale di tipo "piceo" (nero).
Se ricorda dei rapporti non protetti allora deve sempre temere una possibile gravidanza.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 187XXX

Gent.mo Dott.Blasi,
innanzitutto la ringrazio per la celere risposta.
Nel frattempo la giorno sulla mia situazione: le macchie nere sono diventate meno frequenti e meno fluide, cioè prima si presentavano "permanenti" e molto liquide, mentre ora solo in particolari momenti della giornata e a "grumi".
Ho parlato col mio medico di base che attribuisce la causa alla troppo prolungata assunzione di minulet,che peraltro ritiene eccessivo come dosaggio ormonale vista la mia giovane età e mi ha consigliato dopo l'estate di passare a yasminelle.( Secondo Lei può essere una giusta ipotesi? E in base a che cosa si prescrive una certa pillola pittosto che un'altra?) Inoltre dei 3 rapporti avuti non credo ci sia la possibilità di fecondazione, perchè non completi e non avendo alcun sintomo tipico come nausea o altro, ma per scrupolo mi sottoporrò agli esami ematici e ginecologici dovuti. Mi riservo di riscriverle, sperando di darle buone notizie!
Distinti Saluti.

[#3]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Un consiglio disinteressato: se con la pillola che assumeva non ha avuto grossi effetti collaterali,può tranquilla mente riprenderla,il sangue piceo non è un problema.
SALUTONI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI