Utente 218XXX
Salve.

Nonostante l'età sono ancora vergine e a breve mi sottoporrò alla mia prima visita ginecologica "vera" e completa.

Ho letto che qualora l'ecografia esterna non fosse sufficiente è possibile effettuarla per via transrettale.

Volevo chiedervi alcune cose a tal proposito:

- questo tipo di ecografia sostituisce efficacemente e interamente quella che si fa normalmente?

- è dolorosa? Non ho esperienze in tal senso, l'unica persona in famiglia ad aver fatto un'ecografia transrettale è mio padre per i controlli alla prostata. Lui dice che non è una cosa dolorosa o particolarmente fastidiosa (al limite imbarazzante), ma non so se le due procedure sono simili

- servono accorgimenti particolari prima dell'ecografia? Non so, clisteri, cose di questo tipo...

- un ginecologo in media è attrezzato per questa evenienza? Ho scelto la mia pescando praticamente a caso nelle pagine gialle, non avendo nessuno a cui chiedere un consiglio, e non so se questo tipo di ecografia richieda macchinari o strumentazioni particolarmente sofisticate che non tutti hanno

Scusate per eventuali domande un po' stupide, ma i miei dubbi questi sono.

Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Marco Piermatteo

36% attività
4% attualità
16% socialità
LIVORNO (LI)
CASTAGNETO CARDUCCI (LI)
PORTOFERRAIO (LI)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2011
gentile signora, per prima cosa vorrei che non presentasse la sua verginità come una caratteristica di cui doversi giustificare: la sua scelta è degna di rispetto come le scelte di ciascuno di noi. Mi capita spesso di sottoporre a visita donne vergini. L'esame ecografico è ormai un completamento della visita. Nelle vergini, quando l'ecografia trans-addominale non fornisce sufficienti informazioni, si possono avere queste possibilità. 1- a volte l'imene è abbastanza beante e sufficientemente elastico da lasciar passare la sonda vaginale (oggi sono di dimensioni ridotte, tuttavia non sempre è possibile) senza creare alcun danno. Personalmente, dopo aver spiegato alla donna che faremo una prova ed ottenuto il suo consenso, con molta delicatezza tento di introdurre la sonda. Se la pz riferisce dolore o chiede di interrompere il tentativo, viene assecondata senza aver subito traumi. Viceversa, se la sonda passa con facilità, si può compiere l'esame come nelle altre donne. 2- precedere per via rettale, esattamente come fanno gli uomini per l'esame prostatico. Fastidioso (come lo è la visita ginecologica o l'applicazione dello speculum) ma non doloroso. Non richiede preparazione particolare, meno imbarazzante e meno fastidioso se si è già svuotato l'intestino, perchè le feci nel retto disturbano l'esame, l'esaminatore e l'esaminato. Quanto al medico da scgliere…. uno che sia esperto di ecografie!
Dr. Marco Piermatteo
Specialista in Ginecologia Ostericia - Fisiopatologia della Riproduzione - LIVORNO