Utente
Salve,
ho la candida da circa 4 giorni, non mi sono potuta recare dalla mia ginecologa perchè in ferie, ma avendo sofferto di irritazioni e infezioni in passato sapevo comunque come comportarmi.
Credo che mi sia venuta in seguito ad un rapporto non protetto, ma non ne sono sicura poichè si è presentata circa 2 settimane dopo. Ho pensato allora che forse potrebbe essere stata causata dal fatto che generalmente, da quando soffro di cistite, uso dei salva slip di cotone, e per una settimana ho utilizzato dei semplici proteggi slip da supermercato.
Avverto un forte bruciore e tanto prurito da tre giorni, il secondo giorno ho notato delle perdite bianche molto dense e grumose, che non avevo mai visto prima ed un cattivo odore.
Ho spesso irritazioni e cistite, così ho utilizzato la solita crema vaginale gyno-canesten, due volte al giorno, una volta esternamente, e una volta una cannula prima di andare a dormire. In più ho fatto dei lavaggi interni con acqua calda e bicarbonato.
Oggi però, dopo 4 giorni, ancora non passa, avverto si un sollievo, ma questa sera dopo il lavaggo con il bicarbonato mentre mi asciugavo ho notato delle perdite di sangue molto accese, quasi rosa.
Il giorno 28 dovrei avere le mestruazioni, ma non sono mai regolari, ho spesso ritardi di 10 giorni, quindi escludo che possano essere perdite dovute al ciclo.
Sono molto preoccupata perchè l'ultima volta che le ho avute era a seguito di una brutta infezione che è passata solo dopo un mese circa...
Ho un dubbio, che spero possa essere confermato da voi nell'attesa di una visita ginecologica...
Potrei aver utilizzato una dose eccessiva di bicarbonato, facendo si che sia la causa delle mie perdite di sangue? Magari un'irritazione?
Ringrazio anticipatamente...

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Prima di iniziare una terapia è importante porre una diagnosi.
Lei ha battezzato questa infezione come " vulvovaginite da CANDIDA" , ma potrebbe trattarsi di una VAGINOSI BATTERICA, di una VAGINITE AEROBIA, di una infezione da TRICHOMONAS , di una vulvovaginite irritativa da contatto.
Come può notare è veramente difficile diagnosticare un tipo specifico di vaginite senza una visita, un esame batteriologico a fresco.
Le cause potrebbero essere tante e le consiglio di interrompere qualsiasi terapia almeno 2/3 giorni prima di recarsi dal Collega.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI