Utente 240XXX
Buongiorno.
Un anno fa, all'età di 34 anni, ho avuto per la prima volta la cistite. Me ne sono accorta perché avevo sangue nelle urine, i sintomi erano quasi assenti.
Fatta l'urinocoltura, ho preso gli antibiotici prescritti dal medico e, a un successivo esame, il batterio non risultava essere presente.
Due sere fa ho avuto un bruciore, non legato alla minzione, che è durato qualche ora e che ricordava la sensazione di un anno fa. La mia domanda è: se si trattasse di cistite, dovrei per forza curarla con i farmaci? Non avendo più sintomi, posso pensare che sia passata da sola? Esiste questa eventualità, Oppure è sempre necessario fare l'urinocoltura? La cistite può passare da sola?
La ringrazio anticipatamente.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Signora,
nella cistite gli antibiotici devono essere utilizzati con molta parsimonia e solo in circostanze particolari. Il primo provvedimento da prendere deve essere sempre quello di bere moltissima acqua (2-3 litri al giorno) e valutare l'evoluzione dei disturbi. Questo è sufficiente a risolvere buona parte delle situazioni più semplici. L'antibiotico va assunto in presenza di febbre od in situazioni complicate, oppure quando - nonostante l'acqua - i disturbi non danno segno almeno di attenuarsi dopo 36-48 ore.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 240XXX

Scopro una cosa nuova e che - avendo usato, in vita mia, gli antibiotici solo la volta di cui le parlavo e non amandoli molto - mi fa molto piacere.
Sono già solita bere circa tre litri d'acqua al giorno. Inoltre, da un anno, ogni giorno bevo la spremuta di un limone diluita in acqua tiepida.
I sintomi di cui le parlavo, in ogni caso, sembrano essersi limitati allo scorso sabato sera.

La ringrazio davvero moltissimo per la preziosa informazione.

Saluti.

[#3] dopo  
Utente 240XXX

Buongiorno Dottore,

mi scusi se la disturbo ancora, ma i sintomi, che sembravano essere spariti, stamattina sembrano essere tornati (sempre leggeri e sopportabilissimi).
Riassumendo:
- sabato sera: bruciore significativo
- domenica: nessun sintomo tutto il giorno
- lunedì: lievissimo fastidio solo la mattina
- oggi, finora: lieve bruciore

C'è un tempo entro il quale i sintomi dovrebbero sparire del tutto?

[#4] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
diremmo di continuare a bere molto, ma se possibile effettuare un esame delle urine ed urocoltura. Per ora, se possibile, ancora niente antibiotici.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#5] dopo  
Utente 240XXX

Posso resistere, non ho un dolore forte, però vorrei capire: se l'urinocoltura confermasse che si tratta di cistite, quanto tempo avrebbe senso provare ad aspettare ancora prima di prendere eventualmente gli antibiotici?

[#6] dopo  
Utente 240XXX

(antibiotici o altri provvedimenti)

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Se l'urocoltura è positiva in modo inequivocabile e persistono i disturbi ancorché lievi allora la terapia antibiotica diventa opportuna.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 240XXX

La ringrazio molto, di nuovo.
Buona giornata.

[#9] dopo  
Utente 240XXX

Buongiorno Dottore,

dopo l'ultima volta che ci siamo sentiti, per due giorni (ieri e l'altro ieri) sono stata benissimo.
Stamattina, di nuovo bruciore, che ora è quasi passato bevendo più acqua dei miei soliti tre litri al giorno.
Ammetto di non avere più fatto l'urinocoltura, in quanto appunto negli ultimi due giorni tutto sembrava andato a posto.
Vorrei davvero evitare di prendere gli antibiotici (ho sentito di persone che, assumendoli, innescano un circolo vizioso).
Come si spiega questa cistite 'a singhiozzo' (un giorno sì - due no - un giorno sì - due no - un giorno sì)? A questo punto non ho più speranze di cavarmela con l'acqua e basta?
Scusi tanto il disturbo.

[#10] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Ora faccia l'urocoltura, ovviamente.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#11] dopo  
Utente 240XXX

Buonasera Dottore,
ho sottomano l'esito dell'esame delle urine effettuato sabato scorso.
L'esame è positivo, 'rari leucociti polimorfonucleati', germe identificato:escherichia coli.
Ho appena girato il referto al mio medico di base, ma se possibile mi farebbe piacere sapere cosa ne pensa.
A questo punto, essendo passati nove giorni dal primo sintomo, ma trattandosi comunque di bruciori leggeri e sporadici, che sono stati assenti anche per due giorni consecutivi, secondo la sua esperienza non c'è speranza che mi venga prescritta una via alternativa agli antibiotici?

[#12] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
la scarsità di cellule infiammatorie (rari leucociti) concorda con una situazione molto blanda, anche con positività dell'urocoltura per un germe intestinale comunissimo. Non ci riferisce purtroppo la carica batterica (1000? 10000? 100000?). Diciamo che se la carica batterica è superiore a 100000 una breve ciclo di antibiotico sarebbe opportuno. Ovviamente lo deve accompagnare dai soliti provvedimenti diretti al benessere dell'intestino (fermenti lattici, probiotici, yoghurt). Ricordi sempre che propio nella funzione dell'intestino sta la causa (e la soluzione) di buona parte delle infezioni delle vie urinarie della donna adulta.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#13] dopo  
Utente 240XXX

La conta dei germi è 1.000.000.
Quindi, se anche lei lo ritiene necessario, seguirò la cura antibiotica che mi indicherà il mio medico in base all'antibiogramma.

Vado al bagno con molta regolarità, tutti i giorni alla stessa ora! Mi può capitare di saltare un giorno, ma molto di rado.
Comunque i fermenti da supermercato vanno bene? Consiglia di prenderli già durante la cura antibiotica e poi sempre? In genere faccio colazione con cereali integrali e mangio moltissima verdura... Francamente sono un po' confusa, vorrei evitare di avere recidive, ma il mio stile di vita è già caratterizzato da comportamenti che dovrebbero scongiurare la cistite.

[#14] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
L'antibiotico è consigliabile, così come tutti i prodotti "da banco" cui accenna. L'urocoltura andrà ripetuta dopo alcune settimane.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#15] dopo  
Utente 240XXX

Bene. Il mio medico mi ha prescritto un antibiotico per sei giorni. Fare le analisi delle urine 15-20 giorni dopo la fine della cura andrebbe bene?

Infine (e poi davvero non la disturbo più) vorrei sapere se, oltre al bere sempre molta acqua e al cercare di mantenere regolare l'intestino assumendo regolarmente fermenti lattici, c'è qualcos'altro che potrei prendere per prevenire la cistite. Da quando l'ho avuta l'anno scorso, ad esempio, bevo la spremuta di un limone ogni mattina, ma non so quanto sia effettivamente utile.
La ringrazio ancora moltissimo.

[#16] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
il succo di agrumi tende a rendere le urine meno acide (pare un controsenso, ma è così ...), quanto questo possa servire a prevenire la cistite è difficile dire ... Vi sono altri integratori di origine vegetale che vengono proposti a questo scopo, i più noti sono gli estratti del ribes rosso (cranberry) che sono disponibili in moltissime combinazioni più omeno fantasiose. Come per tutti gli integratori, l'efficacia è molto variabile e soggettiva e non si può certo indicarne un consumo ad oltranza, anche per banali motivi economici. Noi siamo convinti che la vera prevenzione avvenga principalmente a livello intestinale e, talora, in un corretto equilibrio ormonale. Tutto questo configura sempre un quadro in cui le vie urinarie sono perlopiù la "vittima innocente" di cause esterne che esercitano i loro influssi negativi.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#17] dopo  
Utente 240XXX

Tutto chiaro per l'equilibrio intestinale, ma a cosa allude accennando a quello ormonale? C'è qualche controllo che potrei fare o accortezza che potrei avere (considerando che, come le dicevo, ho da sempre un intestino molto regolare)?

[#18] dopo  
Utente 240XXX

p.s. le analisi delle urine 15-20 giorni dopo la fine della cura antibiotica andrebbe bene?

[#19] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Un ciclo mestruale perllopiù irregolare, la necessità di cambio ripetuto di eventuale pillola anticoncezionale possono essere segno di un equilibrio ormonale non perfetto, i cui effetti si ripercuoto molto spesso anche sulle vie urinarie, che con l'apparato genitale contraggono rapporti anatomici di assoluta contiguità. Tre settimane sono un tempo adeguato per ripetere l'urocoltura.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#20] dopo  
Utente 240XXX

Chiarissimo.
La ringrazio ancora molto e le auguro una buona giornata.

[#21] dopo  
Utente 240XXX

Dottore buongiorno,

ieri sera ho preso la prima delle 12 compresse di ciprofloxacina che il medico mi ha prescritto: sono stata malissimo, ho avuto una reazione allergica con la faccia strapiena di macchie rosse, tremori per più di un'ora e mezza e brutte sensazioni diffuse. Evidentemente sono allergica alla ciprofloxacina.

Ho due domande:
1) dovendo ovviamente interrompere questo ciclo di antibiotici, i batteri si rinforzeranno?
2) non è proprio possibile provare con qualcosa di diverso dagli antibiotici? Ieri ho iniziato a prenderli come mi avevate detto, ma in realtà non ho più sintomi di cistite! Impossibile che, visti i risultati delle analisi fatte una settimana fa, sia passata da sola (da quando questa cosa è iniziata ho bevuto molta acqua, smesso di mangiare dolci e bere alcol, ridotto i rapporti sessuali)?

[#22] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signora,
considerato il tipo e la carica batterica, una sola compressa potrebbe addirittura essere sufficiente. D'ogni modo, ovviamente d'ora in avanti non dovrà assumere più antibiotici della famiglia dei chinolonici, come la ciprofloxacina ed altri. Diremmo per il momento di non fare altro e ripetere l'urocoltura tra un paio di settimane. nel frattempo faccia pure serenamente la sua vita, ovviamente senza eccessi, ma neanche privazioni!

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#23] dopo  
Utente 240XXX

La ringrazio davvero, le sue indicazioni sono sempre molto preziose.