Utente 377XXX
Salve sono alla ricerca di un consulto.
Da circa 3 mesi soffro di fastidi intimi, i miei sintomi sono lievi (facendo riferimento a ciò che ho letto a riguardo) ho solo rossore intimo, sia esterno che interno, le zone arrossate al tatto sono calde (a causa dell'infezione credo) ho qualche fastidio quando porto pantaloni un pò stretti/collant ecc e qualche volta leggero prurito che dura un massimo di 5 minuti una volta o meno al giorno. Noto sempre la zona intima umida e credo siano perdite ma non dense e bianche tipiche della Candida ma liquide e trasparenti/gelatinose, qualche volte un pò più dense. Sono andata al consultorio e la ginecologa visitandomi mi ha detto che dalle perdite che ha visto internamente si trattava di un infezione ( non ha specificato quale Candida o altro) mi ha prescritto Meclon crema per 6 giorni sia internamente che esternamente, delle lavande vaginali, Diflucan 150g 2 compresse una il giorno della visita e l'altra dopo 7 giorni, e un detergente intimo Micoschiuma. Ho fatto la cura ma con nessun risultato. Sono tornata dalla ginecologa che è rimasta stupita dalla non riuscita della cura e mi ha prescritto dei fermenti lattici in capsule vaginali Dicoflor una capsula per 7 giorni. Nessun miglioramento. Sono andata per la terza volta e mi ha prescritto ancora diflucan 1 compressa il primo giorno di ciclo e un altra il mese successivo. Adesso sono passati quasi 3 mesi ho preso la prima compressa di Diflucan il primo giorno del ciclo adesso sono passati 10 giorni è non è cambiato niente. Sono tornata dalla ginecologa per chiedere di fare un tampone ma dovrò aspettare altre 2 settimane per farlo.
Premetto ho avuto diversi rapporti nell'arco di questi 3 mesi tutti protetti e mai durante la cura. La prima volta anche il mio partner ha preso 2 compresse di Diflucan. Adesso mi chiedo: la non riuscita delle cure può essere data dai rapporti anche se protetti? il mio partner può avermi ritrasmesso la candida ( sempre se l'ha avuta e non sia stata debellata dalle due compresse di diflucan e sempre se la diagnosi senza tampone sia giusta) durante una cura e l'altra? Dai miei sintomi può essere qualcos'altro oltre la Candida visto che le cure non hanno fatto nessun effetto?
Attendo una risposta. Grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Partiamo da un punto fermo : la Vaginite da Candida NON È UNA MALATTIA SESSUALMENTE TRASMISSIBILE, il partner va trattato soltanto se SINTOMATICO..
IL secondo punto importante é quello che una diagnosi non é stata fatta: un esame a fresco , una coltura specifica , si tratta di Candida? Di TRICHOMONAS? Di GARDNERELLA? E quindi come si può giudicare una terapia se non abbiamo fatto DIAGNOSI.
SALUTONI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 377XXX

Grazie per la sua tempestiva risposta.
Lei consiglia di aspettare altre 2 settimane per fare un esame? per il tampone non posso farlo prima, ma se facessi un esame delle urine sarebbe visibile questa infezione? e inoltre..cosa posso fare per far diminuire un pò il fastidio nell'attesa? posso applicare una crema naturale alla Calendola o Tea tree?

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Purtroppo non possiamo fare nomi commerciali nell'attesa creme lenitive a base di acido borico.
Saluti
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente 377XXX

Salve ho avuto i risultati del tampore:
Batteriologico è il risultato il batterio è staphylococcus saprophyticus.
E' una batterio grave? Si cura solo con antibiotici? può averlo anche il mio ragazzo a questo punto? Sono un pò preoccupare.
In attesa di una sua risposta

[#5] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
NON è patogeno , fa parte della flora saprofitica dell'ambito vaginale.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#6] dopo  
Utente 377XXX

Scusi ancora per il disturbo le riporto qui i risultati del mio antibiogramma:

Teicoplanina = < 8 Intermedio
Vancomicina 4mcg/ml = < 4 Sensibile
Co-trimoxazolo = < 2 Sensibile
Nitrofurantoina = < 64 Sensibile
Fosfomicina = > 32 Sensibile
Rifampicina = < 0.5 Sensibile
Ac. Fusidico = > 1 Resistente
Linezolid = < 4 Sensibile
Ofloxacina 1-4 mg/l = < 1 Sensibile
Levofloxacina < = 1 Sensibile
Minociclina = > 0.5 Resistente
Tetraciclina = > 1 Resistente
Chinopristina/dalfop 1 = < 1 Sensibile
Clindamicina 0.250 mcg/ml = > 0.250 Resistente
Eritromicina = > 1 Resistente
Gentamicina = > 1 Resistente
Tobramicina = > 1 Resistente
Kanamicina = > 8 Resistente
Oxacillina = > 2 Resistente
Penicillina = > 0.120 Resistente

Sono andata dalla ginecologa che guardando le analisi ( un pò confusa ) mi ha prescritto un antibiotico con LEVOFLOXACINA.
Ora chiedo a lei se la prescrizione è giusta perchè la mia dottoressa mi sembrava un pò confusa del tipo che non sapeva leggere le analisi chiedendo all'infermiera qual'era quello più adatto.
Aspetto una sua risposta.