Utente 375XXX
Egregi Dottori,
vi chiedo gentilmente di venirmi in aiuto sull'argomento che andrò a sottoporVi poichè sono abbastanza preoccupata .Circa 15 giorni fa chinandomi ho sentito un dolore zona Ghiandole di Bartolini, precisamente a dx.. inizialmente sembrava un dolore come quanto (permettetemi il paragone) si sta troppo su una sella della bicicletta..., soprattutto quando mi sedevo e stando molto in piedi.. mentre mi accingevo a fare la doccia, toccandomi sentii una specie di bozza, dalle dimensioni di una noce dolente, la sensazione che provavo, e che provo tuttora, era come quella di avere un enorme brufolo... ho subito pensato a qualcosa che riguardasse le ghiandole di Bartolini, ma la cosa strana è che non ho una bozza esterna , fuori l'unica cosa che noto è il grande labbro dx un pò gonfio ma la bozzetta la sento solo al tatto e mi sembra abbastanza profonda....
Mi reco dal mio ginecologo dal quale ero appena stata 3 settimane prima per visita e eco TV e P.T. che appare tutto nella norma (ultimamente mi faccio controllare spesso poichè sto attraversando il complicato periodo della pre-menopausa con tutti i suoi annessi e connessi, ciclo che salta, vampate di calore ecc ho 49 anni ma non faccio nessuna terapia ormonale). Intanto guardo su internet..
Tutto parla di una ciste con del pus che o deve maturare e aprirsi da se, o agoaspirata, o incisa, tutto viene descritto riferendosi ad una cisti visibile dall'esterno (sulle labbra per intenderci) mentre a me da fuori non si vede proprio nulla (verificato con specchio), tra l'altro se sto nella classica posizione ginecologica (da visita per intenderci) la si sente solo appena, se invece sto in piedi o seduta sul water si distingue chiaramente...come una noce. (sempre dolente al tatto). Tra l'altro internet dice che una ciste di Bartolini è comune a molte donne in età fertile ma dopo i 40 anni potrebbe essere un tumore della ghiandola stessa!!!!
Al Ginecologo, spiego tutto e dico anche di essere abbastanza agitata poichè io ho 49 anni !!! Lui mi visita internamente tastando intensamente il lato interessato. La visita è abbastanza dolorosa ma lui dice che se fosse stata una ciste di Bartolini a tale contatto sarei saltata per aria mentre il mio dolore secondo lui era contenuto... mi spiega molto velocemente che secondo lui o è un'infiammazione della ghiandola che sta regredendo (ma io non ho mai avuto nulla a quella ghiandola),o la cisti deve ancora maturare, inoltre mi dice di prendere degli antibiotici e antinfiammatori e mettere localmente un'apposita crema e che ci saremmo rivisti dopo un mese....... UN MESE????!!!! Come faccio a stare in queste condizioni per un intero mese???? Tuttora mi fa male a camminare, a stare seduta (io lavoro seduta per 8 ore) e riesco a fatica a guidare.... (io non potrei prendere antinfiammatori per problemi gastrointestinali). sono passati 15 gg e lei è sempre li a volte mi sembra che si sgonfi a volte torna come prima sempre dolente al tatto e a volte anche senza tastare sento dolore, sopportabile ma c'è...
Però ci tengo a dire che il dolore con gli antinfiammatori risponde abbastanza.
Le mie domande sono:
1 La ciste d Bartolini esce sempre sull'esterno o può essere anche interna e più profonda?
2 che esami si possono fare per capire se è una cisti o è la stessa ghiandola che si gonfia?
3 si potrebbe fare un istologico da agoaspirazione? e chi lo può fare, il ginecologo o un chirurgo?
4 anche se non molto grossa ma essendo dolente non potrebbe essere almeno aspirata?
5 esiste un'ecografia di quella zona?
6 se dovessi aspettare che maturi quanto dovrei aspettare?
7 se invece si è gonfiata la ghiandola stessa è normale che ci metta cosi tanto tempo a rientrare o il fatto che sia ancora cosi dopo 15 gg e le terapie è indice di qualcosa di grave?
8 non posso continuare cosi cosa faccio ora mi devo rivolgere ad un altro ginecologo o chirurgo?
So che sono molte le domande ma calatevi nel mio stato d'animo......
per favore indicatemi qualcosa...... scusate se mi sono dilungata ma so che online è difficile dare consigli cosi ho cercato di dire tutto ciò che poteva essere d'aiuto... vi ringrazio in anticipo..

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
A molte delle domande che pone sulla ghiandola del Bartolini è impossibile rispondere senza un riscontro clinico.
Potrebbe esserci una cisti e non un ascesso della ghiandola , che a volte regredisce rompendosi spontaneamente o con incisione eseguite da parte di un medico .
Le cisti più piccole sono spesso asintomatiche.Possono essere rilevate all'auto -esame o dal medico durante un controllo di routine.
Le cisti più grosse tendono a creare disagio , di solito avvertibile camminando , stando sedute o durante il rapporto sessuale .
Le cisti che sono piccole e asintomatiche possono anche non essere trattate . Se la cisti è sintomatica o ricorrente , di solito richiede un piccolo intervento chirurgico,.
Nicola Blasi , MD
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 375XXX

Grazie Dottore, ma nel caso di imtervento chirugico si asporta solo la cisti o la "maledetta" ghiandola in questione? E si esegue poi un istologico sulla parte asportata? Domani ho un nuovo appuntamento con la ginecologa a questo punto pittosto che vivere nel dubbio di una recidiva come spesso accade o peggio di far brutti pensieri su un tumore della ghiandola in questione Le chiederò se non sia meglio asportare e basta! Grazie mille x la sua risposta magari le faccio sapere cosa mi dirà la dottoressa domani...

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Non ho parlato di neoplasie, ma di cisti o ascesso.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente 375XXX

Gentile Dottore, mi scusi se torno a scriverLe.. sono stata oggi della ginecologa che mi ha confermato l'infiammaziome della ghiandola, oggi però il dolore è veramente diminuito e la Dottoressa mi ha detto che potrebbe risolversi da sola... mi sembramo leggermente diminuite anche le dimensioni... la Dottoressa miha anche fatto un'eco trtransvaginale ma mi sono dimenticata di chiedere un particolare che gentilmente vorrei chiedere a Lei Dottore, e cioè se nell'ecografia TV si può vedere la ghiandola (o cisti).... ? Mi scusi non voglio tediare ma è una curiosità che vorrei togliermi... grazie ancora x la pazienza...

[#5] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
NON SI VEDE ECOGRAFICAMENTE
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI