Utente 415XXX
Buonasera, sono una ragazza di 21 anni. Ho avuto il menarca ad 11 e per i primi 5 anni di ciclo mestruale non ho avuto alcun problema: certo, avvertivo una leggera tensione, però conducevo le mie attività senza alcun problema, e di dolori non c'era neanche l'ombra. Le cose sono cambiate di punto in bianco a 16 anni, quando sono sopraggiunti dei dolori insopportabili che mi hanno costretta a letto, allorché, su consiglio della ginecologa, ho assunto per la prima volta ibuprofene. Di lì in poi questi dolori non mi hanno più lasciata, costringendomi o ad assenze da scuola o ad assumere 3-4 bustine di antidolorifico al giorno. La ginecologa disse che questo cambiamento era dovuto al fatto che avevo effettivamente iniziato ad ovulare, e nelle numerose visite che ho fatto mi hanno sempre detto che sono sana come un pesce. A settembre 2015 mi è stato rilevato ovaio multifollicolare tramine ecografia interna, ed anche questa volta la ginecologa mi ha detto che è una cosa normale considerata la mia età. Ho assunto per due anni la pillola e per due anni i dolori sono spariti. Ora ho sospeso da un anno, e i dolori sono tornati, fortissimi, insopportabili, lancinanti. Ci tengo a precisare che sopporto bene il dolore, e che se dico lancinanti intendo la cosa alla lettera senza alcuna esagerazione... Se dovessi descriverli, mi danno la sensazione di uno strappo viscerale, di viscere strappate, con punture persistenti qui e là, e con fitte puntuali che di tanto in tanto spariscono. Quest'ultima volta ho avuto dei dolori fortissimi in zona lombare dx anche nei giorni precedenti (una/due settimane prima circa, e due giorni prima)... Questi dolori premestruali NON apparivano come assestamenti premestruali, tant'è che ho pensato di recarmi al pronto soccorso convinta di avere qualcosa di serio ai reni. Erano fitte fortissime sul lato dx, così forti che camminando ho rischiato di svenire e ciò non è successo solo perché mi sono prontamente sdraiata su una panchina. Mi chiedo... tutto questo è davvero così normale? Io sto malissimo, in casa quando ho dolori mestruali la sola posizione che mi dà sollievo è accucciarmi sul letto a pancia in giù, con le gambe per terra e la schiena distesa. Distendermi sulla schiena mi fa un male atroce. Sono preoccupata...

[#1] dopo  
409935

Cancellato nel 2018
La dismenorrea grave è un problema che crea a chi ne soffre, una vera e propria invalidità temporanea nonché notevoli sofferenze, con ricorso a farmaci e talvolta anche a servizi di pronto soccorso e crea anche disagi familiari. Le cause sono diverse tra le più frequenti sono quelle disfunzionali quali i disturbi del ciclo mestruale per cui non vi è , ogni ciclo, la necessaria produzione di progesterone con conseguente eccessiva contrazione uterina. Ricordiamo che il progesterone contrasta le contrazioni uterine, una carenza di progesterone provoca dismenorrea .
Alte cause, Possono essere di tipo meccanico, come l'eccessiva curvatura dell utero, specialmente la retroflessione spiccata. La retroflessione è una curvatura a "C" dell utero verso dietro che può rendere difficile l espulsione del mestruo . Infine ci possono essere situazioni di canale cervicale eccessivamente ristretto che possono generare dismenorrea. Da tenere presente anche la possibilità di una endometriosi condizione che può provocare anch essa dismenorrea . Quindi fondamentale e fare la diagnosi per poi stabilire il rimedio giusto .
Sta di fatto che L utilizzo della pillola anticoncezionale rappresenta al momento, il rimedio più semplice ed efficace al problema .
Dr. Floriano Petrone Chirurgo Ginecologo, Centro Medico Iknos, Milano 347 8330868