Utente 481XXX
Salve,
da qualche giorno ho un bozzo più o meno delle dimensioni di una ciliegia all'esterno delle grande labbro dx verso l'inguine che mi da un po' di dolore. Da quel punto per tutto l'inguine fino alla parte dx del monte di venere ci sono rigonfiamenti molto duri fino al punto in cui compare un bozzo di dimensioni di una noce. Sono molto preoccupata. Da 2 giorni metto una crema tipo gentalyn. L'unico miglioramento che ho avuto è che il bozzo più piccolo mo fa meno male quando cammino. Cosa potrebbe essere? Ringrazio per la cortese attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Difficile fare diagnosi senza un esame clinico.
Potrei supporre una cisti o un ascesso della ghiandola del Bartolini, una follicolite , una cisti sebacea infiammata .
Potrebbe trattarsi di un linfonodo inguinale reattivo ad una infezione erpetica .
Queste sono ipotesi diagnostiche che vanno confermate dal Collega ginecologo di fiducia.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente 481XXX

Buonasera Dott. Blasi, La volevo ringraziare per il tempestivo consulto fornitomi.
mi sono subito recata dalla dott.ssa di fiducia che mi ha diagnosticato una infezione probabilmente dovuta a batteri quali e.coli e intestino infiammato (probabilmente da 3-4 mesi) . Dovrò fare accertamenti al riguardo: analisi e tampone. La dott.ssa mi ha già prescritto una terapia d'urto da seguire con antibiotico meclon, ovuli e lavaggi. Come è possibile contrarre una infezione del genere? Il bozzo non era altro che una cisti sebacea come Lei aveva già potuto supporre come probabile diagnosi. Inoltre mi è stata diagnosticata, tramite ecografia, la sindrome dell'ovaio multifollicolare, in merito a questo mi saprebbe delucidare riguardo a possibile infertilità o altre complicazioni?
La rigrazio anticipatamente e porgo cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
In caso di ovaio multifollicolare , l'ideale è l'uso della pillola estroprogestinica ( o anello vaginale , o cerotto ) .
Con la pillola c'è il rischio di diventare sterile ? questo dubbio assilla spesso le giovanissime , che hanno paura che ci sia "un prezzo da pagare " negli anni successivi , se si decide di assumere la pillola per prevenire la gravidanza in giovane età., o per terapia.
Con le pillole di oggi , sempre più leggere e a base di ormoni con caratteristiche molto simili a quelli che l'organismo produce naturalmente , il ritorno alla fertilità è ancora più rapido.
Quindi nella pillola si associa la terapia e la prevenzione
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#4] dopo  
Utente 481XXX

Grazie molte dottore, questo mi tranquillizza molto, ho 26 anni e non ho mai assunto la pillola. È stato davvero gentile ed esaustivo! Buon lavoro