Utente
Buon giorno,
sono una ragazza di 23 anni, sono sempre stata contraria ad assumere ormoni e pastiglie varie.
Ho avuto un dca (sia anoressia che bulimia) per molti anni e ora ho un equilibrio tutto mio ma non sono sicura di quanto possa resistere se iniziassi a gonfiarmi, a prendere peso e a venirmi cellulite
Nonostante questo per la prima volta ho deciso di cambiare metodo anticoncezionale, Volendo passare dal preservativo all'anello (dosaggio ormonale basso, niente pillole), sono stata dalla ginecologa del consultorio che mi ha semplicemente fatto un'impegnativa per le analisi del sangue, e subito dato una ricetta per LOETTE, dicendo che bisogna inizare con la pillola e di solito Loette è la prima che si usa. vero?
Le ho comunicato due problemi : il fatto che sono leggermente anemica e ho la bilirubina sempre sopra alla norma di 1 o 1,5 (forse Gilbert, ma non avendo mai avuto problemi, non ho mai fatto controlli)
Nonostante questo mi ha dato la ricetta e mi ha detto di fare le analisi con calma e di pur cominciare a prendere la pillola al prox ciclo e che sarei stata subito coperta già dalla prima compressa.

Ho un ciclo tuttosommato regolare (ogni 30 giorni), a volte è saltato ma per motivi legati allo stress da sessione esami (studio all'università), pochissimi dolori, al max il primo giorno e con un nemisulide passavano, a volte nella settimana precedente mal di testa persistenti, ma niente più. Non ho mai sofferto di acne, e non vorrei prorpio cominciare.

E' normale che mi abbia prescritto proprio quella pillola?
Non potevo inziare con una più economica (tanto per provare!)? Estinette per esempio, no?
Sono terrorizzata dagli effetti collaterali e per ora aspetterò cmq marzo per prenderla (febbraio è periodo di esami non posso star male.)

grazie mille per le risposte.
elena molto dubbiosa....

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
Se il Collega ha optato per il LOETTE,avrà avuto i suoi motivi.
Deve solo continuare l'assunzione e vivere tranquilla.
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI