Utente 288XXX

Buongiorno,
da circa un anno ho iniziato ad avvertire sporadici problemi di masticazione e conseguentemente di blocco della mandibola che col tempo sono andati gradualmente peggiorando; a questi sentori iniziali si sono aggiunte algie facciali, dolori cervicali, ronzii all'orecchio e frequentissime cefalee.

Ho scoperto, dopo una lunga serie di visite e di esami, che questa sintomatologia era tipica del disturbo cranio-crevico-mandibolare ed ho iniziato la cura dallo gnatologo che consta di due apparecchi mobili, uno per il giorno e l'altro per la notte.

Però nonostante siano passati alcuni mesi, i sintomi sembrano persistere e non ho notato miglioramenti decisivi nè per quanto riguarda la meccanica dell'articolazione nè per quanto concerne la sintomatologia dolorosa.
Vorrei pertanto chiedervi se questa patologia può essere risolta in via definitiva dato che condiziona pesantemente la mia quotidianità oppure devo rassegnarmi a conviverci perennemente.

Ringraziando in anticipo per la vostra disponibilità vi porgo i miei più cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Auletta

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
8% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
Gentile utente dato per buona la diagnosi che Le è stata fatta l'uso delle apparecchiature non è sempre sufficiente per il trattamento dei disturbi da Disordine C.M.
Ci sono dei casi in cui bisogna ad esempio associare alla terapia con byte anche un ciclo di fisioterapia.
La risposta ha il solo scopo informativo.
http://studiodentisticoauletta.it
Dr.Giovanni Auletta

[#2] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
[#3] dopo  
Dr. Alessandro Fedi

24% attività
4% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012

Un anno di disturbi continui e ingravescenti è tanto. L'assenza di miglioramento dopo mesi altrettanto. Può darci qualche ulteriore elemento di diagnosi ?
Dr.Alessandro Fedi Spec.Odontostomatologia Spec.Ortognatodonzia Gnatologo Psicoterapeuta Ipnosi www.guardachesorriso.com www.ipnosiodontoiatrica.it

[#4] dopo  
Utente 288XXX

Prima di tutto vorrei ringraziarla per la cortese attenzione;
ho dimenticato di scrivere che porto l'apparecchio da circa tre mesi ma non ne ho notato l'efficacia, in quanto gli stessi malesseri che mi hanno spinto a curarmi li avverto tuttora.
Ad onor del vero, posso dire di non essere peggiorata ma i miglioramenti sono stati infinitesimali.
In particolar modo, ciò che mi disturba di più è avere continue cefalee che, seppur all'apparenza trascurabili, sono invalidanti e influenzano la mia vita, a volte stravolgendola.
Vorrei poter sperare di tornare ad una condizione di ''normalità'' ma per adesso mi sembra impossibile definirmi guarita.
Mi trovo quindi in una fase di stallo e, non sapendo come poter migliorare la situazione, mi sono rivolta a voi per un consulto, confidando nella vostra esperienza.

In attesa di un suo gradito riscontro, le mando i miei più cordiali saluti.

[#5] dopo  
Dr. Alessandro Fedi

24% attività
4% attualità
16% socialità
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
La cefalea è una patologia molto invalidante. e capisco come desideri tornare a una situazione di normalità. Con questo servizio possiamo darle dei consigli, ma per uscire veramente dallo stallo in cui si trova le consiglio una vera second opinion con visita diretta. In termini generali potrebbe essere che il suo stato muscolotensivo ( se di cefalea muscolotensiva si tratta) sia dipendente non solo da un disadattamento occlusale e che il suo percorso riabilitativo sia un po' più complesso, meritevole per esempio di una correzione occlusale con bite collimata con manovre fisioterapeutiche cervicocraniali ma anche sul rachide e sul resto del corpo, identificazioni di componenti psicosomatiche e nutrizionali.
Quando correggendo un solo aspetto del sistema compromesso ( pr esempio con un bite) non si ottiene pressochè nulla in genere c'è un difetto di diagnosi e conseguentemente difetto di progetto terapeutico.
Cordiailità vivissime.
Dr.Alessandro Fedi Spec.Odontostomatologia Spec.Ortognatodonzia Gnatologo Psicoterapeuta Ipnosi www.guardachesorriso.com www.ipnosiodontoiatrica.it

[#6] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Condivido al 100% quanto detto dal collega. Un aiuto al bite (e alle altre terapie necessarie) potrebbe essere http://www.danieletonlorenzi.it/atm/stretching-mandibolare-contro-il-dolore-e-wellness-benessere-in-odontoiatria/
saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum