Utente 429XXX
Buongiorno gentili Dottori, vorrei esporvi il mio problema.
Ogni tot di tempo mi capita di svegliarmi al mattino con dolori mandibolari, non riesco ad aprire la bocca a sbadigliare e a mangiare, tanto il dolore e' forte. Dopo aver chiesto un parere a mio cognato che e' odontotecnico, mi ha suggerito che potrebbe essere un fattore di nervosismo e di digrignamento denti, cosi mi ha preso le impronte e preparato un bite notturno. nonostante cio' (lo porto da un mese), stamattina mi si e' ripresentato il problema, ho preso un anti infiammatorio e messo panni caldi sulla parte interessata. Volevo sapere se in questi casi e' meglio il calore o il freddo?Poi cosa accade e perche?Sono i nervi che si accavallano o un infiammazione dei muscoli?Mi accorgo che tendo anche a serrare le mascelle durante il giorno, questo puo influire col problema?So che devo fare una visita dal dentista a settembre ma nel frattempo vorrei chiedere un parare a voi.
Grazie in anticipo per le eventuali risposte.

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, se dopo alcune settimane il trattamento con il bite non ha risultato, delle due l'una: o i suoi problemi non dipendono dall'ATM, oppure ( e mi lasci questo dubbio) il bite potrebbe essere inadeguato.
Dire "bite" é come dire "pillola" : rappresenta un trattamento assolutamente individuale (diffido dei preconfezionati che si vendono in farmacia), e consiste nella configurazione tecnica e artigianale di un ragionamento diagnostico e di una ipotesi terapeutica formulata dal dentista che lo prescrive e realizza: é questa che il paziente compera, non il pezzo di resina acrilica che qualunque tecnico realizza in un'oretta di lavoro. Purtroppo la facilità di realizzazione tecnica fa si che spesso un bite non si neghi a nessuno, ma anche che la sua conformazione sia del tutto casuale.
"Mi accorgo che tendo anche a serrare le mascelle durante il giorno, questo puo influire col problema?"
questo le dovrebbe suggerire che il trattamento notturno (8 ore avanti e 16 indietro) , è evidentemente inadeguato.
Non posso che suggerirle di rivolgersi al dentista, ma prima sincerandosi che sia veramente esperto in problemi dell'Articolazione Temporo Mandibolare.
Cordiali saluti ed auguri.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Il Suo problema sembra complesso, anche alla luce di quelle che sono le "sue strane sensazioni" prima di addormentarsi. Difficile fare terapie sul bruxismo in presenza di una situazione di ansia pregressa. Difficile anche per uno gnatologo, senza l'aiuto di una collaborazione specialistica che approcci questo aspetto. Necessita di un lavoro di team. Purtroppo si valuta il bite come un pezzo di plastica, ma mi creda nel mio studio un caso come il Suo mi porterebbe via parecchio tempo. Sui risultati del bite del cognato non dico nulla, ma se non funzionasse non mi stupirei.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#3] dopo  
Utente 429XXX

grazie per le risposte ma cosa mi consigliate di fare?non so proprio dove sbattere la testa. Questi problemi che ho pensate possano dipendere da un problema sull articolazione mandibolare, che ho letto su internet porta alcuni sintomi che ho?dovrei fare radiografie o cosa?

[#4] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Provi con uno gnatologo. Quello che serve è una visita clinica approfondita. Legga http://www.danieletonlorenzi.it/?s=click+blocco&x=-1097&y=-162 si comincia da qui.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum