Utente 758XXX
vi chiedo indicazioni per un problema che riguarda un mio fratello di quasi 38 anni, ha denti piuttosto deboli e soggetti a cariarsi, inoltre a seguito della mancanza dei 4 molari e degli incisivi superiori molto grandi che in parte si sovrappongono, la occlusone si è aggravata e peggiorata col tempo, visto che con l'estrazione dei molari poi i denti rimanei si son inclinati, era stato visto da dentista dal quale è ancora in cura e visto il tipo di problema non avevvano ritento utile l'utilizzo di un apparecchio per raddrizzare i denti, credo perche con qullo i denti si puliscono ancora peggio. Il denista aveva invece fatto una placca di svincolo(bite) da portare di notte sull'arcata inferiore, in modo da rilassare la muscolatura.
la situazione però continu a peggiorare e ogni qualche mese si richiede un molaggio selettivo del bite.
Vi chiedo se possibile qualche consiglio in merito.
saluti vivissimi

[#1] dopo  
Dr. Antonio Graziano

32% attività
0% attualità
16% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2005
Suo fratello ha sicuramente bisogno di una riabilitazione complessa dell'apparato stomatognatico, di cui una delle componenti fondamentali è rappresentata dagli elementi dentari, i cui contatti vicendevoli determinano nel loro complesso l'occlusione. La mancanza di alcuni elementi dentari, quali i molari e gli incisivi, ha privato l'occlusione di due guide fisiologiche fondamentali, quella anteriore, data appunto dagli incisivi e quella relativa alla dimensione verticale occlusale, data dai molari. Queste guide hanno un ruolo importante nella funzionalità della muscolatura, non solo cranio-facciale, ma anche di segmenti distanti, così come proteggono l'articolazione temporo-mandibolare dalle sollecitazioni molteplici durante la giornata.
Sicuramente la placca di svincolo occlusale, bite piano, è un presidio che inizialmente serve a rilassare la muscolatura da contratture pre-esistenti al fine di cominciare la riabilitazione vera e propria. Come tale quindi è un ausilio temporaneo, dall'uso limitato nel tempo, poichè modificando la dimensione verticale deve essere continuamente riadattato. E' quindi un sintomatico, un palliativo efficace ma di breve durata, ma non può assolutamente essere considerato una terapia nè essere portato a tempo indefinito. La terapia ideale è protesica, mirata a ripristinare gli elementi dentari e quindi quelle guide fisologiche andate perdute.
Distinti saluti
Antonio Graziano
Dr. Antonio Graziano, PhD
Odontoiatra
Dottore di Ricerca in Tecnologie Biomediche applicate alle Scienze Odontostomatologiche

[#2] dopo  
Utente 758XXX

Ringrazio per la risposta mi sono accorto però che avevo commesso unomissionenello scrivere la richiesta.
I problemi di occlusione di mio fratello si è aggravata un po col tempo visto che con la amncanza dei molari i denti vicino si sono in parte inclinati e spostati ma la causa che ha fatto precipitare il problema é stato a seguito di un trauma cervicale che ha subito 13 mesi fa a seguito del quale il dentista ha molato il bite e lo ha riadattato anche dopo qualche tempo sono inoltre comparsi e persistono forti dolori a muscoli masticatori aumentata difficiolta a aprire la bocca comparsa una lusssazione della atm per raggiungere la massima apertura .
a causa del trauma cervicale risulta una riduzione dello spazio c6c7.
per quando riguarda la risposta del medico dott Graziano che ringrazio volevo capire come comportarmi, visto che i denti sono inclinati per poter pensae a una protesi penso sia prima necessario raddrizzare i denti.

[#3] dopo  
Dr. Antonio Graziano

32% attività
0% attualità
16% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2005
Naturalmente una riabilitazione protesica è una terapia complessa che non si limita alla presa di un'impronta e alla consegna del manufatto dopo 15 giorni! La contrattura muscolare ad esempio di cui è affetto suo fratello va curata oggi di per sè, con terapie che possono prevedere oltre al bite, stimolazioni elettriche a bassa tensione (T.E.N.S.) o LASER. Una terapia ortodontica pre-protesica è sicuramente da valutare accanto ad interventi di chirurgia pre-protesica come estrazioni strategiche.
Naturalmente prima di proseguire occorre fare una visita e impostare il piano di trattamento, impossibile a distanza!
Distinti saluti
Antonio Graziano
Dr. Antonio Graziano, PhD
Odontoiatra
Dottore di Ricerca in Tecnologie Biomediche applicate alle Scienze Odontostomatologiche

[#4] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
La prima cosa da farsi (come detto dal collega) è fare un bite (che non abbia bisogno di ritocchi mensili) fino alla scomparsa del dolore. Fare ortodonzia (o protesi) in presenza di dolore può essere molto pericoloso. Quando suo fratello godrà di buona salute potrà ragionare sui passi successivi.
Saluti
Daniele Tonlorenzi
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum