Utente 219XXX
Salve gentili gnatologi
già ci si conosce, avendo in passato spesso io scritto e ricevuto buoni consigli e delucidazioni.
In breve, porto byte inferiore, problemi atm destra tipo incordinazione condilo/meniscale, atm sx un pò di artrosi. Ora scrivo appunto in relazione a problemi ATM sinistra. Devo dire in verità che in questi anni i problemi li ho avuti più sul lato destro, come la sublussazione con dolore all'orecchio e rigidità mandibolare, gli schiocchi etc. Sul lato sinistro la norma è avvertire più o meno quel rumore tipo "sabbia" (tss), ma dolore niente. Ieri sera mentre mangiavo ho sentito un lieve male all'interno dell'orecchio sinistro, durato pochi secondi, e oggi a mezzogiorno all'improvviso un rumore secco "schec", proprio tipo un ramo secco che si spezza all'improvviso. Devo dire che questo rumore improvviso mi capitò anche in passato, senza dolore, ma erano mesi che era assente e non avevo problemi.
All'ortognatodonzista che mi confezionò il byte e che mi segue semestralmente, una volta gli chiesi cosa dovevo fare se mi si presentava all'improvviso un problema (anche se ricordo che io allusi in particolare alla lussazione atm), e lui mi rispose che dovevo subito mettere il byte. Fatto.Vorrei avere se possibile qualche consiglio per non creare ulteriori problemi o magari stare meglio..tra l'altro sento che da questo lato sinistro ho pure un pò di catarro all'interno, e una volta negli anni 90 preoccupato perchè sentivo gran scricchiolii dietro l'orecchio sx (che ebbe perforazione timpanica nei militari, per non farsi mancar nulla..), mi visitò un professore otorino e mi disse subito che io avevo lì rinofaringite cronica, e quel rumore scrichiolii era dovuto (solo) al catarro che si "smuoveva"; ora non so se questo male può essere dato da questo catarro dietro l'orecchio..
Saluti cordialissimi!

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, credo che i consigli che si possono ricevere via rete in campo gnatologico lei li abbia più volte già ricevuti : é evidente che , per dire di più, bisognerebbe poter visitare il paziente.
Un'osservazione:
"e lui mi rispose che dovevo subito mettere il byte"
Probabilmente , invece, non dovrebbe mai toglierlo.
Rilegga le passate risposte, e vedrà che sono ancora attuali, e lo resteranno finché il suo quadro non subirà un repentino aggravamento, che ovviamente non le auguro.
Buon anno.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente 219XXX

Salve dott. Bernkopf
in effetti in passato avevo ricevuto consigli ed ora ripasserò quegli scritti.
Questa però mi pareva una situazione un pò diversa almeno negli ultimi tempi, sono comunque convinto che nelle righe scorse ci siano buone indicazioni al caso.
Al riguardo delle parole del "mio" specialista sul byte, già dall'inizio mi disse che dovevo portarlo la notte e di giorno anche, più che potevo...
Purtroppo lo specialista che mi segue tornerà il 7 gennaio, ma certamente (spero) sopravviverò!
La saluto e Le auguro un buon anno nuovo