Utente 335XXX
Lo scorso anno ho eseguito una visita dentistica. Dopo accurate analisi radiologiche (mi scuso per l'imprecisione, ma non ricordo il nome degli strumenti utilizzati) è stata riscontrata una laterodeviazione mandibolare a destra (purtroppo ben evidente); classe scheletrica 1 tendente alla 3; classe dentale 3; presunta ipermandibolia; condilo in posizione arretrata. La terapia consigliata è l'applicazione di apparecchi ortodontici fissi su entrambe le arcate, previa, però ( e qui sorge il mio dubbio) estrazione di due pre molari dell'arcata inferiore.
Vi chiedo pertanto: è proprio indispensabile l'estrazione di due denti sani ? E inoltre, l'applicazione di questi apparecchi allevierebbe un po' il problema, dato che la sua risoluzione - mi si dice - sarebbe chirurgica?. Oltre al fattore estetico, so che la malocclusione crea gravi problemi (di cui, probabilmente già soffro: cefalea muscolo tensiva, dolori al viso, al collo, alle spalle e da poco anche alla schiena). Sono venuta a conoscenza dell'esistenza della gnatologia clinica, ma purtroppo credo che nelle mie vicinanze non esista un centro attrezzato, o specialisti privati.
Vi ringrazio anticipatamente per la consulenza che spero vogliate offrirmi, pur nella "confusione" delle mie indicazioni. Cordiali saluti. Vittoria

[#1] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Guardi nella mia attività professionale ho incontrato tanti casi di laterodeviazione mandibolare a cui era stata proposta la chirurgia ortognatica. Tutti questi si ricentravano con un corretto bite https://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/news/1010/Asimmetria-mandibolare.
Non dico che l'asimmetria mandibolare non esista, dico solo che prima dell'intervento DEVE ESSERE MISURATA L'ASIMMETRIA DELLA MANDIBOLA SU TAC cone beam.
Mi scusi se ho usato la maiuscola, ma questo concetto deve essere ben chiaro.
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#2] dopo  
Utente 335XXX

La ringrazio. E le chiedo un chiarimento: per la terapia, se non ho capito male, gli apparecchi ortodontici fissi non sarebbero consigliati ? (Ho dimenticato di specificare che oltre alla laterodeviazione della mandibola, i miei denti non sono affatto allineati). Meglio un bite, e soprattutto meglio rivolgersi ad uno gnatologo ?
Grazie ancora e cordiali saluti.

[#3] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Si sa poco sulle classificazioni dei disturbi temporomandibolari http://www.danieletonlorenzi.it/?p=79 e approcci e trattamenti diversi sono riportati ugualmente efficaci . E' stato pertanto convalidato nella terapia delle malocclusioni dentali un approccio conservativo e non invasivo.



La maggioranza dei pazienti con disordine temporo mandibolare ottiene sollievo dei sintomi con una buona terapia non invasiva reversibile (bite, stretching mandibolare, ecc.). In caso di dolore è consigliabile non fare nulla che modifichi il rapporto dentale preesistente, come ortodonzia, ceramiche dentali, molaggi selettivi, o qualsiasi altra cosa che modifichi "l'ingranaggio dentale", è consigliabile curare prima il dolore.



Fonte https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9151272
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#4] dopo  
Dr. Paolo De Carli

28% attività
0% attualità
16% socialità
MAJANO (UD)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2012
Ad integrazione di quanto riportato perfettamente dal Dott. Tonlorenzi, le ripeto quello che le ho scritto sull'altro portale di Odontoiatria (forse la risposta non sarà visibile prima di lunedì):
non è possibile rispondere in modo esaustivo senza una diagnosi corretta e con tutti gli esami che devono essere effettuati prima di intraprendere qualsiasi terapia. La cosa però importante è che se soffre dei disturbi che elenca ("dolori e malesseri diffusi, di cui credo di soffrire da tempo: cefalea muscolo tensiva, dolori a spalle, collo, viso") NON deve intraprendere nessun trattamento ortodontico se prima non viene valutato correttamente il problema della possibile disfunzione dell'Articolazione Temporo Mandibolare di cui sembra soffrire: il rischio è quello di un possibile aggravamento della sintomatologia se "sposta" i denti senza aver prima correttamente indagato questa disfunzione.
Dr. Paolo De Carli
Specialista in Odontostomatologia
www.studiodecarli.com

[#5] dopo  
Utente 335XXX

La ringrazio e capisco l'impossibilità di fare una diagnosi senza il riscontro degli esami adeguati. Grazie ancora.