Utente 341XXX
Buon giorno
Sono Francesca e ho 35 anni.
Ho sempre sofferto di malocclusione, mi mancano i secondi incisivi e sono una seconda classe da morso inverso.
Sono seguita da un gnatologo di Venezia il quale mi ha costruito un bite inferiore che porto da due mesi circa.
Ultimamente sembra che il problema stia peggiorando, continui dolori ai muscoli masticatori, dolore tipo fitte alle tempie e bruciore al cuoi capelluto.
Chiedevo se l'effetto del bite possa causare questi sintomi e se l'unica terapia da seguire sia solo questa.
Grazie per ogni risposta.
Saluti

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, la prescrizione di un bite , in un caso come il suo è corretta, ma dire "bite" é come dire "pillola" : rappresenta un trattamento assolutamente individuale (diffido dei preconfezionati che si vendono in farmacia), e consiste nella configurazione tecnica e artigianale di un ragionamento diagnostico e di una ipotesi terapeutica formulata dal dentista-gnatologo che lo prescrive e realizza.
Se il caso presenta le indicazioni e se la conformazione del bite é adatta, gli effetti sono solitamente rapidi, a meno di grandi presenze di aspetti aggravanti, che spesso sono l'esito del lungo perdurare del problema.
Sottolineo peraltro che il bite costituisce solo una terapia iniziale di una disfunzione cranio-mandibolare , una via di mezzo fra la conferma diagnostica e una prima terapia. E' del tutto evidente che, rimosso il bite , di giorno se prescritto per la sola notte, come anche rimosso definitivamente dopo mesi, il paziente é esattamente come quando ha cominciato: il bite costituisce solo una terapia iniziale di una disfunzione dell'Articolazione Temporo Mandibolare (ATM). Successivamente si dovrà provvedere ad una riabilitazione ortodontica, protesica o mista che confermi il risultato ottenuto con il bite, oppure proseguire, come compromesso, con il bite a vita.
I sintomi da lei segnalati possono essere riferibili ad una disfunzione dell'ATM; peraltro l'insuccesso terapeutico con il bite dovrebbe eliminare questa ipotesi: se dopo alcuni mesi di bite, portato 24 ore al giorno pasti esclusi, non si arriva ad un risultato, delle due l'una: o i suoi problemi non dipendono dall'occlusione e dall'ATM, oppure ( e mi lasci questo dubbio) il bite potrebbe essere inadeguato, o, infine, non è stato prescritto con le caratteristiche adeguate al suo caso, forse perché i suoi problemi non rientravano negli obiettivi.
Ovviamente quanto sopra ha valore del tutto relativo, non potendosi avere via rete gli indispensabili riscontri di una visita diretta: è importante che il dentista al quale si rivolge sia esperto in problemi dell'ATM.

Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente 341XXX

Grazie per la risposta. Il bite è stato costruito a misura ed è stato registrato giorno fa.
Il mio gnatologo è soddisfatto dei risultati che si stanno ottengo in effetti con la pressione delle dita nel l'innesto mandibolare il dolore è attenuato.
Forse la componente aggiuntiva di tutto questi fastidi al volto credo sia associata ad uno stato ansioso e stressante che mi sta perseguitano.
Grazie per il suo consulto.

[#3] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
16% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
"Ultimamente sembra che il problema stia peggiorando, continui dolori ai muscoli masticatori, dolore tipo fitte alle tempie "

Non capisco di cosa sia soddisfatto il suo gnatologo.
Io lo sono quando cessano i sintomi che lei ha descritto.
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)

[#4] dopo  
Utente 341XXX

Grazie per le risposte e mi scuso se non ho potuto ringraziarvi prima.
In effetti credo che il mio byte personale non sia ancora adatto alle mie esigenze in quanto sto trovando pochissimo giovamento da quando lo porti nonostante io cerchi di tenerlo in bocca il più possibile anzi, il problema effettivamente c'è quando per forza di cose sono costretta a toglierlo.
Volevo chiedere un'altra informazione...credete che il mio problema rientri nella sindrome di costen? Se si quali altre terapie potrei fare e soprattutto dove nella mia zona?
Lo scorso ottobre ho dovuto fare un mese di cortisone per ben altri motivi (mielite trasversa) e oltre a tutti gli effetti collaterali del caso non avevo nessun tipo di dolori ne alle tempie, faccia e testa...potrebbe essere il cortisone un'alternativa oltre a quella ortodontico per alleviare i disturbi.
Grazie

[#5] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, Se vuole chiamare "Sindrome di Costen" il suo problema, può farlo: può anche dargli un altro nome a suo piacimento: il problema resta uguale, e uguale resta il consiglio che le abbiamo dato. Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#6] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Non sposti i denti..... in presenza di dolore Le do solo questo consiglio.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum