Utente 214XXX
Buonasera nel mese di giugno dello scorso anno ebbi una dislocazione alla mandibola dopo aver mangiato. Premetto che ho 29 anni. Mi sono rivolta a uno gnotologo che mi ha prescritto la tac all'attivo l'azione tempo mandibolare con il risultato: si osserva un modesto rimodellare ti dei condili mandibolari con rettilineizzazione del profilo osseo funzionale, più evidente a sinistra. Moderato rimodellamento del versante affatto esterno del condilio temporale,specie a sx. Non si apprezzano significative alterazioni morfologiche strutturali dei capi ossei dell'ATM. In massima Intercuspidazione si apprezza una retrusione dei condili più accentuata a destra. Gli interspazi articolari sono conservati ovviamente più ampi anteriormente in relazione alla posizione dei condili. In massima apertura della bocca si osserva un aumento
dell'escursione anteriore del condilo mandibolare destro mentre vi è
una relativa riduzione dell'escursione anteriore del condilio mandibolare di sinistra.

Mi è stato detto di fare un esercizio per tenere un allenamento la mandibola, ma purtroppo tale esercizi mi provoca molto male ai denti.
Chiedo un consulto perché ormai da qualche mese mi sono accorta che con l'avvicinarsi del ciclo mestruale dopo un giorno di mal di testa ( per me normale con l'arrivo delle mestruazioni) inizio ad avere dolore diffuso a tutte le articolazioni della bocca. Più che dolore e un gran senso di fastidio. Il dolore persiste per circa dieci giorni per poi sparire completamente. Qualche volta mi vedo costretta ad assumere degli antidolorifici. Volevo sapere se questo può dipendere dall'esito della tac all'atm, oppure se mi consigliate di rivolgermi nuovamente allo gnotologo.
Grazie anticpatamente

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Signora, l'approccio gnatologico é, in prima battuta , essenzialmente clinico. La TAC serve a poco, e anche nel suo caso é di poco aiuto. Se mai, qualora il quadro clinico lasciasse dei dubbi solitamente si richiede una Risonanza Magnetica.
L'approccio terapeutico passa in prima battuta quasi sempre per l'applicazione di un bite, che corregga la dislovcazione che , per qualunque ragione, può essersi verificata: probabilmentre, nel suo caso, a sinistra.
E ben difficile poter dire diu più via rete , senza un esame diretto.
Le suggerirei di dare un'occhiata agli articoli linkati qui sotto, nell'ipotesi che lei possa riscontrarvi elementi di somiglianza con il suo problema. Cordiali saluti ed auguri.

http://www.medicitalia.it/minforma/Odontoiatria-e-odontostomatologia/934/La-cefalea-che-viene-dalla-bocca

www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Per comprendere bene le dinamiche ossee e del disco articolare legga http://www.danieletonlorenzi.it/?s=click+blocco&x=0&y=0.
Invece per le caratteristiche dell'artrosi dell'ATM forse è più interessante https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1968-disordine-temporomandibolare-dolore-facciale.html.
Buona lettura
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum