Utente 429XXX
Buonasera, scrivo per conto di mia madre che, da due anni, soffre di disartria e disfagia che con il passare del tempo stanno andando peggiorando. Naturalmente ha fatto ogni tipo di esame neurologico, tutti con esito negativo. La mia domanda è la seguente: è possibile che una errata riabilitazione protesica fissa abbia potuto provocare ciò? Naturalmente lei ha sempre sofferto di disturbi temporo-mandibolari causati da una mala occlusione (estrazioni varie di molari che nel tempo hanno provocato lo spostamento degli altri denti). La riabilitazione è stata fatta da un medico che conosco e che stimo dal punto di vista professionale, però guarda caso i suoi problemi sono insorti subito dopo la fine del lavoro; lui sostiene che non sia possibile ma senza argomentarmi troppo questa risposta, e purtroppo il dubbio mi è venuto, supportato anche dal fatto che tutti gli esami che ha fatto non hanno dato nessun esito. Grazie per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
La disartria è un disturbo motorio del linguaggio che deriva da una lesione di tipo neurologico che coinvolge la componente motoria del linguaggio ed è caratterizzata da una scarsa capacità di articolazione dei fonemi.
Lesioni neurologiche dovute a danni del sistema nervoso centrale possono comportare debolezza, paralisi oppure perdita di coordinazione del sistema motorio del linguaggio e produrre disartria. Questi effetti a loro volta, ad esempio, ostacolano il controllo sulla lingua, la gola, le labbra . Infatti ad essi spesso si associano problemi di deglutizione (disfagia).
Non esistono evidenze scientifiche correlate al trattamento odontoiatrico ed alle patologie temporomandibolari, ma disartria e disfagia sono l'espressione di un danno
neurologico(spesso localizzato emisfero cerebrale dominante ).Le cause possono essere per lo piu' organiche(ICTUS, Neoformazioni,ecc).Opportuno consultare altri neurologi,che con esami specifici(RNM encefalo, Angio-RNM), stabiliranno una diagnosi causale.Mi pare strano che i consulti effettuati abbiano dato esito negativo e che da due anni sua madre stia in questa situazione(ma il ricovero ospedaliero è stato contemplato?esistono
altri disturbi motori?)
distinti saluti


https://it.linkedin.com/in/luigi-de-socio-9bb60343
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 429XXX

La ringrazio molto per la celerità della risposta; pare veramente impossibile anche a me che ancora il neurologo ed il neurochirurgo non abbiamo scoperto nulla, ma la realtà purtroppo è questa. Sicuramente andremo avanti con le indagini, però sapere che in effetti il trattamento odontoiatrico non ha influito sul problema è già qualcosa.
La ringrazio nuovamente.
Cordiali saluti