Utente 455XXX

Sono iper allergico alle glaminacee e soffro di muco ma l'anno scorso ho subito nuovi sintomi :all'orecchio ho cronicamente dolore,pressione,ovattamento,ipoacusia e vertigini e ridotti riflessi suoni lievi,uscita di lieve sostanza nera e ipersensibilia' a suoni piu' al sinistro che destro tanto che mi fa rimbombo alla testa aumentano le vertigini e alcune volte ho avuto acufeni e ronzii tipo 3 volte in quasi 2 settimane.
Poi ho cronico dolore,pesantezza e lieve movimento spontaneo oculare(si chiama nistagmo).
Poi ho dolore con alcune volte un pizzico come se qualcosa mi pizzicasse e mi tirasse la faccia nella zona atm e difficoltà a masticare in una lieve zona dentale(quella a sinistra,molari infondo alla gola di lato) e lieve tremore denti d'avanti molari(chiamato bruxismo);lieve dolore e prurito nel naso sinistro.
Tutto questo e' stato scoperto da me e riscontrato nelle visite;Secondo l'otorino ,ho la sindrome di costen e disfunzione tubarica e sospetta anche la deiscenza del canale semicircolare superiore;lo gnatologo imvece diagnostica la sindrome di costen;mentre il medico di famiglia otite esterna e mastoidite.
Gli esami che ho fatto:
1-esame 30\06\2016 rm encefalo non rileva nulla tranne alterato segnale nella mastoide e nell'apice della rocca petrosa sinistra per presenza di materiale infiammatorio.
2-esame 09\03\2017 TC rocche petrose tutto nella norma tranne discreto ispessiremo mucoso nelle celle mastoidee destra e disfunzione mastoideo con infiammazione nel sinistro.
3-esame 14\04\2017 TC rocche petrose non rileva nulla tranne che sclerosi ossea a carico delle celle mastoidee di sinistra per esiti infiammatori.
4-esame 18\05\2017 RM ATM hanno rilevato a bocca chiusa si rileva dislocazione anteriore dei dischi articolari a bocca aperta si rileva modicamente ridotta la fisiologica traslazione del condilio con assimetria condilio e con i rispettivi dischi articolari che vengono ricatturati in posizione patologica d'artrito e lieve presenza di fluido intra-articolare;conclusione: la dislocazione bilaterale e l'assimetria e il movimento ridotto del condilio che fanno attrito solo nel sinistro insieme ai dischi provoca artrito che fa a sua volta , per infiammazione cronica,artrosi nell'sinistro
5-esame 07\05\2017 tampone auricolare della sostanza nera che esce dal orecchio sinistro,risultando stafilicocco warneri
6-esame 20\06\2017 come beam arcate dentarie e Massiccio facciale,non rileva nulla tranne si segnala deviazione scoliotica sinistra-convessa del setto nasale con consensuale sperone osseo che contatta il turbinato medio omolaterale.
7-esame 27\06\2017 TAC ad alta risoluzione orecchio e rocche petrose
A destra si rileva la mastoide appare discretamente opacata e lievemente ispessita la membrana timpanica ;A sinistra la mastoidee appare pneumatizzata e si segnala un dismorfismo a carico del vestibolo e della porzione anteriore( ampollare )del canale semicircolare laterale che appaiono ectasici.
Cosa ho secondo voi in teoria?.

[#1] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Per conoscere i meccanismi della dinamica dell'articolazione temporomandibolare durante l'apertura e la chiusura della bocca legga http://www.danieletonlorenzi.it/?s=blocco+click&x=0&y=0 Ci troverà anche le correlazioni tra articolazione temporomandibolare ed orecchio. Altro articolo che credo sia assai interessante è https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1968-disordine-temporomandibolare-dolore-facciale.html dove troverà tante informazioni sul disordine temporomandibolare.
Anche se ci sono correlazioni tra ATM ed orecchio in presenza di infezioni da stafilococco si affidi alla terapia antibiotica suggerita dall'otorino. Le due cose (malocclusione ed infezione possono essere trattate contestualmente).
In ogni caso la terapia antibiotica la faccia subito
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#2] dopo  
Utente 455XXX

Li conosco gia' i meccanismi atm,a bocca chiusa il condilio si trova in una cavita' chiamata fossa glenoidea e a bocca aperta tramite i dischi articolari (che sono muscoli)e il menisco dell'atm(che sarebbe la cartilagine dell'atm) si sposta il condilio sotto e sopra cosi' muovendo la mandibola inferiore e posizionando la mandbola inferiore con quella di sotto;l'atm e' vicino al orecchio interno e ci passano nervi facciali come il trigeminio e una arteria intercranica e facciali e alcune vene facciali ;ho letto la sindrome di costen riscontrando alcuni sintomi miei come dolore facciale,orecchio ,disfunzione tubarica, pressione auricolare ,bruxismo e clock tiro nella zona atm come se ci fosse atrito,artrite e artrosi cosa che ineffetti c'e' secondo la visita gnatologica e esami tuttavia il dolore e la pesantezza al occhio che aumenta se lo muovi in alto e le vertigini non sono collegati alla sindrome di costen(vedi referto tac ad alta risoluzione orecchio che rileva il dismorfismo vestibolo e ampolla del canale semicircolare laterale e quello che dice sclerosi ossea nell'orecchio interno).

[#3] dopo  
Utente 455XXX

L'infenzione all'orecchio l'ho avuta da quando avevo 4 anni con otiti e mastoiditi non avevano mai capito che batterio era col tempo mi e' passata ma il batterio non e' stato rimosso completamente e ha lasciato qualche segno;ora mi rispondi per favore a ste tre domande e aiutami ma e' possibile che ci sia un conflitto neurovascolare?e se si cosa devo fare di esame per vederlo?potrebbe servire un intervento dal chirurgo maxillo-facciale per risolvere tutto?.

[#4] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
I dischi non sono muscoli e il menisco nell'ATM non c'è. Menisco in greco vuol dire semiluna ed è presente nel ginocchio. Nell'ATM c'è un disco e non un menisco. La cartilagine dell'ATM non c'entra nulla con il menisco (che è nel ginocchio ma non nell'ATM) è solo un "foglietto" che ricopre l'osso file:///F:/Download/Atm%20per%20studenti%20.pdf di menischi qui non troverà sarebbe una delusione se l'Università fosse scaduta così. Io confido che non ne trovi. Il trigemino innerva attraverso il lemnisco trigeminotalamico tutto il capo, pensi che se le cade una ciglia e le brucia l'occhio il nervo che le fa sentire dolore non è il visivo. Quest'ultimo è infatti deputato solo alla visione, il dolore non lo veicola è di pertinenza del sistema trigeminale.
Tre domande:
1) ci può essere un conflitto neurovascolare? Io nella mia pratica ho sempre risolto senza indagini particolarmente sofisticate. Dolore da conflitto lo vedono solo i chirurghi e non credo sia descritto da gnatologi. Dovrebbe postare credo in neurochirurgia.
2) come fare a vederlo? Sempre postare in neurochirurgia.
3) si può operare? sempre in neurochirgia.


Mi faccia sapere se vuole trasferire di la le Sue domande provvederò a mettere il tutto nell'opportuna sede.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#5] dopo  
Utente 455XXX

Gia' lo fatto ma mi risponde sempre in modo superfluo e ovvio insomma e' incapace.
Comunque senza offesa ma il menisco c'entra nell'atm ed è una cartilagine fibrosa dell'ATM(per quest fibro-cartilagine) che si trova dentro i dischi articolari che sono dei tessuti molli che fanno da legamento con il menisco quindi muscoli interni;in pratica I menischi sono delle strutture fibro-cartilaginee presenti tra le articolazioni le cui superfici non risultano congruenti tra loro (la loro forma cambia a seconda delle superfici tra le quali si trovano),La presenza del menisco non si limita soltanto all'articolazione del ginocchio: è molto importante anche quello presente nell'articolazione temporo-mandibolare. Il menisco qui presente è formato da fasci fibro-cartilaginei che si confondono con le fibre dei muscoli pterigoidei. La forma è ellissoidale e divide l'articolazione in due parti (divisione puramente didattica) individuando due cavità non comunicanti tra loro che permettono di classificare la temporo mandibolare in una diartrosi condiloidea Il disco articolare è composto da tessuto connettivo fibroso per la maggior parte non vascolarizzato e non innervato. La porzione periferica esterna del disco, invece, è innervata.
Può essere diviso in 3 parti, a seconda dello spessore. La parte centrale, detta anche zona intermedia, è quella più sottile. La parte anteriore e posteriore risulta più spessa. In un'articolazione normale, la superficie articolare del condilo mandibolare si appoggia sulla zona intermedia.

Durante i movimenti dell'articolazione, il disco è abbastanza flessibile e si può in qualche modo adattare alle richieste funzionali, ritornando successivamente alla sua forma originaria. Tuttavia, se si generano forze meccaniche eccessive o cambiamenti strutturali nell'articolazione la morfologia del disco può modificarsi in maniera irreversibile.

Posteriormente, il disco si attacca ad una regione di tessuto connettivo altamente vascolarizzata ed innervata, il tessuto retrodiscale. Il bordo superiore ed inferiore di questo tessuto è chiamato lamina retrodiscale superiore ed inferiore.
Anteriormente, il disco si attacca al legamento capsulare e al capo superiore del muscolo pterigoideo laterale.

Il disco divide lo spazio intra articolare in due cavità distinte, la cavità articolare superiore ed inferiore, dove è contenuto il liquido sinoviale.L'innervazione - articolazione temporo mandibolare

L'ATM è innervata da una branca del nervo trigemino. In particolare, la diramazione terminale (nervo auricolotemporale) di questa branca (nervo mandibolare) è quella che provvede alla maggior parte dell'innervazione. Un'innervazione addizionale è garantita dai nervi profondi temporale e masseterico.

La vascolarizzazione - articolazione temporo mandibolare

La vascolarizzazione è garantita da tutti quei vasi che circondano l'articolazione. I principali vasi sono: arteria temporale superficiale, arteria meningea media, arteria mascellare interna.
Altre arterie importanti sono: auricolare profonda, timpanica anteriore, arterie faringee ascendenti.

I legamenti - articolazione temporo mandibolare

La funzione dei legamenti è quella di garantire stabilità, essendo elementi passivi che limitano i movimenti eccessivi dell'articolazione.
I legamenti hanno una caratteristica particolare: non si allungano. Se, però, vengono applicate forze eccessive esterne in maniera repentina o per un periodo prolungato di tempo, i legamenti si possono allungare. Quando ciò avviene è compromessa in maniera irreversibile la funzione del legamento e, di conseguenza, dell'articolazione.
Il sistema legamentoso dell'ATM è composto da 3 legamenti funzionali e 2 accessori.

I legamenti funzionali sono:

Legamenti collaterali

Collegano i bordi del disco ai margini laterali della testa del condilo mandibolare. Vengono anche chiamati legamenti discali, mediale e laterale.
La loro funzione è quella di limitare i movimenti del disco articolare rispetto al condilo. Garantiscono al disco di ruotare in avanti e indietro rispetto al condilo ma non medialmente o lateralmente.

Legamento capsulare

Avvolge tutta l'articolazione. Il legamento capsulare limita tutti quei movimenti che tendono a separare o dislocare l'articolazione. È molto innervato e fornisce informazioni propriocettive sulla posizione e sul movimento dell'articolazione.

Legamento temporomandibolare

È composto da 2 fasci: porzione obliqua e porzione orizzontale.
La porzione obliqua si estende dalla superficie esterna dell'eminenza articolare alla superficie esterna del collo del condilo. Limita l'apertura della bocca ed influisce sul pattern di movimento della mandibola.
La porzione orizzontale si estende dalla superficie esterna dell'eminenza articolare al polo laterale del condilo e alla parte posteriore del disco. Limita il movimento posteriore del condilo e del disco, proteggendo il tessuto retrodiscale da eventuali traumi ed il muscolo pterigoideo laterale da un eccessivo allungamento.

I legamenti accessori sono:

Legamento sfenomandibolare

Si estende dalla spina dell'osso sfenoide fino ad una piccola prominenza sulla superficie mediale del ramo della mandibola, detta lingula. Non limita nessun movimento della mandibola.

Legamento stilomandibolare

Si estende dal processo stiloideo, in basso ed in avanti fino al bordo posteriore e all'angolo del ramo mandibolare. Entra in tensione durante i movimenti di protrusione della mandibola, per cui la sua funzione è di limitare tale movimento;il tutto mossi dai muscoli masticatori - articolazione temporo mandibolare
Che Sono un gruppo di quattro paia di muscoli: massetere, temporale, pterigoideo laterale e pterigoideo mediale.

[#6] dopo  
Utente 455XXX

Questo è tutto quello che so in maniera complessa e scientifica medica siccome vedo che hai sbagliato in una cosa.

[#7] dopo  
Utente 455XXX

Per favore rispondi a questa domanda che esame diagnostico(es.RM) devo fare secondo te per individuare un conflitto neurovascolare?;rispondi senza dirmi chiedi avneurochirurgo (cosa che ho fatto ma non mi ha aiutato non rispondendo quale esame fare quindi non riesco a trovare uno che mi ascolta e mi aiuta come te) non è di competenza nostra ,questo lo capisco ma aiutami sei medico lo stesso hai studiado i collegamenti orecchio,ATM e faccia quindi almeno il tipo di esame da fare per i conflitti neurovascolari tu lo saprai no?.

[#8] dopo  
Utente 455XXX

Rispondi per favore è di vita o morte tu per ora sei l'unico che mi ascolta e aiuta ,grazie per questo.

[#9] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Il menisco è dentro il disco è una cosa che non conosco. Dove l'ha letta?
Io ho sempre risolto i problemi dei miei pazienti con il bite e non so davvero aiutarla. Se cerca "Trigramino neurovascular conflict" vedrà che NON C'E' UN SOLO ARTICOLO di riviste odontoiatriche. Sa perché? Non è un argomento odontoiatrico. Lei ha tutta la mia comprensione, capisco il Suo disappunto ma l'argomento non è gnatologico/odontoiatrico. Mi spiace non possiamo (perlomeno io non so) aiutarLa.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#10] dopo  
Utente 455XXX

Il chirurgo maxillo facciale piero cascone e gli articoli di gnatologia e chirurgia maxillo facciale parlano di cosa dico;tu non sei un chirurgo maxillo facciale quindi non e' di tue comptetenza quindi puoi per favore spostare il consulto nella sezione chirurgia maxillo facciale?

[#11] dopo  
Dr. Sergio Formentelli

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
MONDOVI' (CN)
GENOVA (GE)
LIVORNO FERRARIS (VC)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
<p style="text-align: center;">INCOMPETENTE il dr. Tonlorenzi....<br /> Un grande studioso e ricercatore...<br /><br /> <br /> Lei ha studiato nella Google University, caro utente presuntuoso, e lei spiega l'anatomia a chi la conosce mille volte meglio.<br /> <br /> Ma cosa sta cercando qui, visto che lei sa tutto e vuole insegnare a tutti noi?<br /> <br /> Ritengo che lei dovrebbe cancellarsi dal sito, a meno che non provveda lo staff in tal senso.<br /> <br /> Addio.</p>
www.studioformentelli.it
Attività prevalente: Gnatologia e
Implantologia (scuola italiana)