Utente 502XXX
Salve gentili dottori,
sto avendo da diversi anni problemi di salivazione aumentata (in particolar modo questo anno qua).

Quando parlo oppure appena inizio a mangiare, mi prende come la sensazione di acquolina in bocca...la saliva va a ristagnare soprattutto sotto la lingua, creandomi vari disagi (sociali). Che esami dovrei fare per capire cosa sta succedendo? Inoltre sento come l'angolo del labbro sinistro come se fosse anestetizzato. Ho un problema di disfunzione dell'ATM...e per questo mi sono fatto fare un bite da uno gnatologo presente in questo forum....

Qui la relazione della foniatra dove sono stato in visita :

Click in apertura mandibolare a sinistra maggiore che a destra con slittamento mandibolareverso destra evidente,- leggero deficit di forza nel gonfiare le guance a sinistra rispetto a destra- leggera incoordinazione di contrazione del labbro inferiore nella protrusione labiale,- slittamento mandibolare non coerente con le prassie di lateralizzazione della lingua sia dentrosia fuori il cavo orale. Tosse volontaria ipovalida ma parzialmente efficace come il raclage.Si effettua Fibrolaringostroboscopia con f.o.f: crf libero, ipofaringe nei limiti di norma, epiglottideindenne iperemica soprattutto nella porzione laringea della stessa , seni piriformi liberi, ccvv mobilisenza lesioni del margine, iperemia del piano glottico, non presenza di ristagni salivari o alimentari,lieve ipertrofia laringea posteriore e iperemia diffusa da possibile GERD. Sensibilità glottica presentecon tosse vivace. Si eseguono prove di deglutizione in fibrolaringoscopia con solido secco, solido morbido, cremoso eliquido dalla bottiglietta come da normale assunzione da parte del paziente. La fase di preparazioneorale è adeguata mentre la fase orale mostra masticamento solo a sinistra con tendenza a non spostare ilbolo alimentare controlateralmente. Il paziente muove infatti la mandibola solo in senso sinsitra destrae mai in senso contrario. Questo determina un lavoro maggiore a carico dell’emilingua sinistra rispettoalla destra e tendenza anche a rotazione verso destra posteriormente della regione ipofaringo laringea.Si segnala minimo scolo pre deglutitorio con il solido secco o se il boccone è grande a caricoesclusivamente sempre della porzione faringea sinistra con tendenza anche nei ristagni a disporsi acarico della porzione inferiore sinistra della lingua, della vallecola glosso epiglottica omolaterale eanche della parete posteriore del faringe. Questo accade molto meno con il cremoso e con il liquido.Con il cremoso in particolare si segnala verosimile ipercontrazione del UES e ristagni a carico dellostesso con verniciatura delle vallecole glosso epiglottiche bilateralmente. Non sono presenti segni di affaticamento durante le prove di deglutizione.

Prima di avere il bite,avevo la brutta abitudine di masticare solo da una parte sola della bocca.
Vorrei uscire da questo incubo....

Grazie per la collaborazione.

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente.
Se è già in cura presso uno gnatologo e un foniatra, i quali hanno potuto visitarla, credo che ben difficilmente via rete si possa dire di più.
Tuttavia il suo caso mi incuriosisce, ma bisognerebbe almeno sapere in che cosa esattamente consista il " problema di disfunzione dell'ATM", che terapia stia attuando lo gnatologo e che tipo di bite le ha allestito, e la relativa prescrizione sui tempi di applicazione.
Inoltre vorrei capire cosa ha proposto il foniatra a fronte della ricca diagnosi.
Le ringrazio. Cordiali saluti
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Mentre l'ipersalivazione è di sicuro dovuta a difficoltà deglutitorie, una frase non mi convince: "Inoltre sento come l'angolo del labbro sinistro come se fosse anestetizzato." qualcuno è riuscito a dare una correlazione anestesia-disordine temporomandibolare? Che io sappia non è riportata in letteratura. Il bite da quanto tempo lo porta? Il click con un bite anche ben fatto ha bisogno di tempo per recedere.

Si un caso che incuriosisce anche me.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#3] dopo  
Utente 502XXX

Grazie gentili dottori,
sono in cura da uno gnatologo che è presente qui sul forum. Si possono fare eventualmente nomi?

La foniatra mi ha consigliato quanto segue :

Alla luce di tutte le valutazioni effettuate dal paziente e della clinica e sintomatologia riferita richiedo a completamento diagnostico di effettuare:
visita VFG della deglutizione
Visita Neurologica
Visita odontoiatrica
A seguito della valutazione odontoiatrica valutazione se effettuare TC massiccio facciale o ulteriori indagini in merito.

Fino ad ora ho eseguito la visita VFG e la visita Neurologica.
per la visita VFG contiene questa relazione :

A completamento diagnostico in considerazione dei dati ORL e GEL si è procedeuto allo studio radiologico dell'esofago toracico che ha dimostrato che il viscere è lievemente ipotonico in tutto il decorso per lieve disturbo motorio e scoliotico nella proiezione frontale.

[#4] dopo  
Utente 502XXX

In particolare il suo III prossimale appare lievemente deviato a sinistra, ma in considerazione del dato nefativo per struma tiroideo e dell'evedenza di scoliosi dorsale, il reperto può essere giustificato in prima ipotesi con quest'ultimo dato, per decorso esofageo solidale con la scoliosi del rachide dorsale.

Non si sono verificato fenomeni di reflusso esofageo nel corso dello studio. Lo svuotamento gastrico è rallentato per ipocinesia del viscere.

[#5] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006
Fare il nome mi sembra poco elegante.

Non sappiamo ad ora:
1) da quanto tempo ha messo il bite, la correzione del click non è immediata;
2) l'esofago segue la colonna scoliotica e potrebbe essere una causa dell'ipersalivazione;
3) c'è un rallentato svuotamento dei visceri (ipocinesia) che potrebbe incidere nella salivazione;
4) cosa ha detto il neurologo riguardo l'anestesia e questo mi interessa.


Dai dati attualmente a sua disposizione dovrebbe essere in grado di dirci:
1) da quanto tempo porta il bite (se l'ha scritto mi è sfuggito);
2) cosa ha detto il neurologo.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#6] dopo  
Utente 502XXX

l'ho portato per circa 3 mesi, poi sospeso...e adesso lo sto portando di nuovo...il neurologo mi ha prescritto una RM cervello e tronco angio RM intracollo/collo...dove dal referto non si evidenzia nulla di anomalo. Poi un'elettromiografia che dovrei fare a settembre, e gli esami del sangue che dovrei fare settimana prossima.

Si può eventualmente correggere/risolvere questa cosa dell'esofago che segue la colonna scoliotica?

La cosa più fastidiosa che mi crea problemi è la salivazione abbondante...

Grazie mille dell'aiuto.

[#7] dopo  
Utente 502XXX

Devo dire che il bite è l'unica cura fino ad adesso che ha contribuito a migliorare questo problema.

[#8] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente, come già le scrissi, bisognerebbe almeno sapere in che cosa esattamente consista il " problema di disfunzione dell'ATM", che terapia stia attuando lo gnatologo e che tipo di bite le ha allestito, e la relativa prescrizione sui tempi di applicazione.
Inoltre vorrei capire cosa ha proposto il foniatra a fronte della ricca diagnosi.
Il foniatra, di fatto , a fronte delle ricca diagnostica, ha proposto...... altra diagnostica, che ho motivo ( o meglio, speranza) di credere che risulterà inutile, come è risultata inutile la diagnostica già effettuata, della qual, peraltro, non so individuare quale fosse il sospetto diagnostico che l'ha fatta richiedere.
Sul resto non mi ha risposto.
Comunque " il bite è l'unica cura fino ad adesso che ha contribuito a migliorare questo problema", e questo va ad onore del Collega , presente in questo sito , che la sta trattando: lo informi privatamente, se crede, che del suo caso si sta discutendo.
Comunque, poichè il suo problema riguarda le ghiandole salivari, le suggerisco di leggere l'articolo che si apre con questo link, e di vedere se si riconosce in qualcosa della problematica descritta.

https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1217-parotite-ricorrente-calcoli-salivari-colpa-denti.html

Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#9] dopo  
Utente 502XXX

Il problema ATM consiste che quando apro la bocca la mandibola "slitta" completamente a sinistra (sento che il condilo sinistro esce dalla propria sede, e lo percepisco che esce molto di più rispetto quello destro).

Il bite da quello che mi è stato detto dovrò portarlo per sempre.Soluzioni alternative sarebbero : l'intervento chirurgico oppure impianti ad-hoc per ristabilire la corretta occlusione.

Il bite è fatto completamente in resina di tipo duro, e credo che si chiami placca di svincolo.
Servono altre informazioni?

Grazie.

[#10] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Servirebbe poter vedere il caso, ma lei ha già uno gnatologo.
L'intervento chirurgico ( termine generico) , raramente indicato, a cosa sarebbe finalizzato?
Mi sembra che il suo principale problema riguardi la salivazione: è prevedibile che l'intervento chirurgico (non ho capito quale) curi l'ipersalivazione?
"impianti ad-hoc": non aveva detto che le mancano dei denti: le sembra un particolare secondario? Quali e quanti denti?
Credo lei possa capire che, senza una completa visione di un caso come il suo, i consulti via rete non possano portare a nulla.
Cordiali saluti ed auguri.
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#11] dopo  
Utente 502XXX

No non ho mai detto che mi mancano i denti, con questa affermazione volevo dire che l'alternativa sarebbe quella di modificare la struttura della mia bocca...dicevano con degli impianti apposta.

Volevo sapere invece per l' esofago come potevo rimediare.

Grazie.

[#12] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Mi scusi: dove si conterebbe di applicare gli impianti apposta? Quali impianti? a qual fine?
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#13] dopo  
Utente 502XXX

Non lo so mi è stata suggerita solo come alternativa.

[#14] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Ma COSA le è stato suggerito? Cosa sono "gli impianti apposta"? E con quale obiettivo: contrastare l'ipersalivazione?
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#15] dopo  
Utente 502XXX

Questi impianti mi sono stati consigliati in un domani per poter eliminare definitivamente l'uso del bite.

Per quanto riguarda la salivazione c'è qualcosa che posso fare? Sento come tirare all'attaccamento della lingua, e la saliva è densa e collosa.

Cosa suggerite? Non so più cosa fare davvero...

[#16] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Ma QUALI impianti? se a lei non mancano denti, cosa vuole impiantare?
La ghiandole salivari si possono studiare con l'ecografia, che potrebbe risultare utile, ma per prima cosa sarebbe necessaria una visita accurata.
Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#17] dopo  
Utente 502XXX

sento anche una specie di gonfiore sotto la lingua dove si forma il ristagno della saliva.

Quando parlo mi sembra di non riuscire a respirare bene.
Venerdì farò un ulteriore visita ORL per capire se effettivamente le mie ghiandole salivari siano ok.