Utente 513XXX
Salve, mi è stata diagnosticata da un dentista gnatologo un' artrite dell ' atm con spostamento della mandibola e quindi malocclusione, ( non ho al momento dati piu precisi ) per cui mi è stato detto che dovrò portare il bite, realizzato su misura, per circa due mesi 24 h su 24 . Volevo capire se l' artrite dell' atm è un fenomeno cronico e andrà via via peggiorando a prescindere dalle cure, o se è solamente dovuto allo sfregamento dei capi articolari, se è possibile assumere qualche integratore che aiuti nella formazione dei processi cartilaginei , inoltre, dato il costo che non sarà molto basso, vorrei capire se il bite potrebbe essere veramente la soluzione per riposizionare la mandibola o se è soltanto un " palliativo" che termina la sua funzione una volta che verrà definitivamente rimosso .. grazie anticipatamente a chi vorrà rispondermi.

[#1] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Prenota una visita specialistica
".....mi è stata diagnosticata da un dentista gnatologo un' artrite dell ' atm con spostamento della mandibola e quindi malocclusione, ( non ho al momento dati piu precisi ) per cui mi è stato detto che dovrò portare il bite, realizzato su misura, per circa due mesi 24 h su 24....."


Troppo generica la "diagnosi di Artrite ATM" in assenza di dati clinici.
Tra le cause abbiamo l'artrite idiopatica giovanile,l'artrite infettiva, l'artrite traumatica, l'artrite reumatoide e l'artrite degenerativa secondaria a psoriasi,che possono interessare l'articolazione temporo-mandibolare.
Stabilita la diagnosi eziologica ed in presenza di sintomi ATM correlati è opportuna una terapia gnatologica che preveda un trattamento ad hoc,in cui il bite è senz'altro un importante presidio terapeutico.
Non dimeno assume importanza la collaborazione tra Gnatologo e Reumatologo per un corretto inquadramento clinico e terapeutico.

Le invio un link informativo


https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1968-disordine-temporomandibolare-e-dolore-facciale.html


In presenza di asimmetria legga anche


https://www.medicitalia.it/blog/gnatologia-clinica/1010-asimmetria-mandibolare.html


Se ha domande chieda pure



Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#2] dopo  
Utente 513XXX

-artrite idiopatica giovanile
-artrite infettiva
-artrite traumatica,
-artrite reumatoide
-artrite degenerativa secondaria a psoriasi

ho approfondito con attenzione tutti questi 5 tipi di artrite e dalla descrizione di ciascuna posso dire che non mi ritrovo in nessuna di esse, ho quasi 40 anni, non ho mai avuto problemi di rigonfiamenti articolari , mai psoriasi, o dolori cronici meritevoli di approfondimento, i miei sintomi da circa un anno erano/ sono : un click della mandibola, qualche dolore cervicale alternato a dolore della testa ma cose molto lievi e di passaggio , un pochino di stanchezza e affaticamento della schiena quando cammino quello si. Potrebbe venirmi in mente un' evento traumatico se cosi si può considerare , ovvero la rimozione del dente del giudizio dall' arcata superiore dello stesso lato in cui ora è stata diagnosticata questa artrite dell' atm..

[#3] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
"...i miei sintomi da circa un anno erano/ sono : un click della mandibola, qualche dolore cervicale alternato a dolore della testa ma cose molto lievi e di passaggio , un pochino di stanchezza e affaticamento della schiena quando cammino quello si'.."



Allora non ha verosimilmente un artrite,e data l'età escluderei un artrosi ,ma un disordine temporo-mandibolare,con problemi posturali.
I sintomi sono riportati nel link informativo precedente,e le cause possono dipendere da una malocclusione,da pregressi trattamenti incongrui ortodontici o protesici.Da verificare l'asimmetria della mandibola.Purtroppo in assenza di dati clinici e radiografici è impossibile aggiungere altro.


Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#4] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
Gentile utente vorrei aggiungere un'osservazione a chi le ha detto che ha un'artrite e quindi è malocclusa.
Come le ha detto il collega De Socio l'artrite è una cosa più seria, una patologia autoimmune quindi alcuni "globuli bianchi" (per la precisione i linfociti T) impazziti distruggono alcune parti del nostro corpo (es. tiroiditi, o artrite idiopatica come ha detto il collega). Anche batteri (es. artrite streptococcica) e altre cause traumi, cristalli di acido urico possono dare artriti, ma non nell'ATM. O ha capito artrite e il collega aveva detto artrosi oppure non ha le idee chiare.
Che si tratti di disordine temporomandibolare è più probabile e con una semplice ortopantomografia osservando l'articolazione può vedere se sono presenti geodi https://www.medicitalia.it/minforma/gnatologia-clinica/1968-disordine-temporomandibolare-e-dolore-facciale.html o se i tubercoli articolari sono conservati o ridotti, se è presente lo spazio per il disco.
Magari pensi ad un secondo parere
Saluti

PS se c'è il sospetto di artrite (io non credo che Lei lo abbia) si devono fare analisi del sangue (VES, PCR, fattore reumatoide, ecc.) e deve rivolgersi ad un reumatologo. La terapia non sarà SOLO bite.
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#5] dopo  
Utente 513XXX

grazie mille per essere intervenuto, si ha ragione probabilmente si tratta di artrosi dell' atm ( escludo artrite autoimmune anche perchè non ho quel tipo di sintomi come rigonfiamento delle articolazioni delle mani polsi etc), in ambito artrosi atm ho comunque letto molto in merito, ma mi sembra che non ci sia nessuna certezza di guarigione...mi spiego meglio, in alcuni articoli della letteratura scientifica parlano addirittura di tessuti che si possono autoricostruire grazie all' uso di un bite su misura , in altri articoli pare che questa artrosi sia un processo degenerativo e quindi irreversibile... accetto consigli e delucidazioni in merito nell' attesa di procedere alla creazione del mio bite, parlando invece di alimentazione potrebbe essere utile invece evitare lo zucchero in ogni sua forma favorendo alimenti ricchi di proteine e bere molta acqua per il benessere dell' articolazione oppure ormai il danno è fatto ed è solo questione di genetica? c'è qualche correlazione tra artrosi e carenza/aumentato livello di calcio? tendo a non mangiare latticini ... faccio tutte queste domande perchè veramente non riesco a spiegarmi in che modo un ' articolazione del genere possa andare incontro ad artrosi se non per un motivo puramente meccanico dato che comunque sono ancora relativamente giovane, grazie ancora.

[#6] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2006
non riesco a spiegarmi in che modo un ' articolazione del genere possa andare incontro ad artrosi se non per un motivo puramente meccanico dato che comunque sono ancora relativamente giovane,

Masticando male.

Se presta attenzione alla Sua dieta è meglio. Mi piacerebbe leggere gli articoli scientifici (che dicono che col bite l'artrosi guarisce) a cui fa riferimento. Se per guarigione intende che passa il dolore e migliora la funzionalità OK.
Se invece si riformano i processi articolari mi piacerebbe leggere l'articolo.
Saluti
http://www.medicitalia.it/dtonlorenzi/curriculum

[#7] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Sull' alimentazione non entro nel merito,ma sulla diagnosi mi consenta di intervenire,perché tra artrite e artrosi passa un abisso,essendo quest'ultima una malattia degenerativa che è poco probabile alla sua età a meno che sia malocclusa e mastichi male .Per quanto riguarda l'approccio la invito a leggere di nuovo l'articolo del Collega e inoltre

https://www.medicitalia.it/minforma/odontoiatria-e-odontostomatologia/1236-il-dolore-facciale-dolore-ad-origine-atm.html


https://www.medicitalia.it/blog/gnatologia-clinica/821-tanti-tipi-di-bite-ai-denti-come-sceglierlo.html
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#8] dopo  
Utente 513XXX

"Se per guarigione intende che passa il dolore e migliora la funzionalità OK"

quindi è giusto affermare che il bite non fa miracoli e che una volta rimosso se io continuerò a masticare " male" il problema si ripresenterà? stessa cosa riguardo a ipotetiche sedute dall' osteopata, consigliato come terapia combinata da molti gnatologi e che promette di riposizionare l' articolazione nelle giuste posizioni... la mia domanda è : una volta finita la terapia, che sia bite, o che sia osteopatia , chi mi dice che il problema non continui? dato che stiamo parlando ci consumazione della struttura ossea... per quanto possa essere invasivo non sarebbe meglio intervenire subito chirurgicamente? dato che non credo sia il massimo portare il bite a vita e dover spendere i non pochi soldi al seguito..

[#9] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
Vede,mancando una diagnosi corretta e una corretta valutazione clinica,è possibile argomentare tutto ed il contrario di tutto.Mettiamo che lei abbia una artrosi dell'ATM:il bite di una determinata altezza serve per ridurre il dolore caratterizzato dalla contrattura muscolare e dallo "sfregamento" dei capi articolari,premettendo anche una dislocazione non riducibile del disco,e quindi una situazione di locking.Tra gli approcci terapeutici invasivi accennati in letteratura l'artrocentesi con infiltrazioni di ac.ialuronico può essere utile,vi devono essere le giuste indicazioni.Ma è un passo ulteriore,cioè non sostituisce una terapia Gnatologica conservativa con il famoso bite. Idem per la fisioterapia,l'osteopatia e quant'altro,tutti utili a corollario però del trattamento con un bite ad hoc,cioè tutti interventi atti ad evitare dolore e ridare funzione,ed evitare il peggioramento della supposta artropatia.

Spero di averle chiarito almeno in parte i suoi dubbi.Ma ripeto senza poterla visitare ed avere report clinici possiamo solo fare ipotesi.

Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia

[#10] dopo  
Utente 513XXX

tutto quello che ha appena elencato è chiarissimo e si trovano anche informazioni dettagliate in rete ( osteopatia, artrocentesi, bite) , quello che pare un segreto sapere è se effettivamente l' insieme di tutte queste dispendiose cure siano effettivamente LA CURA definitiva o siano solo dei palliativi per evitare il peggio, dico palliativi perchè mi sembra tanto di capire che interrompendo la cura con il bite il problema non si risolva o ricompaia.. e ciò è veramente deleterio dato che non costa poco , vorrei da parte vostra un po' di sincerità nell' affermare che forse l' unica soluzione per evitare che l' osso si corroda o si perfori sia appunto solo la chirurgia..

[#11] dopo  
Dr. Luigi De Socio

Referente scientifico Referente Scientifico
32% attività
20% attualità
20% socialità
PESCARA (PE)
GIULIANOVA (TE)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2016
".....quello che pare un segreto sapere è se effettivamente l' insieme di tutte queste dispendiose cure siano effettivamente LA CURA definitiva o siano solo dei palliativi per evitare il peggio..."



Per essere ancora più esaustivi consiglierei un approccio iniziale "conservativo" non chirurgico,poi si valuterà la possibilità di un approccio chirurgico in artroscopia,ma solo dopo una corretta diagnosi.


Cordiali Saluti
Dr. Luigi De Socio
Specialista in Odontoiatria
Perfezionato in Ortodonzia
Perfezionato in Gnatologia