Utente 109XXX
Buon giorno e buon anno! Siamo arrivati nel 2011 e ci ha accolto l'influenza! Quanti giorni di incubazione si osservano per i 2 tipi di influenza che ci interessano questa stagione, ed è vero che i consanguinei hanno più probabilità di infettarsi a vicenda?
Davvero esistono persone pià compatibili di altre in questo senso?
Un'alimentazione parca povera di grassi e zuccheri e ricca di frutta verdura e proteine può aiutare a difendersi dai malanni di stagione o sono solo dicerie?
Grazie!

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Signora,

L'incubazione dell'influenza va da 3-4 giorni ad una settimana circa.

La probabilità di infettarsi a vicenda dei consanguinei è più alta rispetto ad altri non per la consanguineità, ma per i contatti più frequenti nel caso che siano conviventi nella stessa casa.

Sicuramente una dieta ricca di frutta e verdura è anche ricca di vitamina C, che è una vitamina importante per il sistema immunitario.
Alcune medicine alternative, come la medicina ortomolecolare, per esempio, propongono megadosi di vitamina C come pratica terapeutica, ma non vi sono prove scientifiche a riguardo; peraltro vi possono anche comparire disturbi da sovradosaggio (diarrea, calcoli renali), ma ciò riguarda l'assunzione di questa vitamina sotto forma di preparato farmaceutico.

Un'altra vitamina che viene spesso tirata in ballo per prevenire le malattie respiratorie è la vitamina D, perciò la gente viene invitata a bere più latte durante l'inverno.
Altri, all'opposto, dicono che il latte è uno degli alimenti più malsani.
A chi credere, uno direbbe?

In conclusione, di esagerazioni e di leggende metropolitane il web è pieno; la dieta dev'essere sempre equilibrata, anche in periodi in cui non vi è l'influenza nè vi è bisogno di cambiare il proprio regime di vita, se è corretto, nella vana speranza di non beccarsi l'influenza.
Non è necessario ricorrere a preparati vitaminici farmaceutici, basta mangiare tutti i giorni una normale quantità di frutta e verdura e la giusta dose di proteine, grassi e zuccheri, evitare la sedentarietà, evitare di ingrassare, non fumare o almeno ridurre le sigarette a non più di 10 al giorno, bere vino non più di 1-2 bicchieri per pasto ed un superalcoolico ogni tanto.

Se poi, nonostante ciò, l'influenza arriva lo stesso, pazienza.

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Utente 109XXX

Grazie per la risposta e per la simpatia! Pensi che prima di chiedere a voi ho cercato se il ministero della salute avesse pubblicato qualcosa a riguardo, dovrebbe proporsi per scrivere una simpatica guida all'uso dell'uso dell'influenza! E incrociamo le dita che il fidanzato (e tutta la sua famiglia) è già a letto con la febbre!

Anzi, abuso della vostra disponibilità, esistono persone più predisposte di altri a prendere l'influenza? so che più si invecchia più è facile che i nostri anticorpi ricordino virus simili a quelli stagionali, ma ad esempio esistono davvero i "deboli di stomaco" e quelli che si prendono la febbre ad ogni inverno?

[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
"dovrebbe proporsi per scrivere una simpatica guida all'uso dell'uso dell'influenza!"

già fatto si legga i miei Minforma sull'influenza
http://www.medico-legale.it/vaccinazione_influenza.html
https://www.medicitalia.it/minforma/igiene-e-medicina-preventiva/167-vaccinarsi-influenza.html
http://www.medico-legale.it/vaccino_e_adiuvante.html
https://www.medicitalia.it/minforma/igiene-e-medicina-preventiva/166-vaccino-adiuvante.html
http://www.medico-legale.it/influenza_2009.html
https://www.medicitalia.it/minforma/igiene-e-medicina-preventiva/431-influenza-suina-2009-2010-tiriamo-somme.html


comunque, la maggiore predisposizione ad ammalarsi di influenza dipende anche dalla frequenza dei rapporti sociali e interpersonali; per esempio, lo studente (aule affollate, metropolitana, concerti gremitissimi) e chi lavora in genere a contatto col pubblico.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it