Utente 162XXX
Salve, negli ultimi mesi - da ottobre 2010 - ho assunto in più occasioni del cibo scaduto o avariato; mi spiego meglio: ho sicuramente mangiato almeno una bistecca lasciato in frigo per circa 4-5 giorni, ma non mi suscitò alcun problema.
La stessa cosa è accaduta con del salame, che ho ingerito dopo circa 3-4 giorni dall'apertura della confezione. Ma, soprattutto, ho mangiato più volte del sugo in barattolo di vetro (chiuso) che, secondo l'indicazione riportata sulla capsula, risulterebbe scaduto da circa 3-4 mesi.
Le bistecche e il salame risalgono a molti mesi fa e non mi hanno creato problemi; l'assunzione dei sughi, invece, è iniziata a gennaio e si è protratta fino a stasera (ne ho mangiato circa 4 vasetti). Ho paura; cosa rischio? Ho sentito di una malattia che si manifesta solo 6 anni dopo l'assunzione di cibo scaduto e che potrebbe provocarmi la morte o la paralisi. Cosa devo fare? Ci sono delle visite per controllare eventuali danni al mio sistema digerente? Per quanto riguarda la bistecca sono fuori pericolo? O c'è la possibilità che qualche malattia si manifesti a distanza di molto tempo? E per il sugo? Aiutatemi, grazie.

[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Lasci stare le sciocchezze delle malattie che compaiono dopo sei anni; non ha rischiato nulla, visto il tempo passato; il cibo , al più , perde le caratteristiche organolettiche, ma non le ha fatto danni, stia tranquillo
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 162XXX

La ringrazio.
Cordiali saluti