Utente cancellato
buondì,
ho un dubbio che non riesco a fugare: un contratto tra due peni - e molto probabilmente glande contro glande - durante una masturbazione reciproca, costituisce un comportamento a rischio HIV e richiede un test Elisa per escludere che io sia stato contagiato?
non conosco lo stato hiv dell'altra persona e non vi sono stati rapporti penetrativi. premetto che, a parte questo, non ho mai avuto rapporti occasionali.
grazie

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

perché il virus penetri attraverso la mucosa del glande è necessario che questo presenti delle porte d'ingresso, che sono rappresentate da microscopiche escoriazioni prodotte dallo sfregamento che si verifica durante una penetrazione vaginale o anale; il virus entra attraverso queste microscopiche porte d'ingresso.

Il semplice contatto di due peni, in particolare di due glandi fra loro, non dovrebbe rappresentare un rischio, a meno che un glande sia escoriato e venga inondato da materiale spermatico.

La masturbazione reciproca maschio-maschio, maschio-femmina o femmina-femmina non costituisce rischio di contagio da HIV.

Per ulteriori info:
AIDS: come misurare il rischio
http://www.medico-legale.it/showPage.php?template=articoli&id=29
AIDS e dintorni: le malattie a trasmissione sessuale
http://www.medico-legale.it/showPage.php?template=articoli&id=38
La vera storia dell'AIDS
http://www.medico-legale.it/showPage.php?template=articoli&id=17

Buona giornata.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
27208

dal 2013
Grazie per le informazioni.
Oggi mi sono recato dal medico curante, poiché accuso vomito e febbre (38'C). Ho spiegato che c'è stata masturbazione reciproca e potrebbe esserci stato un contatto tra il mio pene e lo sperma. Ha escluso totalmente la possibilità e mi ha diagnosticato un virus intestinale influenzale. Ha anche detto che un test non è necessario.

1. E' possible avere già sintomi di sieroconversione a 6 giorni e mezzo dall'evento?
2. Concorda sulla non necessità del test?

La ringrazio

[#3] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
1) no
2) concordo pienamente col suo medico curante
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it