Utente 142XXX
Gentile staff di Medici Italia, avrei bisogno di alcuni consigli. Sono un ragazzo di 24 anni e il mio ragazzo anche lui di 24 anni ha HPV/STD (non so cos'è STD, è americano quindi non so se è un secondo nome della malattia o qualche termine inglese).
Esiste il vaccino, giusto??
Vorrei sapere che precauzioni prendere per evitare di contrarla.

Ma soprattutto, mia sorella è incinta, nel caso in cui l'abbia contratta, lei è a rischio?? ho letto che si trasmette via cutanea, che significa? cioè anche per esempio toccando le mani?? Spero possiate darmi chiarimenti e tranquillizzarmi =)
Grazie!

[#1] dopo  
Dr. Domenico Ponte

24% attività
8% attualità
0% socialità
FRANCOFONTE (SR)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2009
Gentile utente, la sigla STD sta
Sexually Transmitted Diseases", cioè malattie a trasmissione sessuale.

I condilomi acuminati, noti anche come creste di gallo o verruche, sono causate da infezione da Human Papilloma Virus (HPV) trasmesso per via sessuale o verticale da madre a figlio durante il parto. Nei maschi la localizzazione dell'infezione è genitale, perineale e perianale. Le lesioni prodotte da HPV possono guarire spontaneamente o progredire in senso neoplastico benigno o maligno, soprattutto nella donna in cui l'infezione da HPV rappresenta un significativo fattore di rischio per il Carcinoma cervicale. La trasmissione del virus avviene per contatto diretto, comunemente per trasmissione sessuale e sono necessarie piccole soluzioni di continuo della cute o delle mucose affinché il virus penetri le cellule basali del derma. La morte della cellula infetta dopo replicazione comporta l'infezione di altre cellule vicine o di altri soggetti. Nella forma clinicamente evidente sono riconoscibili con facilità anche ad occhio nudo. In questa forma le lesioni si presentano vegetanti, con aspetto di piccoli (da pochi mm sino a diversi cm) cavolfiori , morbidi e vascolarizzati isolati o raggruppati.Se sono presenti disturbi alla minzioni o perdite ematiche dall'uretra bisogna sospettare una lesione uretrale. Ma molti pazienti giungono ad osservazione asintomatici e solo perchè le loro partner abituali presentano una infezione clinicamente evidente a volte complicata da displasia o neoplasia della cervice. Tali maschi non presentano lesioni evidenti ad occhio nudo e devono essere sottoposti a penoscopia e biopsia delle lesioni sospette; l'infezione nel maschio è sottostimata ed essi rappresentano un ampio serbatoio di portatori sani un vettore del virus.


La terapia a disposizione, sia essa topica con agenti clinici o ablativa con mezzi fisici, non è assolutamente ideale nell'eradicare l'infezione. Pertanto si rendano necessari frequenti controlli per l'alto tasso di recidive con qualsiasi terapia adottata.

Dr. Domenico Ponte
Consulente della Nutrizione
docmimmo@gmail.com

[#2] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile utente,

legga pure in complementarietà alle corrette asserzioni già fatte e se vorrà, il personale articolo su questo tema all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/02it/notizia.asp?idpost=40632

cari saluti

Dott. LAINO, Roma
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it