Utente 142XXX
Buongiorno Gentilissimi Medici,

Ho avuto l'ultimo rapporto sessuale a rischio in data 20 ottobre 2009, m isono sottoposto ad un preievo venoso per il test Hiv in data 15 aprile 2010, dunque sei giorni prima dello scadere dei sei mesi del periodo finestra, ciò a causa di un errore nel computo del periodo. Volevo sapere se l'esame che ho fatto, risultato negativo per Ac. anti-HIV 1-O-2/Ag P24 (Met.CIA), lo posso considerare ugualmente valido visto lo scarto temporale minimo, o se lo devo invece ripetere. Tra l'altro sento che ultimamente qualcuno parla di test definitivo a 100 giorni, come mai?

La esonda questione è questa. Ho fatto all'età di undici anni, dunque 15 anni fa oramai, il vaccino per l'epatite B, in tre somministrazioni ai tempi 0,1 e 6 mesi. Ho letto che viene consigliato di fare un dosaggio anticorporale per vedere se il vaccino è stato al tempo efficace e per monitorare il titolo antircorporale. Mi sono così rivolto al mio Medico Curante, il quale mi ha detto che non era necessario fare alcun dosaggio, spiegandomi che un tempo si credeva che il titolo potesse scendere, ma che ora si è visto che ciò non avviene nemmeno a distanza di tempi molto lunghi. Vorrei una conferma o , se del caso, una smentita.

Permettetemi di esprimerVi i miei ringraziamenti fin d'ora.

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

il test HIV a 6 mesi è più che definitivo; lo è anche quello dei 3 mesi.
Oggi, grazie alle nuove metodiche, il periodo-finestra del virus è stimato in 90-100 giorni.

La vaccinazione contro l'epatite B è relativamente giovane; ne consegue che non vi è ancora un tempo sufficientemente lungo per capire quanto effettivamente può durare l'immunità.

Considerando due elementi
percentuale di efficacia di un vaccino, che non è mai al 100%
e incertezza nella durata dell'immunità
è raccomandato il dosaggio anticorpale, soprattutto a distanza di anni, per verificare se si ha un titolo anticorpale ancora sufficiente a dare immunità.

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it

[#2] dopo  
Utente 142XXX

La ringrazio molto Gentile dott. Corcelli. E' stato chiaro e mi ha permesso di accedere alle ragioni della risposta.

Cordialità.