Utente 186XXX
cari dottori buongiorno.
allora la mia storia ebbe inizio 6 o 7 anni fa,quando dopo una sera in compagnia di un amico tornando a casa questo decide di fermarsi da una prostituta,nel frattempo mentre aspetto decido di appartarmi con un altra prostituta,durante l'atto il preservativo si è rotto e da li la mia vita sprofonda in un incubo.
dopo qualche giorno sono stato molto male con la febbre altissima che durò due o tre giorni,ho cominciato ad avere una diarrea cronica che ancora oggi persiste,soprattutto se bevo degli alcolici.
per anni ho perso tutto e mi sono chiuso in casa evitando ogni contatto umano la mia paura era quella di aver preso l'hiv e non volevo contagiare nessuno,la paura era altissima e per questo non ho mai fatto analisi per sapere la verità.
2 anni fa ho avuto bisogno del dentista ho dovuto impiantare un dente e per questo lavoro mi sono state richieste analisi del sangue per hiv ed epatiti varie,dopo mille ripensamenti faccio questi test e tutti negativi,un po la mia preoccupazione è calata ma il malessere è rimasto,un enorme stanchezza e soprattutto una diarrea che non mi lascia.
l'anno scorso a causa della disperazione e deciso a risolvere mi reco dal mio dottore ma non ho avuto il coraggio di ammettere della prostituta per questo lui non sapendo ha fatto vari accertamenti,esame hiv ancora epatiti,candida,parfino analisi che accertano la presenza o meno di un tumore in corso,intolleranze alimentari ma tutto questo è risultato negativo.
adesso io volevo chiedere se secondo qualche dottore presente in questo sito potesse consigliarmi altre analisi e controlli davvero non ce la faccio piu.

[#1] dopo  
Prof. Mauro Granata

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Una diarrea cronica deve essere sempre attentamente studiata. I test utili a questo proposito sono: l'esame chimico, fisico e parassitologico delle feci con coprocoltura e valutazione leucociti fecali. Successivamente una colonscopia può contribuire ad escludere eventuali cause infiammatorie. Buone feste.
Mauro Granata