Utente 207XXX
Gentili Dottori,
scrivo in quanto non so più cosa fare! Ho 23 anni e ho sempre goduto di ottima salute fino a quando all'inizio dello scorso maggio ho cenato in un ristorante e fino ad oggi sto molto male: nei giorni immediatamente successivi alla cena ho avuto nausea, vomito e febbre, i sintomi di un virus a detta del medico di famiglia. Fatto sta che in quel ristorante, però, più di qualche persona è stata male come me e proprio per questo sono preoccupata! Sostanzialmente i sintomi del presunto virus enterico sono scomparsi ma da quando ho avuto la febbre mi è rimasta una continua stanchezza fisica principalmente alle braccia e alle gambe che mi accompagna dalla mattina alla sera con un leggero miglioramento soprattutto alla sera e con il massimo apice al mattino. Inoltre accuso collo alle volte rigido e qualche volta dolorante soprattutto quando faccio movimenti come chinarmi con tensione alle tempie e sugli occhi. Mi sembra, inoltre, che "mi tira" proprio la parte sinistra del collo e l'occhio sx anke dove ho la sensazione di sentire le pulsazioni del cuore...sono spaventata tra la possibilità di un qualche problema alla cervicale, ai muscoli o la possibilità di qualche alterazione neurologica...ma la mia domanda è com'è possibile che tutti questi sintomi mi sono comparsi dopo quella cena? Non potrebbe essere che qualche virus sia latente nel mio organismo e mi provoca tutto questo? Cosa mi consigliate? Grazie per l'aiuto.

[#1] dopo  
Dr. Marcello Lorello

24% attività
4% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
MILANO (MI)
PALERMO (PA)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2011
Prima di tutto controllerei la febbre mattina e sera per una settimana, valuterei il peso in 15 gg, eseguirei delle analisi (cpk, ldh, ast, alt, ggt, PA, emocromo con formula, ves, pcr, waaler-rose, widal-wright, monotest, test Epstein Barr, Ft3, Ft4, anticorpi antitireoglobulina, antiperossidasi, antimitocondrio, esame delle feci con sangue occulto, urine, rx torace, eco addome completo previa l'assunzione di SILISAN 2 cp per tre volte al giorno prima dell'esame per evitare che l'aria nella pancia disturbi la visione ecografica).
E' teoricamente possibile un'infezione virale ma spesso è difficile individuare l'elemento causale alla luce di una sintomatologia così atipica. Spesso sono sintomi che si autolimitano e senza alcun rimedio farmacologico si può spontaneamente guarire. I virus possono slatentizzare (mettere in evidenza) problematiche di tipo autoimmunitario ma piu' spesso si assiste ad una condizione di transitorietà. le consiglio di non assumere farmaci, di alimentarsi normalmente in cinque pasti, fare un'attività fisica ordinata senza stress agonistici, se vuole può assumere una cp di polivitaminico per 1 mese.
Se tra 1 mese la sua sintomatologia rimane costante si faccia rivisitare e alla luce dei dati di laboratorio probabilmente si potrà interpretare meglio il Suo problema.
Cordialità

Dr. Marcello Lorello
Specialista in medicina interna
E mail: info@studiomedicolegalelorello.it

[#2] dopo  
Utente 207XXX

Gentile Dottore la ringrazio.