Utente 212XXX
Gentile dottore,
scrivo per conto di mia madre di 60 anni che da circa una settimana ha il fuoco di sant'antonio. Le è comparsa una piccola macchia sulla spalla con formazione di bollicine ma fino a ieri senza dolore. Soltanto stanotte, nonostante stia assumendo da tre giorni e su prescrizione medica il medicinale antivirale, ha iniziato ad avvertire dolori molto forti ai nervi delle gambe. Il problema è che da una settimana ha sempre febbre alta e costante sui 38/38,5 e nausea. La febbre non scende mai nè durante il giorno nè di notte. Il nostro medico di base dice che essa non dipende dal fuoco e le ha prescritto analisi del sangue e urine. Vorrei sapere se fosse possibile che la febbre dipenda dal fuoco visto che magari, non essendosi sfogato molto sulla pelle il virus cerca di sfogarsi provocando altri sintomi, oppure se effettivamente i due fenomeni non sono connessi.
Se la febbre dipende dal fuoco per quanto può durare ancora così alta? ormai è già una settimana che non scende e questo ha debilitato molto mia madre.
Inoltre io e mia sorella (23 e 27 anni)non abbiamo avuto la varicella per cui vorrei sapere se ci può essere il rischio di contagio anche solo per via aerea.
La ringrazio anticipatamente per l'aiuto e la disponibilità.
Distinti saluti

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci

40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VALENZA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Salve,
direi che sua madre andrebbe indagata un pò più a fondo, perchè tutti i sintomi che ci racconta potrebbero non essere correlati allo Zoster in atto. Ma ciò va valutato dal suo curante, è ovvio.
Invece, in fase preclinica, è ammessa una certa contagiosità dello Zoster, anche se, direi, è più facile prendere la varicella venendo in contatto con qualcuno che ce l'ha o la sta per avere

saluti
Luigi Mocci MD