Utente 223XXX
Buongiorno,

circa 2 settimane fa ho avuto un rapporto sessuale con uno sconosciuto. Ho usato il preservativo dall'inizio del rapporto, mi sono assicurato che non si sfilasse e che non si fosse rotto e, inoltre, ho protetto anche i preliminari (sesso orale compreso) con il profilattico. Da qualche giorno ho una sintomatologia simile a quella della mononucleosi con comparsa di rash cutaneo esteso a quasi tutto il corpo, mal di gola con presenza di placche ricoperte di essudato bianco, linfonodi del collo, a differenza della mononucleosi, non ingrossati e temperatura corporea non alterata. Il medico mi ha prescritto un monotest risultato negativo e un emocromo dal quale si evince un quadro perfettamente nella norma (a parte la presenza di linfociti attivati). Il mio medico non è riuscito a dare nome a ciò che mi affligge riducendo il tutto ad un'infezione virale non identificata. Considerando che sono, aimé, ipocondriaco e che googlando con il termine rash cutaneo si viene sommersi da risultati che parlano di fase acuta da infezione da HIV, vorrei capire se effettivamente l'insieme di sintomi da me descritto possano essere quelli di una fase iniziale del terribile morbo oppure se effettivamente esistano virus di poco interesse che non abbiano nome e cognome e che possano dare un quadro sintomatico come il mio.
Inoltre mi chiedo se abbia senso, considerando che ho seguto pedissequamente i dettami del safe sex, eseguire tra 2 mesi un test hiv e se nel contempo mi debba preoccupare o meno.
Vi ringrazio

[#1] dopo  
Dr. Silvia Suetti

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
se il rapporto è stato ben protetto fin dall'inizio, il rischio di HIV non esiste.

saluti cari
Dr.ssa Silvia Suetti, Specialista DermoVenereologo e DermoChirurgo
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 223XXX

Buongiorno,

vorrei chiederle, a questo punto, cosa possa dare un quadro sintomatologico come il mio e la voglio inoltre ringraziare per la sua risposta precedente, mi sento molto più tranquillo.

[#3] dopo  
Dr. Silvia Suetti

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
16% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2010
dalla pitiriasi rosea di gibert accompagnata da uno stato febbrile, ad una malattia esantematica, ad una sifilide secondaria tutto è possibile; programmi appunto la visita dermatologica da fare in tempi brevi

saluti
Dr.ssa Silvia Suetti, Specialista DermoVenereologo e DermoChirurgo
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#4] dopo  
Utente 223XXX

Qualche giorno fa, preoccupato dall'esantema, mi sono fatto visitare da un dermatolog che ha confermato l'ipotesi iniziale del mio medico (mononucleosi) confutata successivamente dal monotest. Considerando che non ha sospettato una sifilide secondaria devo comunque tornare da lui per un secondo consulto? Inoltre, dopo 5 giorni il quadro si è normalizzato e l'eruzione cutanea scomparsa.


la ringrazio ancora