Utente 243XXX
cari dottori ho da due mesi in sede sovraclavere sx un linfonodo di 2,76 cm... sono stata ricoverata per 2 settimane all'ospedale nel reparto malattie infettive tutte le analisi fatte risultano negative (mononucleosi, toxoplasmosi, lesmanoisi ecc.)
ho fatto anche la tac total body (con contrasto) non risultano lesioni e lo stesso vale per l'ecografia addominale tutto a posto e anche i marcatori tumorali sono negativi.
ora sono 7 gg che mi hanno dato una cura di augmentin ma a volte sembrano sgonfiati e a volte no,ora sono preoccupata perchè chi mi dice che può essere un dente, chi dice un'infiammazione e chi mi dice di fare un'escissione per capire meglio cos'è...non so che fare,ho solo paura perchè da due settimane non si sgonfia e non ho una diagnosi precisa e poi volevo chiedervi se solo con l'antibiotico (augmentin 2 volte al giorno) posso risolvere il problema o magari se è meglio affiancare anche un anti infiammatorio. grazie mille in anticipo per il tempo concessomi

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Facciamo una premessa. Nel caso di un linfonodo ingrossato a distanza tramite Internet non si può aggiungere alcun contributo senza una visita per potere tentare una ipotesi diagnostica.

Deduco da quanto scrive e dalla terapia che sta facendo credo proprio che si tratti di un linfonodo reattivo (= i linfonodi reagiscono ingrossandosi).

https://www.medicitalia.it/minforma/oncologia-medica/63-linfonodi-linfoghiandole-adenopatie-ed-sistema-linfatico.html

Pertanto a distanza non si può dare alcun consiglio ma si può dire senz'altro (cosa aspettano a dirglielo ?) che anche un linfonodo reattivo può impiegare tempi molto lunghi per "sgonfiarsi".
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com