Utente 215XXX
Buongiorno,
ho perso totalmente la serenità dopo un "incidente" presso il dentista da cui mi faccio curare.
Non riesco a dormire la notte dalla preoccupazione che possa essere stato infettato dal virus dell'epatite C.
Il mio dentista, in una delle ultime sedute in cui mi ha finito un impianto dentale, ha scattato delle fotografie con una macchina fotografica, sicuramente non sterilizzata, e successivamente mettendomele in fondo alla bocca,.
Naturalmente utilizzava sempre i guanti.
L'assistente invece, utilizzava uno specchietto per fare in modo che si potessero scattare fotografie anche sul retro del dente.
Il problema è stato quando l'assistente ha portato via lo specchietto, probabilmente pensando che non servisse più, mettendolo probabilmente insieme ad altri ferri contaminati, e poi, su rischesta del dentista, è tornata a prenderlo per scattare altre fotografie.
Io ho notato la cosa e ho visto che si è limitata solamente a sciacquarlo con acqua, asciugandolo successivamente con un tovagliolino.
Ovviamente poi me l'ha messo in fondo alla bocca per scattare altre fotografie.
Ora, considerando che comunque il mio dente aveva sanguinato, quali sono le possibilità di aver contratto qualcosa?
Nel caso in cui lo specchietto fosse stato appoggiato in un lavandino, ovviamente contaminato, il fatto di averlo sciacquato subito con acqua, mi può dare qualche speranza di non essermi eventualmente contagiato?
L'unico fattore positivo è che , fortunatamente, la mia visita è stata la prima della settimana e lo studio era rimasto chiuso 72 ore, non so se questo possa incidere positivamente sulla faccenda.
Se penso che dovrò stare 6 mesi con questa ansia per avere le analisi definitive mi sento malissimo, anche per la mia compagna, che non vorrei mai rischiare di poter contagiare.
Vi ringrazio di cuore, se vorrete rispondermi.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci

40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VALENZA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Salve,
direi che, per la meccanica che ci ha descritto, il potenziale rischio (perchè di potenziale rischio si tratta) è scarso . Peraltro lo specchietto può essere stato appoggiato sui ferri usati per lei, quindi...
In questi casi sempre chiedere e contrtollare. Direi , in ogni caso, di fare a 3 mesi (perchè a 6?) il test per HCV ma stando tranquillo, perchè io credo che dovrebbero esserci pochi rischi, nel frattempo avendo rapporti protetti con la sua compagna


saluti
Luigi Mocci MD

[#2] dopo  
Utente 215XXX

Quiedi, Dottore, nel caso in cui lo specchio non fosse stato appoggiato con altri oggetti contaminati, posso stare tranquillo?
Magari l'acqua può aver migliorato la situazione?
Per quanto riguarda l'utilizzo della macchina fotografica e delle successive "manovre" all'interno della mia bozza, è remota la possibilità di esser stato contagiato?
La ringrazio infinitamente per la disponibiltà.

[#3] dopo  
Dr. Luigi Mocci

40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VALENZA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Ripeto, se le cose stanno come ha detto lei, le possibilità di contagio sono davvero scarse. La spingo a riesaminare quanto già scritto per il rersto.
Tranquillo e buona giornata
Luigi Mocci MD