Utente 177XXX
Buongiorno,
ho eseguito a marzo il pap-test che ha evidenziato la presenza di HPV-LSIL, confermato da successiva colposcopia che ha rilevato una piccola lesione interna. Inoltre a luglio mi sono usciti vari condilomi (alcuni esterni e alcuni all'entrata della vagina), che mi hanno congelato con azoto liquido. La mia domanda è, il virus del papilloma si trasmette solo per via sessuale? o è possibile che io l'abbia contratto in qualche modo senza che il mio partner ne sia infetto? e per quanto tempo devo astenermi dall'avere rapporti considerando che mi hanno appena congelato i condilomi? Se nonostante tutto, come mi hanno detto, il virus può permanere nel mio corpo ancora molto tempo prima di essere debellato, c'è il rischio che mantenendo rapporti non si faccia altro che alimentare il contagio e spargere il virus magari più internamente fino al collo dell'utero?
Grazie in anticipo per la risposta.
Un saluto

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
L'esclusiva modalità di trasmissione dei condilomi è per via sessuale.
Chi glieli abbia trasmessi lo sa forse solo lei.
E opportuno aspettare la caduta delle croste sulle zone sulle quali si è intervenuto e successivamente usare il profilattico a tutela del partner attuale, sempre che non sia lui stesso infetto.
O lo sia stato.
Il rischio di una "risalita virale" verso la portio esiste indipendentemente dai rapporti; è per tale motivo che deve effettuare controlli ginecologici scadenzati.
Cordiali saluti
Caldarola
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 177XXX

Salve, grazie per la pronta risposta. Il mio dubbio deriva dal fatto che il mio partner è l'unica persona con cui abbia mai mantenuto rapporti, ma lui esclude categoricamente la possibilità di essere infetto. C'è un esame o prova per gli uomini che possa rilevare la presenza del papilloma? e nell'uomo regredisce spontaneamente? se sì, in quanto tempo in genere?
Saluti

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
Se lei ha avuto rapporti ESCLUSIVAMENTE con un solo partner, stia pur certa che non l'hanno contagiata gli alieni.
Ovviamente la sua vita sessuale la conosce solo lei.
Nell'uomo è prassi che durante la replicazione di HPV non vi siano manifestazioni cliniche che tuttavia non escludono la contagiosita'.
Poi viene sviluppata una risposta immunitaria con clearance virale. Che riguarda anche la donna.
La quale deve tuttavia sottoporsi a follow up ginecolocico.
Cordiali saluti
Caldarola
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.