Utente 391XXX
Buongiorno non so se postare qui o in dermatologia comunque il quesito è questo:
da poche settimane accuso pizzicore/bruciore diffuso alla pelle. Soprattutto se indosso indumenti nei punti dove questi sono più stretti, la sensazione diventa pizzicore, (esempio gambe, ascelle, collo ecc..) inoltre ho la lingua che formicola.
Premetto che sono in fase di agitazione per questo motivo:
Qualche mese fà mi comparvero questi sintomi e leggendo su internet, ho associato questi miei disagi a probabili sintomi di sieroconversione da HIV. Ebbi un rapporto circa 10/12gg prima della comparsa, ma non le avrei nemmeno associato dato che il rapporto avvenne protetto da preservativo se non avessi avuto questi problemi. La dermatologa che mi visitò escluse categoricamente rush e mi parlò di istamina in circolo dovuta a punture o allergie o stress, tanto che "scrivendo" col tappo di una biro, sulla pelle rimanevano tracce rosse (non in rilievo). L'ansia e il terrore fecero il resto (insonnia, sudorazione fredda, diarrea, pensieri su cosa potesse essere andato storto per un eventuale contagiato, ecc..) ragione per cui dopo 48 giorni ho eseguito un test Ab/Ag Ag24 CMIA risultato negativo. Mi sono calmato e tutto è passato. Poi in ferie dopo circa 2 settimane, ho ricominciato ad accusare pizzicore al petto zona clavicole, con 2/3 puntini rossi in rilievo, che ho imputato ad eritema solare. Tornato a casa però ho ricominciato ad avere gli stessi disturbi di prima, ma più acuti (ora il pizzicore si è esteso anche alla cute della testa, e quello generale è più accentuato. La pelle mi si arrossa uniformemente, senza macchie/brufoli/ecc..e se la premo rimane l'impronta bianca. Il pizzicore compare e scompare durante la giornata, solitamente alla mattina quando mi sveglio pero non ho nulla come anche la notte. Premetto che soffro di reflusso gastroesofageo e forse, (sto indagando) di disturbi al colon irritabile. Domanda: alla luce di quanto descritto chiedo:

1 se fosse stato veramente un episodio di sieroconversione, il test citato potrei consideralo certo dato che gli anticorpi in questo caso, immagino sarebbero stati presenti.

2 possibile che sia causato dal reflusso o dalla forte condizione di stress? (premetto che il tarlo HIV mi perseguita)

3 alla luce di quanto scritto, chiedo gentilmente una Vs opinione, conscio che non può essere una diagnosi assoluta.
Grazie mille

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
Sul versante dermatologico segnala solo un dermografismo che in se' può essere idiopatico e comunque non mi pare che la dermatologa abbia formulato una diagnosi.
Perciò vada da un dermatologo che sappia come muoversi per fare una diagnosi.

In quanto all' HIV se ha avuto un rapporto protetto,
le sue paure su che si fondano?
Su una pseudo cultura medica ex internet?
"Premetto che il tarlo HIV mi perseguita"
La soluzione è semplice: faccia il test HIV 1 - 2 di IV generazione con p 24 a novanta giorni, come prescritto dalle linee guida dell'ISS a conferma del test effettuato a 48 gg e aggiunga VDRL E TPHA per la Lue.
Se il tutto sarà negativo archivi le paure infondate.
Se non ci riesce allora si faccia aiutare da una figura professionale.
Arrivederci,
Caldarola
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 391XXX

Grazie per la risposta.
VDRL eTPHA per la Lue cosa sono? Sempre per HIV o per il fattore dermatologico?

Il test, passato il tempo indicato, lo farò sicuramente per non continuare ad avere dubbi.

Cordiali saluti.

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
Le ribadisco che la pelle va vista! E da occhio allenato e competente.
Dunque mi astengo da ogni diagnosi.
Le ho consigliato i due test per la Lue, VDRL e TPHA così avrà la certezza di non avere le due più temute MST, contagio HIV E SIFILIDE, ancorché se davvero ha indossato il preservativo ,e non si è lacerato, e se non ha dato baci profondi, che possono trasmettere la Sifilide, se il partner ha una lesione primaria orale o è in stadio secondario, non capisco d'onde derivino le sue paure.
Non mi dice infine se si trattava di una "professionista del sesso" o di una coetanea o di un coetaneo.
Cordiali saluti ,
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
Utente 391XXX

Buongiorno dott.
Ho gia appuntamento da un altro dermatologo x la questione pelle.
Per il resto allora,
1 si era una professionista del sesso
2 Nn ho dato baci
3 I dubbi derivano dal fatto che nn essendo un esperto, quando da sciocco digitai in internet per cercare lumi sul fattore dermatologico, lessi talmente tante cose tra cui il rush curaneo a probabili 10/15gg dal contagio (circa il mio tempo), cosa che mi ha fatto collegare le cose. È per questo che ho fatto un combo a 48gg credendo, forse erroneamente ma é il motivo della mia domanda del primo consulto, che se fosse stata veramente quella la causa, il risultato avrei potuto considerarlo sicuro essendo gia avvenuta la sietoconversione.
Mi dispiace tediarla ma il vostro sito mi è piaciuto e per questo ho pensato di chiedere a voi.
Un saluto e buon lavoro.
Le riferiro cmq l'esito delle prossime visite.

[#5] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Caro Signore,
Non mi tedia affatto.
Questo Sito è nato e vive per fornire risposte, entro i limiti di un consulto a distanza, a chi pone domande.
Le ribadisco, alla luce degli ultimi aggiornamenti, che è pressoché impossibile che lei abbia contratto HIV e Lue.
Non è impossibile che abbia preso una patologia cutanea trasmissibile.
Il dermatologo le saprà dire.
Mi faccia senz'altro sapere. Se vuole.
Buona domenica,
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#6] dopo  
Utente 391XXX

Bungiorno dott.Caldarola,

voglio farle sapere che è stato gentilissimo ed avendomi risposto ieri, non volevo "costringerla" a rispondere ancora di domenica. Sabato mattina sono andato a fare gli esami prescritti dal mio medico di base (purtroppo avendoli fatti prescrivere prima della Ns chiacchierata, non ho potuto fare inserire anche quelli da Lei consigliati) Gli ho esposto tutto (quello esposto anche a Lei), e mi ha assicurato che quelli prescritti servono a fotografare lo stato relativo ad eventuali infezioni in atto ed anche qualche allergia, cosi da avere un quadro globale anche per il dermatologo. Inoltre una eco addome basso per vedere eventuali disfunzioni anche in quella zona, dicendo che alcune patologie dovuta a fegato ecc.. provocano alterazioni cutanee con pizzicore.

Mi ha prescritto:

LDH
Gamma GT
Bilirubina
Fosfatasi
Alfa aminasi
Emocromo completo con formula e piastrine
Lipasi
IgE totali

Ritiene che possano essere esaustivi anche per quanto detto fino ad ora (HIV e Lue) o meglio che faccio prescrivere anche quelli da Lei suggeriti?

La saluto cordialmente e la ringrazio ancora

[#7] dopo  
Utente 391XXX

Buongiorno dottore,

ho ritirato gli esami che le avevo detto, tutti i valori sono normali eccetto lievemente l'ematocrito (51.1 su limite 50.5) MPV (11.9 su limite 11.5) ma soprattutto IgE che è a 224 mentre il limite deve essere inferiore a 100.

Questo valore ha attinenza con le mie "ansie" da contagio oppure indica tutt'altro?

Attendo la sua risposta.

Grazie

[#8] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
Se non l'ha già letto sulla rete, le anticipo che troverà che un' iper -IgE può essere asdociata con una HIV positività.
Ma anche con una dermatite atopica e mille altre situazioni assai più "banali".
Spetta al Clinico e solo.a lui inserirle in in contesto diagnostico.
D'altronde già il suo test a 48 giorni ha una affidabilità statistica >95/97%.
Aspetti i novanta giorni canonici e ripeta il test per il risultato DEFINITIVO.
Arrivederci.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#9] dopo  
Utente 391XXX

Buongiorno dott. Caldarola,

come da suo consiglio ho eseguito un nuovo test combo con P24 (passati 175 giorni) che è risultato negativo.

La settimana prossima ho il consulto con il dermatologo dal quale spero si possa dedurre il fattore pelle.

La ringrazio ancora delle risposte e le auguro buon lavoro.