Utente 340XXX
Salve,
desidererei esporvi il quadro della mia attuale situazione e sperare in una delucidazione.
Ho 25 anni e più di due settimane fa ho cominciato ad avvertire un dolore in un punto preciso della testa, zona temporoparietale più o meno. Il dolore attraversava varie fasi, nel senso che a tratti diventava bruciante, altre volte mi rimaneva solo un senso di formicolio. Mi sono recata al pronto soccorso dove mi hanno effettuato una tac cranio, visita neurologica ed emocromo. I primi due sono risultati negativi, mentre hanno riscontrato un lieve aumento dei globuli bianchi (14.0).
Mi hanno mandato a casa senza una diagnosi certa, prescrivendomi per scrupolo un antibiotico ad ampio spettro da prendere per tre giorni, Zitromax, e una volta finito mi hanno detto di ritornare lì per ricontrollare l'emocromo. I globuli bianchi erano sempre gli stessi accompagnati da un leggero aumento dei neutrofili. Mi hanno rimandato a casa senza una diagnosi dicendomi di parlarne col mio medico curante, o di effettuare una visita dentistica (che ancora non ho fatto).
Il mio medico di base mi ha fatto eseguire gli esami virologici sospettando una riattivazione del virus herpes zoster (da bambina, all'età di 5 anni, ho contratto la varicella). Ad oggi infatti il formicolio in quel punto della testa persiste ma è meno intenso, e accuso nuovi sintomi: un senso di "intorpidimento", di "ribollimento", che si è esteso anche lungo tutta la mandibola sinistra fino all'inizio del collo, sento come se avessi un gonfiore che mi opprime la gola o forse è un linfonodo ingrossato. In questa zona della guancia non ho evidenti eruzioni cutanee, solo piccolissimi puntini rossi che potrei benissimo confondere con brufoli, avendo io la pelle grassa.
Pertanto i risultati dei virus sono stati i seguenti:

Citomegalovirus IgG - Negativo
Citomegalovirus IgM - Negativo
Varicella IgG - Positivo 1:128
Varicella IgM - Negativo
Toxoplasma IgG - Negativo
Toxoplasma IgM - Negativo
Esptein Barr VCA IgG - Negativo
Epstein Barr VCA IgM - Negativo.

Il tutto con questi valori di riferimento:

"Negativo
Positivo > 1:16"

Insieme agli esami virologici ho ripetuto l'emocromo e i globuli bianchi erano a 11.5. Ves e Pcr nella norma.
Il valore IgG (1:128) del virus della varicella (zoster) può indicare una riattivazione recente o un abbassamento degli anticorpi che giustifichi la mia sintomatologia? Non ho febbre. Il mio medico mi ha consigliato di assumere comunque il FamVir ma io rimango molto combattuta. Non so che fare, nessuno sa darmi una risposta concreta e non so a quale specialista rivolgermi, se pensare a un problema neurologico. Mi persiste anche una sorta di astenia.
In attesa di una risposta, ringrazio per aver letto.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Cara signora,
La diluizione che riporta in assenza di IgM anti VZV a me pare la cicatrice immunitaria della varicella avuta da bambina.
Lei descrive un dolore che potrebbe avere una origine dentale, e che spiegherebbe la modesta leucocitosi neutrofila, o una nevralgia trigeminale.
Sta al suo Curante verificare che non vi siano lesioni cutanee compatibili con uno Zoster o, nel caso non sia capace, inviarla da un infettivologo.
È ben vero che spesso lo Zoster è preceduto da prurito, bruciore cutaneo, formicolio ma lei questi sintomi li ha da due settimane.
Prescrivere il famciclovir, farmaco peraltro ben tollerato, senza lesioni in atto, è a mio avviso del tutto irrazionale, quanto prescrivere lo Zitromax in P.S. in assenza di una diagnosi "per scrupolo" in presenza di una leucocitosi.
Torni dal suo Curante e faccia verificare l'assenza o la presenza di lesioni da Zoster: se non vi sono e' veramente improbabile che lei ne sia affetta.
Saluti cordiali,
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.